Utente 500XXX
Buongiorno,
Sono alla 21 settimana di gravidanza e premetto che non sono una bevitrice di bibite gasate.
Questo weekend ho però bevuto qualche bicchiere di coca cola zero e la notte non mi sono sentita bene. Avevo tremendamente caldo, un’acidita di stomaco terribile e sentivo inoltre, muovere tantissimo il mio bambino.
Posso aver causato danni?
Grazie mille per il vostro consulto,
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Guido Guasti

24% attività
20% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2017
Carissima buongiorno.
La bevanda gassata di cui parla contiene caffeina.
La caffeina stimola la produzione di acidi gastrici e, proprio per questo, a volte può causare mal di stomaco
L’uso della sostanza può aumentare leggermente la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca della gestante, così come manifestare un blando effetto diuretico, ma un consumo moderato non è considerato un rischio.
Nell'uomo persino quantità elevate di caffeina non risultano connesse a una maggior incidenza di malattie o malformazioni congenite. La caffeina attraversa la placenta. Grandi quantità di caffeina possono essere dannose tanto per il feto quanto per gli adulti. Alcuni studi affermano che i figli di donne che consumano più di 500 mg/dì di caffeina hanno maggiori probabilità di avere una frequenza cardiaca e respiratoria alta, di soffrire di tremori e di rimanere svegli più a lungo nei primi giorni di vita.
Questi sono dati di letteratura, direi che può essere totalmente tranquilla.
Buon pomeriggio
Dr. GUIDO GUASTI

[#2] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Bisogna bere con moderazione bevande che contengono caffeina.
soltanto in donne abituate all'assunzione di molti caffè , alla sospensione improvvisa potrebbero avere effetti rebound come la cefalea .
Le bibite gassate producono eccessivo meteorismo e peggiorano l'acidità di stomaco (reflusso gastro-esofageo ) probabilmente si saranno associate varie situazioni intestinali.
Nessun danno al feto
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI