Utente 240XXX
Gentili signori,

ho vent’anni, e otto mesi fa ho accusato i primi, e allora assai sopportabili, formicolii alle gambe, dal ginocchio in giú. Qualche giono dopo, invece, mi sveglio con il sintomo ben piú accentuato che si diffonde un po’ in tutte le gambe fino ai piedi, sicché corro subito a cercare delucidazione sulla rete. Ahimè, trovo che questo è uno dei sintomi della sclerosi multipla. Non perdo tempo: mezz’ora dopo sono al pronto soccorso. Il medico mi fa una visita neurologica grossolana e controlla i risultati degli esami del sangue: tutto nella norma. La cura sono le EN, 5 gocce da scalare progressivamente! Com’era prevedibile, dato il mio carattere ansioso e ipocondriaco, i sintomi sono ancora lí e piú vivi che mai. Decido di andare da uno specialista, la visita è piú attenta e precisa; verdetto anch’esso buono: non le EN ma Xanax. Per fami stare tranquillo mi prescrive una EMG, che la dottoressa neache porta a termina data la normalità della situazione. Convintomi del fatto che il problema fosse psicofisico (come tutte le volte precedeti: 3 ecocardiogrammi, decine di analisi del sangue e visite) passo un’estate decente, dove il formicolio sembrava sopito. Si ritorna a studiare, e collo studio riecco i sintomi che si intensificano, aggiungendo un lieve disturbo visivo: puntini luminosi (pochi) che vedo di rado, perlopiú a lezione. Bah... altra visita neurologica, tutto nella norma: ansia, ansia e solo ansia. 13 gocce di EN per sei mesi mattina e sera.

Le cure cogli ansiolitici le ho abbandonate da poco, giacché mi fanno solo il solletico. A breve farò pure una visita oculistica. Ora vi chiedo: è possibile che sia solo ansia? Le scosse, i formicolii, i movimente involontari di qualche muscolo, le sensazioni urenti (solo alle gambe)? Che devo fare? I medici neanche mi prescrivono la RM, ridono appena gliela cito!
Ormai i miei disturbi d’ansia li conosco, son ben altri! Non m’era mai durato cosí a lungo un sintomo «inventato».

Chiedo a voi pareri e consigli. Vi ringrazio sin d’ora.

Cordialmente,

S.

P.S. l’unica cosa seria emersa da delle radiografie è l’orizzontalizazione del sacro, il medico dice che i formicolii sono una conseguenza ma... per me lo dice solo per farmi stare tranquillo.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

con la visita neurologica negativa il fattore ansioso è probabile, solo che mi sembra insufficiente la terapia finora praticata. In questi casi andrebbe associata all'ansiolitico qualche altra molecola che sia più incisiva e che agisca più in profondità. Inoltre l'ansiolitico dopo qualche mese perde di efficacia subentrando il fenomeno dell'assuefazione.
Le consiglierei di rivolgersi ad uno psichiatra.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 240XXX

Gentile Dr. Ferraloro,

la ringrazio molto per la risposta, è stato gentilissimo.

Il decorso da me esposto ci allontana l’ipotesi SM? Solo la RM potrebbe darne la certezza, giusto? È il caso d’insistere per farla, secondo lei?

Non vorrei abusare della sua pazienza,

Cordialmente,

S.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non ritengo che il decorso sia tipico della SM e poi i vari medici consultati l'hanno esclusa. Sì, l'esame principale è la RM encefalica e del midollo spinale. Circa l'opportunità di effettuarla, Le è già stata sconsigliata perschè ritenuta inutile.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro