Utente 476XXX
Buongiorno,
Vorrei avere un parere riguardo la mia situazione. Premetto che assumo la pillola contraccettiva da maggio 2016 quindi sono circa un anno e mezzo. La pillola in questione è Effiprev che mi era stata prescritta per problemi di acne. Ad oggi la uso anche come contraccettivo orale, però spesso mi sorgono molti dubbi soprattutto per ciò che si legge in rete e io sono una ragazza molto ansiosa.
In questi giorni mi sono sorti dei dubbi, in quanto mi sono ricordata di aver avuto un episodio di vomito il 26/11. La pillola l’ho assunta alle 23 circa e l’episodio è avvenuto intorno alle 04:30. Non ho preso alcuna pillola in aggiunta, se non quella del giorno successivo sempre alle 23. Ero a inizio settimana del secondo blister, 11esimo giorno. Il giorno seguente ho avuto un rapporto. Il ciclo da sospensione per questi due mesi è sempre arrivato puntuale e normale, però poi in internet si legge che con la pillola è possibile che nei primi due mesi di gravidanza, soprattutto se non ci si accorge, il ciclo può venire comunque e quindi sono iniziate le paranoie che quell’episodio di vomito possa aver compromesso l’efficacia della pillola.
LA MIA DOMANDA È
è possibile che nell’arco di due mesi il ciclo da sospensione si verifichi sempre puntuale e con flusso normale anche se si fosse instaurata una gravidanza? L’episodio di vomitonha compromesso l’efficacia della pillola, anche se in teoria trascorse le 4 ore di assorbimento? Ringrazio per l’attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Tranquilla , il comportamento è stato corretto , l'episodio di vomito è avvenuto oltre le canoniche 4 ore e quindi nessun problema di alterazione dell'effetto contraccettivo.
La leggenda metropolitana delle mestruazioni puntuali se insorge una gravidanza , è sempre viva purtroppo ed è difficile contrastarla , come tutte le "fake-news" .
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI