Utente 517XXX
buonasera,
sono alla 31 settimana di gravidanza. alla fine del primo trimestre ho sviluppato eritema nodoso ad entrambi gli arti inferiori e positività al LAC. dalla 15 settimana di gravidanza ho iniziato terapia con deltacortene, plaquenil per l'eritema nodoso e punture di eparina e cardioaspirina. al momento ho sospeso l'eparina in quanto mi provocava perdite ematiche vaginali.
ieri ho fatto l'ecografia di accrescimento del terzo trimestre a 31 settimane il mio bambino pesa 2200kg con una lunghezza di 43 cm, con 90 di percentili. il bambino è in posizione cefalica, con placenta anteriore e l'utero è ben chiuso.Volevo avere un parere, essendo io piccolina, alta 155 e avendo un bacino stretto, vista la mia situazione consigliate un parto naturale oppure un parto cesareo?

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Rientrando la sua patologia nelle malattie trombofiliche , la valutazione del tipo di espletamento del parto (vaginale o laparotomico con cesareo) va eseguita in prossimità del parto : peso stimato del feto, condizioni metaboliche materne , valutazione dei parametri della coagulazione .
In questi casi si personalizza l'atteggiamento ostetrico in base alla situazione materna e fetale.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 517XXX

Gentile Dottore,
la ringrazio per la celere risposta.
ho rifatto le analisi della coagulazione sono risultate tutte nella norma, la curva glicemica è risultata ottima e il LaC che prima era positivo adesso è risultato ASSENTE. Ho sospeso l'eparina e sto prendendo solo la cardioaspirina fino alla 34 settimana per poi stopparla del tutto. Ho dimenticato di dirle che per me è il primo figlio ed ho 27 anni.

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Perfetto in bocca al lupo!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 517XXX

Gentile dottore,
alla 36 settimana più uno il mio bambino ha un peso stimato di 3250gr.in base ai risultati delle analisi le condizioni metaboliche materne e della coagulazione sono buone, tutte nei parametri. ho fatto i tamponi vaginali e rettali e sono usciti positivi entrambi allo streptococco agalatiae di tipo b.
ora, essendo io di corporatura piccola, il bambino è grandicello(90 centile) io sono molto preoccupata se alla nascita possa contraria l'infezione. lei che consiglierebbe di fare o decidere in base a quale tipo di parto sarebbe meno rischioso per me?
la ringrazio

[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non si parla di infezione ma di portatrice di streptococco a. , pertanto si adotta una terapia antibiotica al momento del parto o del cesareo .
Il neonatologo che viene a conoscenza della positività della mamma , metterà in atto un protocollo di follow- up utile a mettere in evidenza una eventuale infezione neonatale.
In bocca al lupo !
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI