Utente cancellato
Gentili Dottori,
nel mese di febbraio 2012 ho avuto un cesareo. In ospedale, dopo l'intervento, nessuno mi ha detto nulla su quanto aspettare per avere una nuova gravidanza.Conoscendo personalmente 2 donne che hanno avuto una seconda gravidanza iniziata a pochi mesi da un cesareo (gravidanze andate benissimo) e desiderando subito un secondo figlio, non ho adottato metodi contraccettivi. Ora,a 5 mesi dal cesareo ho avuto un test di gravidanza positivo, ero contenta, ma leggendo quà e là mi sto spaventando: quanto è reale il rischio di rottura dell'utero con una gravidanza iniziata a pochi mesi dal cesareo? se possibile, anche se mi rendo conto che è molto soggettivo, vorrei sapere l'esatta percentuale di rischio con un concepimento a soli 4 mesi e mezzo di distanza circa. Il rischio di rottura riguarda solo i mesi avanzati? Devo stare a riposo, devo fare visite più ravvicinate? Il mio ginecologo ora è in ferie, appena possibile farò una visita.
Attendo fiduciosa qualche risposta, grazie!

[#1] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
In genere si consiglia un periodo compreso fra 12 e 18 mesi di distanza da un Taglio cesareo prima di una successiva gravidanza.
Lei ha bruciato i tempi.
Non si possono fare in questi casi, come immaginerà, delle previsioni o dare percentuali.
La cosa è strettamente individuale e dipende da tanti fattori:
a) età della gestante
b) tipologia del Taglio Cesareo (Pfannenstile o Stark)
c) pregresse cicatrici uterine da interventi non ostetrici (miomectomie in primis)
d) caratteri della cicatrizzazione della paziente
e) presenza o meno di malattie che interferiscono con i processi riparativi (diabete, malattie tiroidee, malattie autoimmuni)
f) crescita fetale nei mesi "alti" della gestazione

e l'elenco potrebbe continuare.
Perciò: si goda la sua gravidanza e faccia fare allo Specialista curante.
Lui/Lei saprà come e cosa fare nel Suo specifico caso.


Saluti ed auguri.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
202209

dal 2012
Dottor Santoro, la ringrazio molto della risposta! purtroppo a distanza di 3 giorni dal test positivo ho avuto le mestruazioni, avevo anche fatto il dosaggio del betahcg, era positivo ma molto basso e il medico mi ha spiegato che deve essersi trattato di una gravidanza biochimica. E' già tutto finito, ma ho letto con piacere la sua risposta. Mi chiedo come mai i medici dell'ospedale non mi abbiano avvisata che avrei dovuto aspettare prima di riprovare a restare incinta, io ingenuamente davo per scontato che non avendomi detto nulla, non ci fossero problemi. Sarà che ne ho sentite (alcune sono mie conoscenti) tante di donne che hanno avuto 2 cesarei ravvicinati e mamme e bimbi stanno bene, però la sua spiegazione è preziosa per me, posso chiederle in che senso conta l'età, vuol dire che meno si è giovani e più si dovrebbe aspettare o il contrario? e per sapere che tipo di intervento mi hanno eseguito, se lo Stark o lo Pfannenstile, devo richiedere la cartella clinica? Il medico di base mi ha detto che con lo Stark basta un'attesa di 6 mesi per scongiurare rischi, ma è vero?
Scusi se mi sono dilungata!
Saluti

[#3] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Nessun problema.
Per la tipologia del Taglio Cesareo può chiedere copia della cartella. Il cesareo sec. Stark o sec. Pfannenstiel è riportato in cartella.
Vedo che ha 37 anni , ma credo che un'attesa di 1 anno (e non 6 mesi) dal taglio cesareo prima di iniziare le "prove" vada fatta e, nel Suo caso, non pregiudichi assolutamente nulla in nessun senso.



saluti.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli