Utente 389XXX
Buongiorno,

Venerdì scorso, quindi una settimana fa, mentre giocavo una partita a calcio sono caduto, battendo la testa...
Sono riuscito ad attutire il colpo con le mani, quindi non sono caduto a peso morto. Subito dopo la caduta avvertivo un leggerissimo indolenzimento della testa, ma sono riuscito a terminare la partita senza problemi.
Non sono andato al pronto soccorso e quindi non ho effettuato ne tac e ne niente perchè non mi sembrava il caso.
La mattina seguente mi sono risvegliato con dolore al collo retro ed avanti (possibile colpo di frusta?).

Dopo 3 giorni è scomparso totalmente anche il fastidio al collo.
Adesso ha circa 3 giorni, che mi sento la testa leggermente indolenzita(con una sensazione di pulsazione nelle tempie) ed ieri sera ho accusato una leggerissima nausea (che dopo aver preso una biochetasi è passata), ma stamattina è tornata leggermente.

Ho parlato con il medico curante e mi ha consigliato di prendere una tachipirina da 1000/2 volte al giorno per eliminare magari l'indolenzimento alla testa causato dalla botta. Gli ho chiesto se era il caso di effettuare una tac anche per tranquillizzarmi, ma lui l'ha escluso dato che se non avverto forte mal di testa, vomito o sdoppiamento/appannamento della vista, non è il caso.

Dato che sono un tipo abbastanza ansioso, è possibile che io abbia riportato un ematoma intracranico e quindi il fatto di non fare una tac è una scelta abbastanza sbagliata?
Perchè da quello che so, anche se sono passati 8 giorni, un trauma cranico può essere silente anche per giorni o addirittura mesi, e poi manifestarsi..

Cosa mi consigliate di fare?
Grazie anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
se la cefalea è persistente e, come le ha detto il suo medico curante, avverte anche nausea o presenta vomito, può essere indicato rivolgersi al Pronto Soccorso dove provvederanno innanzitutto a farla visitare da un Neurochirurgo e, ove mai sussista qualche dubbio, le farebbero praticare una TAC.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it