Utente 155XXX
Gentili Dottori,
scrivi per avere un parere in merito a quanto sotto esposto:

Il 13.11 ho eseguito la solita ecografia di controllo, alla 35+4 (u.m. 10/3 DPP 17/12) e per la prima volta leggo liquido amniotico transonico - nei limiti superiori alla norma per quantità.

Il ginecologo mi dice che non sono ancora nella condizione patologica di polidramnios ma che devo stare attenta perché per effetto della pressione interna potrei subire una rottura anticipata del sacco e quindi essere costretta a un parto prematuro.

Ci sono rischi per il feto con un liquido così abbondante?

Se arrivassi a termine nelle stesse condizioni cambierebbe qualcosa durante il parto?

Da che può essere generato questo aumento di liquido (15gg fa ultima ecografia era nella norma ed anche la flussimetria dell'arteria uterina e del cordond non rilevava problemi)?!?

Sono un po' spaventata perché leggo di patologie fetali al riguardo e so che nelle ultime settimane il liquido dovrebbe addirittura diminuire.
Segnalo che nell'ecografia pre-morfologica, nella strutturale e nelle due eco di accrescimento (di cui l'ultima 15gg fa fatta in 3D) eseguite, per altro, da specialisti diversi, non sono mai emerse criticità.

Preciso che i valori della glicemia sono nella norma ( 86 range 65-110 HbA1c 4,9% range 4,0-7,0) e non vi è stato bisogno di sottopormi a curva/minicurva glicemica.
Pressione 110/70 incremento peso 9kg (ultimo mese ho anche perso 1kg)
Bevo 2l di acqua al giorno lontano dai pasti e mangio senza (o con pochissimo) sale. Ho ridotto fortemente anche i carboidrati.
Ho solo un leggero mal di schiena e nessuna contrazione (leggeri indurimenti sporadici e non dolorosi)
Collo dell'utero perfettamente chiuso.

Riporto anche la biometria fetale che corrisponde a 34+5 (lo scarto di qualche giorno rispetto alla mia età gestazionale è costante da inizio gravidanza) :
DBP 86
Omero 59
CC 305
Femore 67
CA 314
P.I a. Ombelicale 1.07
Fc 167 bpm
Stima peso sec Hadlock4
pari a kg 2578

La bambina ha la testa posizionata verso il
basso e si muove in maniera vivace

Cosa ne pensate?

Ringrazio di cuore tutti coloro che vorranno prestarmi attenzione.

[#1] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Anzitutto non ho percepito se il liquido amniotico è superiore alla norma o ai limiti superiori della norma.
Se fosse superiore alla norma, le biometrie fetali (nella norma ma verso i limiti superiori di questa) potrebbero far ritenere probabile una discrasia lieve nel metabolismo glicidico.
La curva da carico si esegue IN TUTTE LE GRAVIDE, indipendentemente dai valori della glicemia a digiuno o dell'emoglobine glicosilata.
Infatti è il comportamento dell'analita nel tempo di fronte ad un carico preventivamente conosciuto a fare la differenza fra le determinazioni normali e quelle dinamiche.
Ora, però, è tardi, data la sua epoca di gestazione.
In linea generale, il 70% circa dei polidramnios è idiopatico, senza una causa evidenziabile. IL resto può essere secondario ad una serie molto numerosa di condizioni.
Da queste pagine è davvero impossibile darLe una qualche notizia più precisa se non quella di raccomandarle controlli ripetuti. Se, però, finora ecograficamente non sono emersi problemi specifici, la cosa che viene da pensare più facilmente è quella di un polidramnios associato ad un accrescimento fetale superiore alla media (e non alla norma).

Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
Utente 155XXX

Gentile Dottore,
innanzitutto grazie per la celere risposta.

Precisamente sul l referto c'è scritto "nei limiti superiori della norma per quantità" pur non citando a quanto ammonta il valore AFI.

