Utente 406XXX
Buonasera Dottori. Da circa 3 anni soffro di emicrania. Premetto di non averne mai sofferto prima, neppure di un semplice mal di testa. Tre anni fa il primo attacco, dopo pranzo, un mal di testa molto violento che mi portò al vomito la sera. Da allora di questi attacchi ne ho avuti circa 2 volte al mese, fino ad un anno fa, quando ho iniziato ad avere circa 4-5 attacchi al mese e ad inquadrare meglio la sintomatologia.Sempre il primo pomeriggio, mai la mattina o la sera; se non assumo nulla nel giro di mezz'ora dai primi sintomi la sera vomito e il dolore è così forte che mi sembra di impazzire e in questi casi di forte dolore ho anche formicolio alle mani .Mi sono accorta che l'emicrania riguarda sempre e solo il lato sinistro. Viene dalla nuca, interessa anche l'occhio sinistro e quando arriva c'è rigonfiamento delle ghiandole alla nuca stessa. Inoltre è molto violento nel senso che peggiora tantissimo nel giro di 2 ore dai primi sintomi. Ogni volta che ho l'emicrania ho necessità di defecare anche 10 volte e poi vomito, il tutto accompagnato da formicolio alle mani per circa mezz'ora prima di vomitare. Ho eseguito una RM poco più di un anno fa ed era negativa. L'altro ieri l'ultimo episodio e adesso avverto una sensazione di leggero dolore sempre nel lato sinistro all'interno, che non so ben localizzare, ma mi pare dietro la testa posteriormente all'occhio sinistro mi sembra. Adesso vivo nel terrore che possa essere altro. Ho bisogno di un Vostro gentile parere,grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la diagnosi di emicrania è stata fatta da un neurologo?
In ogni caso è tranquillizzante l'esito negativo della RM encefalica.
Mi pare di capire che ultimamente gli attacchi si manifestino più frequentemente, Lei parla di 4-5 attacchi al mese, in questi casi è indicata una terapia di prevenzione con farmaci non antidolorifici, se non ci sono controindicazioni.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 406XXX

Grazie tante Dott. Ferraloro. Sì, la diagnosi di emicrania è stata fatta da un neurologo. Il problema è che con le compresse che mi ha prescritto lui l'emicrania non passa. La cosa strana è che avverto anche questi altri sintomi:
- il forte mal di testa mi passa solo dopo aver dormito almeno 4 ore (mi è capitato di essere svegliata prima e il mal di testa continuava);
- dopo il risveglio mattutino post attacco emicranico, è esente da mal di testa. L'emicrania dura solo mezza giornata e si presenta così violentemente? Il giorno dopo è come se non fosse successo nulla.
- durante il giorno avverto dei giramenti di testa, come delle vertigini, se sto con la testa piegata anche solo per leggere. Se ad esempio piego la testa anche solo per scrivere un appunto, quando alzo il capo avverto questo fastidio.
Inoltre la risonanza all'encefalo già fatta un anno fa andrebbe ripetuta, o anche se è passato più di un anno possiamo escludere patologie gravi a carico di quest'organo? Che esami potrei eseguire?Grazie mille ancora per le risposte

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

le caratteristiche che descrive sono compatibili con la diagnosi di emicrania.
Non sempre tale condizione risponde ad un singolo antidolorifico, non è raro dovere "provare" più di un farmaco per arrivare a quello efficace in quel singolo paziente, considerato che la risposta ad un farmaco è strettamente individuale.
Le rinnovo il consiglio dell'opportunità di una terapia di prevenzione, in tal senso abbiamo a disposizione diversi farmaci, però deve essere un neurologo a prescriverli.
Riguardo la RM encefalica, se è stata effettuata per lo stesso motivo non occorre ripeterla ma questo lo deciderà il collega al quale La invito a rivolgersi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 406XXX

Grazie ancora Dott. Ferraloro. Credevo fosse più un problema di cervicale, visto che appena piego la testa avverto fastidio. Se fosse così, come si chiama il tipo di risonanza che vedrebbe questa eventuale problematica?
Inoltre, con il trattamento preventivo, il neurologo mi aveva parlato di Laroxyl, scomparirebbero gli attacchi? Io ancora non riesco a capire se il problema viene dalla cervicale, dall'occhio sx o se sia solo emicrania. Questo perchè se lavoro al computer la sera ho l'attacco assicurato.
Grazie ancora.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ovviamente una componente cervicale ci può essere pure, questa sarebbe in associazione alla cefalea emicranica.
Terapia, se funziona il laroxyl? Non si può stabilire prima, infatti ci sono soggetti che "sentono" il farmaco, altri meno, il tutto è individuale. Con la RM in una cefalea primaria non verrebbe riscontrato nulla.
L'esame principale per studiare la colonna cervicale è la RM (RM del rachide cervicale).

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 406XXX

Grazie infinite Dott. Ferraloro, apprezzo tantissimo i suoi interventi

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Grazie a Lei per l'apprezzamento e buona serata
Dr. Antonio Ferraloro