Vertigine improvvisa e grave in soggetto di 88 anni

Salve. Questa mattina presto mio padre di 88 anni, ha avuto una vertigine improvvisa (mai avute prima in tutta la sua vita), con impulsi di vomito e perdita di equilibrio, con brividi di freddo. Dopo 2-3 minuti è passata ed è tornato tutto normale, tranne il fatto che si sente un po stordito e stanco e continua a sentire freddo. Se può essere utile, è successo 10 minuti dopo che si era sforzato in bagno per evacuare, poichè è molto stitico (può essere pericoloso sforzarsi?) Ho chiamato subito il nostro medico, che mi ha chiesto se avesse anche altri sintomi, come difficoltà a parlare ecc, e ho detto di no, e mi ha tranquillizzato, dicendomi solo di tenerlo sotto controllo. Siamo poi andati all'ambulatorio, gli ha misurato la pressione, e ha detto che era normale ed anzi un po bassa, 100/60. Ma a casa aveva 140/72. Negli ultimi anni ha avuto quasi solo di mattina degli episodi di pressione alta e altalenante, ma solitamente ce l'ha sempre bassa. Il medico ci ha consigliato solo di monitorarla 2 volte al giorno, e per ora di evitare farmaci, come antiaggreganti, perchè ha detto "se tuo padre è arrivato a 88 anni, è grazie ai suoi geni e non grazie ai farmaci". Insomma, ci ha detto di non fare nulla per adesso, e questo mi ha un po lasciato perplesso, sebbene stimo molto il nostro medico. Per ora mio padre ha fatto solo molto raramente delle iniezioni di fraxiparina nella pancia per le gambe gonfie, ma non aveva mai avuto altri sintomi vascolari, a parte una progressiva perdita di memoria, negli ultimi anni. Cosa è consigliabile fare in questi casi? Non vorrei che fossero delle avvisaglie di qualcosa di più brutto, che magari il medico di base sta sottovalutando. Per i fattori di rischio, ha il colesterolo sotto i 200, e tutto normale. Ha smesso di fumare da 25 anni. E' molto magro. Però molti suoi parenti, e cugini, compreso suo padre, sono morti di ictus ed altri di infarto. Mi lascia perplesso pensare che dobbiamo stare ad aspettare che accada qualcosa di più brutto. Cosa dobbiamo fare? Qualche esame specifico? Tac al cervello? Ecografie alle carotidi? (l'ultima ecografia carotidea risale al 2004, ed era tutto nella norma). Vi prego consigliatemi. Grazie.
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
Gentile Utente,

a mio parere è sufficiente effettuare in primis una visita neurologica per una valutazione diretta del caso.
Poi, in base ai riscontri della visita, sarà il neurologo che potrebbe prescrivere eventuali esami diagnostici se lo riterrà opportuno.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottor Ferraloro per la celere risposta. Ma vorrei capire una cosa: bisogna fare una visita d'urgenza, o possiamo tranquillizzarci e fare la visita con calma e prenotarla con le solite liste d'attesa? Per adesso mio padre cammina normalmente e non avverte più alcun disturbo, come se tutto fosse passato. Non gli era mai capitato di avere impulsi di vomito a stomaco vuoto. Mi rendo conto che è difficile comprenderne la causa. il medico non ha voluto prescrivere antiaggreganti perchè non lo ritiene necessario, ed anche perchè mio padre sembra avere il problema opposto, e cioè tendenza alle emorragie. Basta un piccolo urto e gli compare un ematoma sul braccio. Comunque esistono dei metodi per prevenire nell'immediato i problemi circolatori cerebrali o di altro genere? Ad esempio ha senso se dicessi a mio padre di bere più acqua per fluidificare il sangue? Grazie
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
La visita neurologica non sembra urgente, la può programmare tranquillamente, certamente non tra tre mesi.
Prevenzione? Tenere sotto controllo pressione arteriosa, glicemia, colesterolo e trigliceridi, dieta con poco sale e pochi grassi.

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottor Ferrarolo. Questa mattina mio padre ha avuto un episodio di forte acufene che perdura da molte ore, che lui percepisce come il rumore della pioggia, e che dice di sentire ad entrambe le orecchie. Questo può essere un'indizio utile per comprendere le vertigini con impulsi di vomito di qualche giorno fa? Ed a questo punto conviene fare prima una visita ORL o la visita neurologica? Grazie
[#5]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
In base alla sintomatologia riferita è corretto fare entrambe le visite specialistiche, ORL e neurologica.

Cordialità
[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille. Un'ultima domanda: ci può essere un motivo per cui lui ha questi problemi di vertigini ed acufeni sempre al mattino subito dopo essersi alzato o al massimo dopo mezz'ora? Grazie
[#7]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
Le cause possono essere diverse, da quelle circolatorie a quelle ORL passando per quelle pressorie o cervicali. Ovviamente non si può stabilire a distanza.

Cordiali saluti

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test