Utente 391XXX
Buonasera,
inserisco in questa sezione la mia domanda perché sto vivendo un periodo davvero molto ansioso.
Ad agosto ho avuto il mio primo "rapporto" con il mio attuale ragazzo; è stato un rapporto non completo (lui non è venuto, c'è stata penetrazione solo per qualche minuto) e non protetto, ma assumo la pillola da quasi cinque anni ininterrotti senza problemi (nè vomito o diarrea o antibiotici ad agosto); nonostante ciò, sono entrata in un periodo paranoide durato qualche mese in cui, nonostante due test di gravidanza negativi e il ciclo (da pillola) tornato regolare tutti i mesi, sono stata perennemente in ansia per la paura di essere incinta, e sono riuscita a calmarmi solo con una visita ginecologica a novembre. Da quel momento io e il mio ragazzo abbiamo deciso di non avere più rapporti, se non sesso orale e petting.
Ieri sera però abbiamo fatto petting un po' più spinto, dove per un attimo il mio ragazzo ha cercato di far strusciare il suo pene sulla mia vagina (entrambi senza slip), ma appena me ne sono accorta (circa un secondo dopo) mi sono ritratta, data la grande paura di una gravidanza indesiderata. Questo mese ho assunto regolarmente la pillola (sono al 14esimo giorno), non ho avuto problemi di nessun tipo, il mio ragazzo non è venuto (nè prima nè dopo il petting) e c'è stato solo un leggero sfioramento durato qualche secondo. E' tornata la stessa ansia che avevo ad agosto...Posso stare tranquilla, anche sul liquido pre eiaculatorio?
E inoltre, come riesco a superare questa,ormai, fobia di una gravidanza? Nonostante sia sicura dell'efficacia della pillola o del preservativo (cose che io userei insieme), ho sempre questa paura che qualcosa possa andare storto (la pillola non ha bloccato l'ovulazione, si rompe il preservativo, ho ingerito qualche farmaco che può interferire, etc) e non riesco a vivere una vita sessuale serena con il mio ragazzo, nonostante lo voglia davvero.
Ringrazio anticipatamente e chiedo scusa per il papiro!

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

ci chiede: "come riesco a superare questa,ormai, fobia di una gravidanza?"

Utilizzando un contraccettivo sicuro
- cosa che già fa -
e curando l'ansia associata al pensiero ingombrante e intrusivo.

Le la definisce "fobia",
ma la diagnosi la fa solo il clinico:
Psicologo, Psichiatra.

E dunque se Lei percepisce questo malessere come pregiudizievole per la Sua qualità di vita sessuale,
non traccheggi
si rivolga di persona ad uno Psicologo per una valutazione psicologica e eventuale percorso ad hoc con uno Psicoterapeuta.

Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia

[#2] dopo  
Utente 391XXX

La ringrazio davvero per la risposta, mi ha aiutato a ritrovare un po' di serenità; cercherò una psicologa appena possibile.
Chiedo un'ultima cosa, sperando in una risposta di qualche specialista nell'ambito (purtroppo non riesco ad inserire la domanda nella sezione ginecologia), dato che ultimamente mi stanno venendo dubbi su qualsiasi cosa. Durante il blister di pillola precedente a questo, ho dimenticato una pillola della terza settimana; appena me ne sono accorta (12 ore dopo) l'ho assunta insieme a successiva e ho continuato il blister normalmente. Ho fatto i giorni di pausa e il ciclo è venuto normale. Ho ricominciato il nuovo blister (quello attuale) quattro giorni prima (quindi facendo 3 giorni di pausa invece che 7) per cambiare il giorno di venuta del ciclo, come consigliato sul bugiardino. Da lì l'assunzione è stata regolare.
Volevo chiedere: l'efficacia anticoncezionale è assicurata durante questo nuovo blister anche se l'ho cominciato 4 giorni prima e ne ho dimenticata una in quello precedente?
Chiedo scusa per il disturbo e per la lunghezza di questo mio dubbio.