Utente
Salve, ho bisogno di un aiuto.
Sono una ragazza di 18 anni di Taranto che da novembre 2019 ha una gardnerella costante, MAI ANDATA VIA, è un anno che non riesco più ad avere una vita normale da adolescente, 5 tamponi positivi tutti alla gardnerella, cure su cure andate male, ho cambiato un sacco di specialisti di Taranto e sono in cerca di un nuovo specialista.
Ora però si aggiunge il fattore Covid, ho contratto il covid già da due settimane e sto aspettando il secondo tampone da fare Lunedì, nel caso in cui dovessi restare ancora a casa, c’è qualche terapia che posso fare per alleviare il dolore?
E potreste per favore rispondermi a questi due dubbi che ho ormai da tempo: La gardnerella può diventare un problema da tenere a vita o si può debellare facilmente?
E soprattutto, è una malattia sessualmente trasmissibile?

Scusate il disturbo, ma ormai sono in isolamento e sono distrutta emotivamente da tutta questa situazione.

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non potrei consigliare una terapia adeguata senza una conferma della diagnosi di VAGINOSI BATTERICA e senza conoscere la terapia che le hanno consigliato.
se confermata la recidiva di vaginosi batterica (cioè la comparsa di 3 o più episodi clinicamente accertati in 12 mesi)è importante eliminare le cause di recidiva :
- re-infezione da parte di partner maschile colonizzato con microorganismi associati alla vaginosi batterica
- persistenza dei batteri non debellati dalla terapia eseguta
- mancata ricolonizzazione vaginale della flora lattobacillare dopo le varie terapie
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Salve dottore, grazie per la risposta, ho fatto tante cure con fermenti lattici, pomate, e lavande, mai riuscite. L’ultima prevedeva per due mesi fermenti lattici IMMUNOGEN, lavande SOAVEMIN, e la pomata CLOMEVAL, ma niente, anzi, oggi sto peggio del solito. Crede che vista la persistenza in quest’anno io possa doverci convivere o posso ancora debellarla?

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se resistente al metronidazolo, ci sono antibiotici vaginali alternativi.
Ho trattato numerosi casi di recidive che si sono risolti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Dottore mi scusi ancora, può consigliarmi una terapia adeguata per una recidiva? Dall’esito del secondo tampone risulto ancora positiva perciò non posso fare visite, anche senza fare nomi commerciali, cosa posso prendere? Devo fare una cura con un antibiotico o comportarmi in maniera differente? Perché ho letto di persone che hanno risolto le recidive di vaginosi senza utilizzare l’antibiotico ma prolungando una terapia con ovuli e fermenti per ristabilire la flora vaginale. Mi scusi ancora il disturbo, ma ho dolori atroci e vorrei perlomeno cominciare a fare qualcosa.