Utente 411XXX
Salve,
vorrei chiedervi alcune informazioni sui trattamenti per paziente con demenza frontotemporale, in particolare per ridurre aggressività e insonnia.
Mia madre ha 65 anni, le è stata diagnosticata la demenza da circa 4 anni.

Nell'ultimo periodo ha iniziato a mostrare segni di aggressività, scatti d'ira alternati a pianto senza motivo, insonnia. In alcuni casi ha anche evidenti tremori.
Al momento sta assumendo solo Talofen gocce, 6 gocce per 4 volte al dì, per un totale di 24 gocce.

Non sappiamo davvero come gestire la cosa, perché mia madre ha anche la pressione alta e quindi ogni volta che si manifestano queste crisi si agita molto e la pressione arriva alle stelle.

La cosa peggiora poi quando le crisi si verificano di notte, perché questo impedisce a tutti di dormire.

Il talofen lo ha iniziato a prendere da circa 2 settimane, su prescrizione del neurologo, ma non sembra avere particolari effetti.
Prima assumeva il trittico, ma in accordo con il neurologo abbiamo deciso di sostituirlo perchè non sortiva gli effetti sperati.

Chiedo a voi, per caso avete pazienti affetti da questa patologia? Vorrei avere qualche opinione, qualche suggerimento magari basato su una vostra esperienza diretta.
C'è qualche farmaco che può avere un effetto migliore per stabilizzare l'umore e ridurre l'aggressività? Per l'insonnia si può fare qualcosa?

Non sappiamo davvero come fare.

Vi ringrazio infinitamente per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

in questi casi la terapia è sintomatica, cioè indirizzata a controllare un sintomo o un gruppo di sintomi omogenei.
I farmaci a disposizione sono diversi ma spesso si è costretti a procedere a tentativi fino a trovare quello a cui il paziente risponde, infatti l'effetto terapeutico è fortemente individuale. Per es. restando al talofen, alcuni pazienti rispondono bene, altri non hanno alcun beneficio, altri ancora peggiorano la loro sintomatologia (effetto paradosso).
A distanza è vietato consigliare farmaci per cui deve rivolgersi sempre al suo neurologo di fiducia che provvederà a sostituire i farmaci poco o nulla efficaci fino a trovare quello adatto alla Mamma, dosaggio compreso perché anche questo è un altro fattore fondamentale per la buona riuscita terapeutica.
In bocca al lupo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 411XXX

Gentile Dr. Ferraloro,
innanzitutto la ringrazio per la risposta e per il tempo che mi ha dedicato.

Mi rendo conto che a distanza è difficile dare consigli. La demenza frontotemporale non è molto comune, e quindi per noi diventa davvero difficile orientarci per avere un'idea del da farsi.

Anche senza dirmi il nome del farmaco, sulla base della sua esperienza sono meglio gli antidepressivi o gli antipsicotici?

Abbiamo cercato informazioni, ma non essendo medici per noi è difficile capire quale sia la differenza fra i due tipi di farmaci e quale tipo possa essere più utile in questo caso.

La ringrazio ancora per la sua cortesia e disponibilità.

Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

in base alla sintomatologia riferita caratterizzata prevalentemente da agitazione psicomotoria, aggressività ed insonnia forse i farmaci più indicati sono i neurolettici che potrebbero funzionare anche per l'insonnia, anche se quest'ulima potrebbe anche essere affrontata con induttori del sonno o benzodiazepine.
Talvolta l'efficacia di un neurolettico viene potenziata dall'associazione di una benzodiazepina anche a basso dosaggio ma, Le ripeto, la risposta terapeutica è estremamente individuale e spesso prima di arrivare ad una risposta soddisfacente è necessario "provare" diverse molecole.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 411XXX

Salve,
la ringrazio per la risposta. E' possibile chiederle un consulto in privato? (a pagamento, si intende)
Vorrei avere qualche informazione in più sui tipi di farmaci che è possibile utilizzare in questi casi.

Cordiali Saluti

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

può telefonare al numero che trova nella mia pagina personale. Non fornisco però consulti telefonici a pagamento ma solo informazioni e consigli amichevoli.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro