Utente 503XXX
Salve
Il consulto che sto per chiedere riguarda mia madre. Ha 53 anni e ha sempre dofferto di mal di testa fin da ragazza. Circa 10/12 anni fa ha avuto un incidente stradale che le ha provocato lo spostamento di una vertebra cervicale.
Quindi ha fatto un ciclo di fisioterapia per un anno e durante questo periodo i suoi "soliti" mal di testa erano scomparsi. Pero negli ultimi anni ha riportato altri episodi che ora vi spiego meglio. Allora inizia tutto con un dolore all'occhio che poi con il progredire della crisi si sposta in vari punti della testa maggiormente vengono colpiti l'occhio, il centro della testa, il collo, tutto questo accompagnato da forte nausea e molto spesso vomiti.
Di solito anche avvisando il medico di base, ci consiglia di fare delle iniezioni di Voltaren e Muscoril che però non calmano la crisi subito..infatti questa passa dopo circa 3/4 giorni lasciandole uno stato di stanchezza (non riesce a dormire con il mal di testa) e di nausea che cerca di contenere assumendo il plasil che pero anche questo non sempre fa effetto.
Ne soffre da parecchio tempo come ho gia detto e le è sempre detto che si tratta di "attacchi di cervicale" ma puo essere tutto riconducibile a questo? Ovviamente andrá a eseguire una visita specifica, ma nel frattempo volevo un'opinione perche sinceramente sono un po preoccupata!
Grazie mille

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la cefalea associata a trauma cranico e/o al colpo di frusta è ben documentata e classificata tra le cefalee secondarie. L'associazione col pregresso indidente automobilistico ci potrebbe essere (anche se il trauma mi sembra molto datato) come si potrebbe trattare di una cefalea indipendente da questa causa. Le caratteristiche descitte sembrerebbero di tipo emicranico ma ovviamente è solo un'ipotesi.
In base alla frequenza con cui si manifestano questi attacchi si potrebbe prendere in considerazione una terapia preventiva (più di 2 attacchi al mese). Questo però, insieme alla diagnosi di tipo, spetta al neurologo. Le consiglio pertanto di affidarsi ad un neurologo esperto in cefalee o ad un centro cefalee.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 503XXX

Grazie per la velocita della sua risposta! Io ero molto preoccupata perche visti i sintomi e l'entitá sia del dolore che della durata della crisi e il non rispondere all'effetto dei medicinali, credevo celassero qualche patologia piu seria...gli episodi non si presentavano piu da circa un anno ma in questo ultimo mese ne ha avuto gia 2 che sono durati rispettivamente 4 e 2 giorni.
Comunque prenotero una visita neurologica per approfondire la situazione soprattutto per questo strascico di spossatezza e nausea che le lascia la crisi una volta passata

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

infatti la visita neurologica è necessaria per avere una diagnosi corretta ed eventualmente, se fosse necessario, per un approfondimento diagnostico mediante esami strumentali.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro