Utente 402XXX
Gentili dottori, spero davvero di trovare in voi un valido aiuto. Ho 32 anni e nel 2016 a seguito di un fibroma uterino intramurale di 8cm ho subito un intervento in laparotomia. Mi hanno ammeso in ospedale con emoglobina a 5.1. In quel frangente ho tentato di spiegare a tutti i medici del reparto, compreso il primario, che era mio desiderio avere praticata un isterectomia in quanto non desideravo avere figli. Gli ho spiegato i miei disaggi, facendo presente che sono anemica dall'età del menarca (11 anni) che ho cicli dolorosi e abbondanti. Nessuno mi ha datto retta, mi dicevano che non potevo prendere tali decisioni, come fossi una ragazzina incapace di ragionare. A distanza di due anni mi ritrovo ancora a non volere figli, ma con un utero che odio e che continua a darmi problemi. Anche dopo l'intervento di miomectomia i miei cicli sono abbondanti, non emoraggigi ma abbastanza cospicui da lasciarmi spossata per una ventina di giorni, giusto il tempo di ricominciare a sanguinare. L'unico modo che ho di porre fine a tutto ciò è assumere la pillola anticoncezionale. Ho assunto loette fino allo scorso giugno, senza fare mai una pausa in modo da evitare le perdite, questa pillola tuttavia mi causa depressione, e quando la sospendo da un punto di vista emotivo misento rinata, però sospenderla significa ritornare anemica. Non so più cosa fare, mi fa rabbia pensare che i miei problemi si potevano evitare. Vorrei chiedervi se cambiare tipo di pillola potrebbe aiutarmi, e se si quale pillola mi consigliate?Grazie per la vostra attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ha due vie d'uscita:
1 quella di cambiare progestinico della pillola, passando ad altro tipo di pillola o anello o cerotto., evitare l'assunzione in continuo.
2 inserire un sistema intrauterino a rilascio di levonorgestrel come il Mirena che riduce notevolmente i flussi mestruali come durata e quantità.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 402XXX

Salve dottore, grazie per avermi risposto. In passato ho anche assunto zoely e non ho riportato particolari effetti indesiderati, tuttavia il periodo di assunzione é stato breve, solo due mesi. Vorrei riprovare con zoely prima di passare ad altri sistemi, secondo lei é una buona pillola? Grazie ancora