Utente 273XXX
Salve, Vi scrivo per chiederVi delucidazioni su quanto riportato nella relazione della mia morfologica fatta a 21+3.

Premetto che la mia bambina sta benissimo, tutte le misure sono nella norma, tutti gli organi sono stati individuati e non ci sono anomalie o malformazioni da segnalare.

Unico mio cruccio è la dicitura: placenta bassa con distanza di 14mm dall' ORIFIZIO UTERINO INTERNO (OUI).
Su internet si trovano tante informazioni e tante esperienze, ma quello che io non capisco è:

1) quanto grave è la mia situazione?
2) mi trovo in una situazione di placenta previa centrale o placenta previa marginale?
3) posso sperare che la sistuazione migliori (e fino a che settimana la situazione può migliorare?)?
4) a che distanza dall'OUI la placenta non viene più considerata bassa, e quindi si procede con un parto naturale (e non con un cerareo)?
5) devo adottare delle precauzioni particolari oltre a quelle di non avere rapporti, di evitare sforzi, e di stare più a riposo?

Grazie per le risposte che mi vorrete fornire.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Si ricordi che la placenta occupa circa 1/4 della superficie uterina intorno alla 20 settimana ed 1/8 a termine di gravidanza, questo evento viene definito impropriamente "migrazione placentare".
1. alla prima domanda rispondo con la precedente precisazione
2. la placenta "previa marginale" si estende sul segmento uterino inferiore fino a 2 - 3 cm dall'orificio cervicale interno (OUI) , la " placenta previa laterale " si estende sul segmento uterino inferiore ma è ad almeno 5 cm dall'orificio cervicale interno.
Anche se sottolineo che il 90% delle diagnosi effettuate alla 20^ settimana , regrediscono.
la distanza (14mm) farebbe pensare ad una previa centrale, ma va valutata a termine di gravidanza.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 273XXX

Gentilissimo Dott. Blasi, volevo aggiornarLa circa la mia situazione: venerdì scorso, a 30+4, la mia placenta previa marginale si trovava a 23 mm dall'OUI....dal 22 novembre al 24 gennaio è quindi risalita di 9 mm...quanto è realistico che, a 34+4 (data in cui il ginecologo vuole rivedermi) la mia placenta sia risalita ancora di 9 mm, considerando che è proprio questa parte di utero che si estende al termine della gravidanza?....

Secondo Lei, considerando la mia situazione, che probabilità ci sono che io, prima del termine, vada incontro a emorragia spontanea e distacco di placenta? Il ginecologo mi ha detto che questo problema (distacco di placenta ed emorragia) si potrebbe verificare non tanto ora, quanto durante il travaglio, e questo sarebbe molto pericoloso...Lei conferma questa visione ottimistica?

Il ginecologo mi ha detto solo astinenza dai rapporti (cosa che faccio da sempre, da inizio gravidanza) e riposo (non assoluto..ovviamente io già di mio non sollevo nè sposto pesi, non faccio le scale, passo molto tempo sul divano, mi concedo ogni tanto qualche passeggiata breve).

Quanto è realistica, nelle mie condizioni, la possibilità di un cesareo programmato?

La ringrazio ancora una volta per la Sua disponibilità!

Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ma non è scritto da nessuna parte che con una placenta marginale ci sia un distacco di placenta ,quindi crolla tutto il discorso basato su questa equazione.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI