Utente 303XXX
Buonasera cari Dottori.
Sono un ragazzo di 28 anni faccio sport 2 volte a settimana e non soffro in genere di particolari problemi se non una "sindrome" da Colon Irritabile. Conosco perfettamene quali sono gli alimenti che mi danno "fastidio" e che devo evitare per star male; in Inverno generalmente ho episodi di diarrea mentre in Primavera / Estate ho periodi di stitichezza.

Circa 4 settimane fa, ho fatto uno sforzo in bagno ad evacuare. La mattina seguente mi sono svegliato con un forte bruciore al pene, bruciore all'ano e formicolio nella zona inguinale e testicolare. Quando urinavo rimaneva sempre un po' di urina non usciva mai del tutto e avevo una strana sensazione.

Preso dal panico ho consultato direttamente un urologo perchè pensavo si trattasse di una infezione delle vie urinarie. Mi ha visitato e non ha riscontrato alcun problema alla prostata; mi ha comunque prescritto esami urine / feci e mi ha dato 10 pastiglie di Levofloxacina da prendere. Mi ha anche prescritto fermenti lattici (Ramnoselle, Bifiselle) per ripristinare l'eubiosi dell'intestino.

Esami entrambi ok (apparte i Leucociti che figuravano 31> 0-15).

Così vado dal medico di base che da poca importanza alla cosa e mi dice che sarà un nervo / muscolo infiammato. Mi prescrive una piccola cura di cortisone Medrol (5 giorni mezza compressa, 5 giorni un quarto) e un integratore TIOBEC (bustina da prendere prima dei pasti). Mi ha prescritto inoltre Analisi del Sangue e una Ecografia Addome / Vie Urinarie che purtroppo devo ancora fare visti i tempi lunghi di attesa...

Con questa cura ogni giorno migliorava di pochissimo la sensazione di fastidio. Soprattuto rimaneva sempre quella goccia di urina che si liberava da sola durante il giorno.

Ad oggi (in attesa) cerco un po' su Internet e mi imbatto nel vostro Portale e leggo di questa neuropatia del nervo pudendo. In effetti sembra proprio coincidere con i miei sintomi: sensazione di avere un corpo estraneo pulsante nel retto, formicolio inguinale, fastidio testicolare e un po' sul pene. Quando sono seduto la cosa un po' peggiora; a riposo sul letto o sul divano va meglio.

Mi potete consigliare come si individua questa neuropatia?
Se fosse questo il problema, il fatto che ogni giorno migliora di poco il fastidio, potrebbe trattarsi solo di una infiammazione e niente di preoccupante?

Si può guarire da questa cosa? E' preoccupante? Purtroppo in questo periodo sono stato malissimo sempre in preda all'ansia...non sono uscito con amici e ho smesso di praticare del tutto sport...

Grazie mille per il vostro supporto

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

sì, la neuropatia del pudendo è una delle possibilità. Ovviamente stiamo parlando in senso generale.
Per una sua eventuale definizione Le consiglio una visita neurologica ed eventuali esami diagnostici che lo specialista potrebbe ritenere utili, per es. l'EMG del pudendo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 303XXX

Grazie mille per la risposta; ho effettuato una visita neurologica e il dottore ipotizza una infiammazione dei nervi periferici. Non ha quindi ritenuto opportuno fare una elettromiografia. Mi ha prescritto una cura a base di Lyrica abbastanza lunga andando ad aumentare il dosaggio.

Ho già preso per 7gg 1 pastiglia al giorno da 25mg (alla sera alle 20:00) e ho iniziato da 3gg 1 pastiglia al giorno da 75mg (alla sera alle 20:00).

Le forti scosse che avevo al pene e all'inguine stanno passando; durante il giorno sento però uno strano formicolio che si aggira nell'interno coscia e vicino ai testicoli. Inoltre quando mi siedo sento un forte intorpidimento della zona inguinale.

Può essere che si tratti del nervo pudendo?

Il fatto che i sintomi sembrano regredire potrebbe trattarsi solo di una infiammazione?

Sapete da quando il Lyrica comincia a fare il suo effetto? Immagino che in questa prima fase il dosaggio sia basso anche per vedere se vi sono effetti collaterali...

Qualora volessi togliermi il dubbio, conoscete qualche Ospedale / Centro medico che effettui nella zona di Bologna / Modena l'elettromiografia del pudendo?

Grazie a tutti i dottori per il supporto.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

una nevralgia del pudendo è possibile, infatti alla base di una nevralgia ci sono dei meccanismi infiammatori, anche so non sono i soli, che innescano il dolore, dolore che in questi casi viene definito di tipo neuropatico. Il lyrica è uno dei farmaci che viene utilizzato in questo tipo di dolore, pertanto la sua prescrizione è certamente indicata. Come dice Lei, forse perchè siamo ancora nelle fasi iniziali della terapia, il neurologo non ha voluto ancora raggiungere i dosaggi medi per questo farmaco che al momento è sottodosato.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro