Utente 306XXX
Vi scrivo perché sono nel panico.
Ero finalmente rimasta incinta, dopo due anni di ricerca. Con la laparoscopia si era scoperto che avevo le tube schiacciate, me le hanno sistemate e il mese dopo ero incinta. A 9+5 andava tutto bene. Alla TN (12+1) invece ci si accorge che il battito non c'era più e che la crescita si era fermata a 10+2 (3,67 cm). Alla 12+5 mi hanno fatto il raschiamento, ma oggi ho scoperto che non mi hanno fatto l'immunoprofilassi anti D, me lo ha ammesso il ginecologo stesso che mi ha fatto il raschiamento. Oltre ad essere sbalordita e incazzata nera.... ora sono soprattutto preoccupata. Ora mi hanno detto di fare il test di coombs tra due mesi per vedere se è negativo. Però scusate ho mille dubbi!
1 se fosse positivo? cosa succederebbe alla prossima gravidanza?
2 se fosse negativo? sarei "salva"... cioè non dovrei preoccuparmi per una prossima gravidanza?
3 se avessi un'altra gravidanza, mi hanno detto che sarei super monitorata, dovrei fare il test di coombs tutti i mesi e forse anche delle punture (non so se ho capito bene), ma quali rischi si corrono che non avrei corso se avessi fatto la puntura?
Scusate vi prego di rispondermi perché sono disperata!
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Deduco che il suo Rh è negativo e quello del suo compagno Rh positivo .
Questa è la situazione in cui il prodotto del concepimento potrebbe avere un fattore Rh positivo.
In questi casi di pratica comunque l'immunoprofilassi anti -D, non potendo conoscere il fattore Rh dell'embrione/feto.
Il TEST DI COOMBS indiretto se positivo bisogna comunque praticare la profilassi con immunoglobuline anti D e proseguirla sino a negativizzazione del test di COOMBS indiretto , preferibilmente prima di affrontare un'altra gravidanza.
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 306XXX

Innanzitutto la ringrazio per la risposta tempestiva, però mi permetto di chiederle altre cose:
Sì, io sono A RH negativo e il mio compagno è 0 positivo.
1) Mi hanno detto che dall'esame istologico non si può vedere rh del feto, me lo conferma?
2) se invece il TEST DI COOMBS fosse negativo, rischierei comunque in un'altra gravidanza? Dovrei fare o seguire protocolli specifici? Oppure sarei a "rischio" come per la prima gravidanza?
3) secondo lei che probabilità ho di essere o non essere venuta in contatto con il sangue del feto? considerando che c'è stato un raschiamento alla 12+5, ma che il feto era fermo dalla 10+2? Le specifico che non ho mai avuto perdite di sangue o minacce di aborto, nemmeno negli ultimi giorni, prima del raschiamento. Ho avuto perdite ematiche consistenti solo dopo l'intervento. Consideri che ho l'utero bicorne bicolle e che quindi mi hanno detto che doveva pulirsi bene anche il corno dove non c'era l'embrione.
4) ultima domanda, forse folle, ma mi balla in testa da ieri, quindi gliela pongo: se rimanessi incinta una seconda volta, abortissi e facessi la puntura, allora a quel punto sarei a posto per una terza gravidanza?
La ringrazio molto.

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'esame istologico non mette in evidenza il gruppo sanguigno ed il fattore Rh.
Se il test di Coombs indiretto è negativo , in una futura gravidanza dovrà ripetere ogni 30 gg il test di COOMBS.
Alla terza domanda è impossibile darle una risposta certa.
L'ultima domanda è assurda , meglio non rispondere , non ha un razionale scientifico.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 306XXX

Grazie mille per le delucidazioni.
Immaginavo che l'ultima domanda fosse assurda. Non mi rimane che sperare con tutto il cuore che il test di COOMBS sia sempre negativo.
Se non le dispiace, la aggiornerò sugli sviluppi.
Grazie ancora.
Cordiali saluti

[#5] dopo  
Utente 306XXX

Gent.mo dottore,
le scrivo per aggiornarla. Oggi ho ritirato il test di coombs indiretto ed è negativo. Ora ovviamente spero che rimanga tale.
Mi rimangono dei dubbi però:
Se fossi venuta in contatto con il sangue del feto, dopo quanto tempo il test di coombs si dovrebbe positivizzare? Non dovrebbe positivizzarsi subito? Questo l'ho eseguito dopo 15 giorni dal raschiamento. Troppo presto?


PS: forse nei messaggi precedenti non ho spiegato bene. L'immunoprofilassi dopo il raschiamento non mi è stata fatta per ERRORE... non hanno guardato il fattore RH

[#6] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Per questo deve ripetere il test di COOMBS indiretto ogni 20/30 giorni , augurandoci che resti sempre NEGATIVO !
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#7] dopo  
Utente 306XXX

Salve dottore,
volevo informarla che dopo quella disavventura il mio test di coombs fortunatamente è risultato negativo.
Adesso, dopo più di un anno, sono di nuovo rimasta incinta, ma ho avuto un aborto spontaneo (o lo sto avendo) e sono rh-, il mio compagno è rh+. Sapevo che la gravidanza non sarebbe andata avanti in quanto le beta hcg non sono mai salite bene:
5/05= 66,6
9/05= 182,11
13/05= 586,58
16/05= 1183,11. Il giorno dopo queste ultime beta (17/05) ho fatto un'ecografia presso il ginecologo che mi segue e si è vista una camera di 5/6mm priva di echi embrionali. In tale sede ho chiesto se avrei dovuto fare l'immunoprofilassi nel caso di aborto spontaneo immediato e mi è stato detto di no... che visto che l'embrione non era visibile, non c'era possibilità di scambio di sangue.
La sera stessa ho iniziato ad avere mal di pancia e perdite rosse.
Il giorno dopo (18/05) il dolore si è acutizzato, ma le perdite erano poche. Mi sono recata al P.S. Dove, facendomi un'altra eco, si è vista la camera uguale al giorno prima. Anche lì ho chiesto se avrei dovuto fare l'immunoprofilassi se si fosse risolto tutto da solo (no raschiamento) e mi è stato detto di sì.
Da allora ho come una mestruazione, a volte quasi normale, ma il più del tempo piuttosto scarsa.
Il 20/05 ho ripetuto le beta ed erano 429,98 e le perdite, ad oggi, sono scarse.
Domani devo tornare dal mio ginecologo per fare una nuova eco.
Le mie domande sono queste:
1) devo fare sì o no l'immunoprofilassi anche se non faccio il raschiamento? Se sì quando? Tenga conto che ho perdite dal 17 sera. Perchè il mio ginecologo non è propenso a farla?
2) Se la si fa, il test di coombs resterà positivo per qualche mese e non potrò cercare una nuova gravidanza?
3) Perchè, secondo lei, ho perdite così scarse? Non mi sto pulendo bene e ci sarà bisogno di intervenire con farmaci o con raschiamento?
Grazie mille in anticipo per la cortese risposta.

[#8] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Per estrema cautela si può eseguire l'immunoprofilassi
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI