Battito fetale assente

Buonasera,ho avuto le ultime mestruazioni il 22/03. Alla prima ecografia effettuata il 07/05 ( 6+4) si vedeva solo camera e sacco vitellino,alla seconda ecografia fatta oggi a distanza di una settimana si vede embrione ma non battito. Il mio ginecologo mi ha detto di fare le beta e poi rifarle a distanza di 4 gg. Ha parlato di possibile aborto. Ma io mi chiedo se settimana scorsa non si vedeva l' embrione e ora si vede non potrebbe essere solo un ritardo nella ovulazione? Posso avere ancora un po' di speranza che tutto possa procedere bene? Grazie
[#1]
Dr.ssa Lucia Vecoli Ginecologo 905 36 125
Gent.Sig., esistono delle Linee Guida della Società' Italiana di ecografia che correlano chiaramente la presenza del battito alle dimensioni dell' embrione. Se l'
embrione e' inferiore a 5 mm di lunghezza e' possibile che ancora non sia visualizzabile il battito cardiaco. Se non si hanno perdite di sangue, basta attendere una settimana e ripetere l'ecografia. Prima di diagnosticare un aborto occorre la massima cautela. Bene ha fatto il suo ginecologo a consigliarle di attendere, prima di pensare ad una simile eventualità'. Molte gravidanze infatti iniziano in ritardo rispetto a quanto si potrebbe pensare in base alle mestruazioni, perché' l'ovulazione e quindi la possibilità' di avere un concepimento possono variare da donna a donna e, nella stessa donna, da un ciclo all' altro. Un pochino di pazienza e tra pochi giorni si chiarirà' tutto. Auguri vivissimi.

Dr. Lucia Vecoli

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio molto anche perché due anni fa ho subito un aborto con parto indotto in diciottesima settimana e questa gravidanza la sto vivendo con grande ansia purtroppo. Il ginecologo ha misurato l' embrione in modo piuttosto frettoloso,da ciò che leggo a lato dell' eco dovrebbe essere di 3,9 mm. Mi ha però detto che la camera non si e' molto ingrandita rispetto alla settimana scorsa e questo non e' un buon segno. Lei cosa ne pensa? Grazie
[#3]
Dr.ssa Lucia Vecoli Ginecologo 905 36 125
Come le ho scritto, il mio consiglio in questi casi è sempre improntato al massimo scrupolo. In medicina la fretta è cattiva consigliera, la diagnosi di aborto deve essere sempre ben ponderata. Capisco l'ansia delle pazienti, ma in questi casi è opportuno ripetere gli esami secondo le norme della buona pratica clinica. Coraggio!

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test