Utente 495XXX
Buonasera,
Le spiego brevemente la mia situazione. Prendo la pillola novadien solitamente all'ora di pranzo, questo mese l'ottavo giorno di pillola ho avuto un episodio di vomito circa un'ora prima di assumere la pillola e credo si trattasse di influenza, subito dopo l'episodio di vomito ho preso una compressa di plasil e ho aspettato un'ora prima di prendere la pillola. Il plasil può aver interferito con la pillola? In seguito non ho più avuto episodi di vomito ma solo crampi e un po' di nausea.... La pillola è stata assorbita? Voglio precisare che la sera prima ho avuto un rapporto per metà non protetto ma con eiaculazione all'interno del preservativo.... Corro qualche rischio di gravidanza? Grazie in anticipo per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Lucia Vecoli

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., come da foglio illustrativo, non sono documentate interazioni tra la pillola e il Plasil. IL suo agire è stato corretto. Non avendo avuto ulteriori episodi di vomito dopo l'assunzione della pillola, la protezione contraccettiva è garantita. Cordiali saluti
Dr. Lucia Vecoli

[#2] dopo  
Utente 495XXX

La ringrazio per la risposta... La mia preoccupazione era nata dal fatto che alcuni dottori parlano di motilità intestinale influenzata dal plasil.... E tutti i medicinali che influenzano la motilità interferiscono con l'assorbimento della pillola....mi smentisce questa affermazione?

[#3] dopo  
Utente 495XXX

Mi scusi per l'insistenza ma non ho ben capito una cosa.... Anche se non c'è interazione biochimica tra i farmaci il fatto che il plasil acceleri lo svuotamento gastrointestinale non compromette l'assorbimento della pillola? La ringrazio anticipatamente per la risposta

[#4] dopo  
Dr. Lucia Vecoli

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., non posso che ribadire quanto già scritto. Fa testo il foglietto informativo del farmaco, che andrebbe sempre consultato, senza entrare nel panico, nei casi come il suo. Cordiali saluti
Dr. Lucia Vecoli