Utente 479XXX
Buonasera,

spiego il mio problema. Ho assunto la pillola Ginoden per ovaio policistico non grave da aprile 2017 a gennaio 2018. A causa di: aumento di peso (3kg), sbalzi d'umore e cellulite incontrollabile, la mia ginecologa mi ha consigliato di cambiare da Ginoden a Klaira. Ho aspettato la fine dei 7 giorni di pausa di Ginoden e dal 18 gennaio assumo Klaira. Il risultato è che al 10° giorno (27 gennaio) mi sono tornate le mestruazioni (che devono ancora finire) e ho una ritenzione idrica insopportabile. Faccio sport almeno 3/4 volte a settimana e sto molto attenta a mangiare perché voglio perdere peso (nonostante abbia 24 anni e, prima di prendere la pillola, non abbia mai avuto problemi in questo senso). Appena finite le mestruazioni, durante cui il gonfiore si era attenuato, mi è tornato tutto.
Non so più che fare.
La ginecologa mi ha lasciato molto libera sull'idea di abbandonare la pillola per vedere se poi torno irregolare come l'anno scorso o meno, ma questo mi confonde ancora di più. Ho sentito anche la dottoressa di base, ma non mi è stata per nulla d'aiuto perché mi ha rimandata alla ginecologa.
L'idea che continua a ronzarmi in testa è di finire questo blister e smettere di prendere la pillola per un paio di mesi, per "rimettermi a posto" fisicamente e vedere come va col ciclo, per poi rifare gli esami di controllo e, nel caso, riprendere. Da un lato non vorrei sottoporre il mio corpo a stress eccessivi, dall'altro questo eccessivo gonfiore mi sta esasperando. Mi fa sentire davvero a disagio, contando che tra dieta e sport il non perdere nemmeno un etto mi demoralizza alquanto.

So che un consulto online non potrà mai essere come un consulto faccia a faccia, ma non so più davvero a chi rivolgermi.

Ringrazio moltissimo chiunque rispondesse.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In questi casi è importante la personalizzazione del clima ormonale della pillola da prescrivere, cosa che richiede collaborazione tra la utente della pillola e il Ginecologo .
Deve tener conto che quando si inizia una nuova pillola e quindi una nuova combinazione , il giudizio si esprime almeno dopo tre mesi.
Nel frattempo sono presenti in commercio integratori che aiutano a smaltire l'eccesso di liquidi ( PILLOLA per la PILLOLA).
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 479XXX

Va bene: sarò più paziente ed aspetterò i tre mesi di adattamento.

La ringrazio molto per il suo parere!