Utente 138XXX
Buongiorno gentili medici, è da un mese e mezzo che vivo una situazione pesante a causa di un problema iniziato improvvisamente. Stavo facendo normali faccende domestiche, quando improvvisamente ho sentito una specie di scarica elettrica a livello uretrale, che si è ripetuta più volte! Da lì è partita la mia odissea, perché ad oggi non ho ancora capito da cosa possa dipendere! Ho già postato il consulto in urologia, e ho già fatto i seguenti esami:_esami urine con urinocoltura( da cui è risultata una lievissima cistite, carica 15.000 di è.coli), eco renale tutto perfetto, a parte un piccola formazione microlitiasica a livello di un rene (3.6 mm)ed un probabile microcalcolo di 3,8 mm a livello uretrale..sembrava risolto l'arcano, ma il mio urologo ha messo in dubbio questo esito, dicendo che era strano che non avessi avuto coliche e che fatta da lui eco, non vedeva il cono d'ombra tipico del calcolo, insomma fatta anche diretta renale che non vede calcoli e per finire cistoscopia, che dice che vescica, uretra ecc sono perfetti, solo un po'infiammata uretra! Quindi a livello urologico sembra tutto ok, (farò urodinamica per completezza diagnostica) allora, a parte l'ansia di cui soffro, da cosa può dipendere la mia sintomatologia invalidante, ossia spilli che pungono costantemente uretra, come se dovessi fare sempre pipì( sono arrivata ad urinare 15 volte al giorno contro le 5, 6 di prima) sensazione di debolezza pelvica, peso su vescica, fastidio a camminare o accavallare le gambe, paura di perdere pipì(Anche se grazie a Dio finora non è successo...)?Voi mi direte, noi neurologi cosa c'entriamo? Nella disperazione di trovare una spiegazione il cervello pensa troppo e quindi le mie domande sono: Ho fatto due Cesarei con anestesia epidurale e spinale, può essere una aderenza? Ho due protusioni a livello cervicale c3-c4 e c5-c6 se ricordo bene e inoltre una sacralizzazione di una vertebra lombare...può essere lì la causa? Anche se finora ho sempre avuto i classici sintomi, dolore lombare e cervicale e anestesia agli arti superiori..In passato una o due volte ricordo questo spillo improvviso in uretra che mi ha fatto uscire una o due gocce di pipì, ma a cui non ho dato peso...finché non è diventato un problema continuo...cerco una luce in fondo al tunnel...Grazie a chi vorrà rispondere..

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
capisco appieno la Sua perplessità e l'apprensione più che legittima. Dal mio punto di vista Le dico, con estrema franchezza, che sono portato ad individuare per oltre il 90% la patogenesi del suo disturbo nella sfera dell'apparato escretore renale. Purtuttavia, per darle la possibilità di escludere altre cause (seppur remote) posso suggerile di eseguire una risonanza Magnetica del tratto lombo-sacrale e consecutivamente di consultare un Neurologo.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 138XXX

Dottore, grazie per la risposta! In che senso apparato escretore renale? Ho già fatto accertamenti, come scritto e non si evince nulla!! Ossia calcoli, stenosi, reni e vescica perfetti come morfologia!! D'altro canto, ho già fatto in passato, rmn cervicale e lombare, che hanno messo in luce le problematiche sopra descritte...mi potrebbe spiegare meglio? Manca solo da fare urodinamica..grazie!

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Intendo dire che per escludere una seppur remota responsabilità patogenetica delle radici spinali del tratto lombo-sacrale, potrebbe effettuare un'altra Risonanza e successivamente consultare un Neurologo
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 138XXX

Grazie dottore, ora ho capito...quindi se le cause urologiche le sto escludendo, e lei mi dice che al 90 % le cause non sono di ordine cervicale o lombare, resta la causa "testa"... questa sconosciuta...che fatica!! E che ansia! Finirò gli accertamenti, sperando di trovare una rapida soluzione...Grazie mille e buon lavoro!

[#5] dopo  
Utente 138XXX

Buonasera dottore, mi scuso per la domanda che sto per porre, ma la prego di darmi una risposta per lenire un'ansia che da oltre un mese mi divora! Se il mio problema all'uretra, non è di origine urologica, né di origine lombosacrale, è possibile che ci sia un'origine cerebrale per questo "ago" uretrale che punge? Non so, ipofisi...o altro!!Mi è venuto questo pensiero... Sono alquanto disperata, mi sento malata, senza esserlo (fortunatamente...) ma non trovo nulla che lenisce questo fastidio...grazie mille...

[#6] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Cara Signora,
innanzitutto metta da parte cervello ed ancor più ipofisi che non hanno proprio nulla da spartire col disturbo che lei lamenta! Ricapitolando quanto Le ho già detto in precedenza, se un soggetto lamenta questo dolore di tipo trafittivo a livello dell'uretra, se tutte le indagini di carattere urologico escludono una responsabilità dell'apparato escretore renale, un'ipotesi che può essere prospettata è che ci si trovi in presenza della (invero molto rara) nevralgia del nervo pudendo. In ordine all'accertamento di questa condizione, che ripeto è rara, occorre innanzitutto escludere con una Risonanza Magnetica la presenza di qualche elemento di tipo irritativo a livello delle radici spinali del nervo pudendo, ossia S2,S3,S4 e successivamente eseguire un esame elettromiografico del pavimento pelvico. Va detto molto chiaramente che quest'ultimo esame non è dei più facili e che noi neurologi lo prescriviamo solo se esiste un forte sospetto clinico di nevralgia del n. pudendo, naturalmente dopo aver condotto un attento esame anamnestico e neurologico del paziente.
Cordialmente, buona domenica.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#7] dopo  
Utente 138XXX

Grazie infinite dottore e buona domenica a lei!