Ho un prossimo controllo tra 10gg; ho effettuato controlli mensili con il ginecologo che mi ha seguito per la ICSI, poi dalla strutturale mi segue quest'altro specialista con cadenza mensile e 15gg fa ho eseguito l'ecografia di secondo livello ancora da un'altro specialista per avere ulteriori conferme.

Nessuno fin'ora mi ha mai evidenziato problemi relativi all'accrescimento e alla biometrie.

Quindi, se ho capito bene, devo ritenere che sia dovuto ad un feto più grande di quello che dovrebbe essere a quest'epoca gestazionale?

E se così fosse, ciò può comportare dei problemi particolari al feto?

C'è qualche cautela che posso adottare nel frattempo per gestire la situazione?

La ringrazio vivamente per la Sua preziosa disponibilità.

[#3] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Lo sviluppo del feto non è più elevato rispetto all'epoca, ma ai limiti superiori della norma per l'epoca. In altri termini: lo sviluppo del suo bambino è quantitativamente NORMALE.
La differenza la spiego così:
glicemia normale 60 (min) - 100 (max). Media 80.
Nella limiti della norma = da 60 a 100.
Nella media = 80 o intorno a 80.
Ai limiti alti della norma = intorno ai 100
Ai limiti minimi della norma = intorno ai 60.
Superiore alla norma = oltre i 100
Inferiore alla norma = sotto i 60.

L'importante è che le ecografie finora eseguite non hanno mostrato delle anomalie strutturali del feto.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#4] dopo  
Utente 155XXX

Egregio Dottore,
grazie innanzitutto per le sue rassicuranti e chiare risposte.

Sono appena di ritorno dalla visita con il ginecologo al quale ho portato in visione l'esame delle urine del 19 u.s. nel quale risulta, per la prima volta, glucosio nelle urine presente per 250 mg/dl.

La settimana di gestazione attuale è la 38esima (oggi 37+0).

Sebbene fino ad ora non siano mai emersi sbalzi nella glicemia ed emoglobina glicosilata (valori sempre costanti - ultimo prelievo del 10/11 glicemia 86 HbA1C 4,9%) mi ha prescritto la curva glicemia da carico per 75gr di glucosio con prelievo a 0/60/120'.

In merito al liquido amniotico risulta essere sempre ai limiti superiori della norma, sebbene mi sia stato chiarito che la valutazione è stata fatta secondo criterio soggettivo (quindi senza misurazione dei parametri secondo l'indice AFI)

L'alimentazione che sto seguendo, già da inizio ottavo mese, prevede 3 fette biscottate integrali al mattino e latte scremato- niente pane e pasta a pranzo eccetto di domenica per 50/60gr - 50gr di pane alla sera o al massimo 50gr di pasta abbinata ai legumi. Abbondanza di proteine e verdure. Frutta non ne mangio proprio perchè non la gradisco.
Logicamente niente bevande dolci, succhi, dolci e zuccheri raffinati ecc.

I valori ecografici rivelano una biometria a 36+2 con i seguenti valori:
DBP 89mm OMERO 62mm HC 323mm CA 322mm FEMORE 70mm - peso stimato sec. Hadlock4 gr 2887

Collo dell' utero chiuso e nessuna contrazione significativa al momento.

Alla luce di quanto sopra volevo, gentilmente, chiederle:

1) nel caso di curva positiva cosa devo aspettarmi in merito al parto? quali complicazioni possono insorgere per il feto?
quali sono le precauzioni che posso adottare?

2) nel caso di curva negativa mi è stato accennato ad un probabile superamento della soglia renale, se ho capito bene.
Questo comporterebbe qualche complicanza o lo devo ritenere una modificazione fisiologica del metabolismo in gravidanza?

3) Secondo il ginecologo il lieve aumento del liquido amniotico non desta preoccupazione (potrebbe però spiegare la sospetta l'intolleranza glucidica) ma nulla più se non una rottura prematura delle membrane pre-termine.

Secondo l'ostetrica del corso preparto dovrei addirittura favorire i rapporti sessuali già adesso (termino i conti il 10/12) al fine di indurre le contrazioni ed evitare una probabile induzione al parto a causa del fatto che la bambina potrebbe non impegnare il canale a causa del maggiore liquido in utero.

