Utente 265XXX
Salve,

ho un dubbio riguardo la mia gravidanza:

* cicli irregolari che variano tra 29 e 39 giorni
* ultimo ciclo 5 luglio
* sull'ovulazione ho alcuni dubbi, ma sull'impianto credo sia avvenuto il 31 luglio, ho avuto dolori e 2 giorni di piccole perdite
* beta 7.797 il 16 agosto
* prima visita il 23 agosto: presente camera gestazionale intrauterina, e embrione di 3mm, non presente battito (ridatata a 5 settimane)
* beta il 24 agosto 17.600 circa (non ricordo preciso il valore)
* seconda ecografia embrione ancora di 3mm, senza battito e beta a quasi 22.000 il 29 agosto

Premetto che ho un'ulteriore ecografia lunedì, e la diagnosi è già al 99% aborto interno, ma nell'attesa mi chiedevo come mai con un embrione a questo punto fermo da 3 settimane, le beta stiano comunque crescendo... non dovrebbero piuttosto scendere? Dagli esami sembra che l'embrione si sia fermato a 5 settimane (ora avrei dovuto essere a 8), quindi in teoria le beta dovevano rimanere sui 7000 o essere minori.

Grazie per la risposta

[#1]  
Dr. Giampietro Gubbini

44% attività
20% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Gentile utente
Le beta possono ugualmente crescere anche in vaso di gravidanza interrotta in quanto il "trofoblasto (placenta)"può continuare a produrre ormoni.
Saluti
Dr. Giampietro Gubbini

[#2] dopo  
Utente 265XXX

Egregio Dott. Gubbini,

la ringrazio molto per la rassicurazione, temevo per un mola vescicolare.
Le chiedo un'ultima cosa: in questo caso è improbabile una espulsione naturale? E' necessario un raschiamento?
Il mio scopo sarebbe quello di poter riprovare dopo un ciclo, non ho problemi ad affrontare un raschiamento o ad attendere il corso naturale, se questo però non si protrae per mesi... per indeterci.

Grazie ancora.
Saluti

[#3]  
Dr. Giampietro Gubbini

44% attività
20% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
-Per una mola vescicolare le beta dovrebbero avere valori maggiori.
-può non essere necessario un raschiamento ( che permette anche un esame istologico!)
-segua a questo punto le indicazioni del suo ginecologo
Un cordiale saluto
Dr. Giampietro Gubbini