Ha valore quest'ultima indicazione secondo Lei? mi conviene seguirla? non è troppo presto rispetto al termine dei conti?

Mi scuso per essermi dilungata e spero in una Sua, come sempre, confortante risposta ed intanto Le auguro una buona serata.

[#5] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
1) nel caso di curva positiva cosa devo aspettarmi in merito al parto? quali complicazioni possono insorgere per il feto?
quali sono le precauzioni che posso adottare?

2) nel caso di curva negativa mi è stato accennato ad un probabile superamento della soglia renale, se ho capito bene.
Questo comporterebbe qualche complicanza o lo devo ritenere una modificazione fisiologica del metabolismo in gravidanza?


Come Le ho detto, al curva da carico ha un suo periodo di significatività (26ma - 30ma settimana al massimo). Dopodichè perde il suo valore diagnostico. Perdendo il suo valore diagnostico non possiamo parlare di "curva positiva" o di una curva "negativa" a 38 settimane

3) Secondo il ginecologo il lieve aumento del liquido amniotico non desta preoccupazione (potrebbe però spiegare la sospetta l'intolleranza glucidica) ma nulla più se non una rottura prematura delle membrane pre-termine.

Non sapendo nei dettagli di quanto il liquido amniotico è aumentato, non posso esprimere pareri: mi ricollego, pertanto, a quanto espresso dal Collega.

Secondo l'ostetrica del corso preparto dovrei addirittura favorire i rapporti sessuali già adesso (termino i conti il 10/12) al fine di indurre le contrazioni ed evitare una probabile induzione al parto a causa del fatto che la bambina potrebbe non impegnare il canale a causa del maggiore liquido in utero.

Ha valore quest'ultima indicazione secondo Lei? mi conviene seguirla? non è troppo presto rispetto al termine dei conti?

Il periodo della gravidanza "a termine" ha inizio 14 giorni prima della fine dei conti ostetrici (per intenderci quelli del Ginecologo e non quelli della paziente). Se il liquido amniotico è ai limiti superiori della NORMA, quindi, in altre parole, NORMALE, non vedo il motivo di adottare particolari precauzioni o situazioni comportamentali specifiche.
IL peso da Lei riportato, rispetto alle sue settimane è nella norma. Non si tratta di un bimbo LGA (grosso per l'epoca). Quasi 2900 gr a 38 settimane non suscita reali preoccupazioni, anche considerando il 10 - 12% di errore standard sul peso calcolato in eco.

Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#6] dopo  
Utente 155XXX

Grazie mille dottore.

Purtroppo il mio curante ha deciso solo ora di sottopormi a curva glicemica (sarei stata più tranquilla se l'avessimo fatta prima piuttosto che ora, giusto alla fine)
..quello che mi desta preoccupazione è che mi ha parlato di una ipoglicemia fetale che si potrebbe generare nella bambina in caso risultassi positiva alla curva.

Intanto aspetto i risultati cercando di capire il perché di questi sbalzi nei valori..

Se non fosse stato per quest'ultimo intoppo avrei potuto vantare una gravidanza senza alcun sintomo o problema!

Per la nascita aspetterò, come Lei giustamente consiglia, che il travaglio cominci da solo ....anche senza conoscenze mediche qualcosa mi dice che è meglio non forzare la natura!

Cordialmente

[#7] dopo  
Utente 155XXX

Dottore giusto per aggiornarla...
Alla fine ho ritirato il nuovo esame delle urine e non c'è più presenza di glucosio!

Infine la curva da 75gr evidenzia questi valori:
Basale 84 mg/dl - a 60min 163 mg/dl - a 120min 124mg/dl

Che ne pensa?

Grazie

[#8] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Anche se, come Le ho detto, la curva non ha significatività al Suo periodo di gestazione, i risultati ottenuti sono normali.
Torno a ribadire i concetti già espressi in merito al resto.

Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli