Utente 489XXX
Buongiorno, Vi chiederei cortesemente un consulto. L'anno scorso a ottobre ho avuto un malessere accompagnato da senso di svenimento, tachicardia, fame d'aria. In pronto soccorso mi hanno fatto le analisi (elettrocardiogramma, ecografia al cuore, esami del sangue) con esito negativo. Premetto che proprio in quel periodo c'è stato un trasferimento in un'altra città con cambio di lavoro. Il mio medico di base non ha ritenuto opportuno farmi fare altri accertamenti. Ho avuto di nuovo un senso di malessere, più leggero rispetto al precedente, ad agosto. La visita di nuovo al pronto soccorso ha dato esito negativo e hanno diagnosticato un attacco di panico. Oggi mi è di nuovo successo ma è durato pochi minuti. Ho avuto modo di farmi misurare sul momento la pressione 125/80, saturazione 99, f.c. 130 ma poi scesa a 70. Da settembre si sono accentuati i disturbi di stomaco, di cui soffro (sono in cura con omeprazolo da 20) e sono stanca. Proprio l'altro ieri ho avuto malessere simil influenzale con brividi e nausea. Non avverto affanno nel fare le scale o esercizi in palestra. Ad agosto il mio medico mi ha suggerito di assumere lo xanax. Desidero sapere se è opportuno fare altri accertamenti per escludere patologie, se è necessario fare una cura continuativa o, visto la sporadicita degli episodi, assumere lo xanax al bisogno. Stamattina l'episodio è stato di così breve durata che non avrei nemmeno fatto in tempo ad assumere il farmaco. Una cura ricostituente può aiutare ? Ringrazio per la cortese attenzione che vorrete dedicarmi

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

gli episodi da Lei descritti sono verosimilmente di origine ansiosa. Se non presenta altre problematiche tra un episodio e l’altro può rivolgersi ad uno psicoterapeuta per iniziare un percorso specifico ed assumere l’ansiolitico solo al bisogno, se consigliato.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 489XXX

La ringrazio per la sollecita risposta. A parte questi episodi riferiti non ho mai avuto altri tipi di disturbi. Anche l'episodio avvenuto ieri è stato estremamente breve. Può essere utile apprendere tecniche di rilassamento come yoga o training aitogeno? Oppure ricorrere a qualche prodotto di origine naturale per controllare l'ansia? Riconosco che sono una persona piuttosto ansiosa e tendo a preoccuparmi troppo per i problemi quotidiani. Grazie per l'attenzione che mi vuole dedicare.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

tecniche di rilassamento come quelle che Lei ha citato possono essere utili, le può praticare tranquillamente.
Anche prodotti naturali possono essere utili, di questo ne deve parlare però col medico curante.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 489XXX

Grazie per la cortese attenzione.
Buona giornata

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 489XXX

Buonasera, le avevo scritto per chiederle consigli su episodi che in ospedale mi avevano diagnoaticato come attacchi di panico. I sintomi presenti erano tachicardia, fame d'aria, senso di svenimento. Gli episodi si erano verificati uno a ottobre dell'anno scorso e uno ad agosto di quest'anno. I parametri erano nella norma, pressione, saturazione, elettrocardiogramma, ecografia al cuore, analisi del sangue. Non avverto alcun disturbo quando faccio attività fisica e nemmeno di notte. Mi capita sovente nella giornta di sentirmi le pulsazioni e di fare profondi respiri come se avessi bisogno di incamerare piu aria. Il mio medico , dopo un ulteriore visita cuore e polmoni non ha ritenuto farmi fare altri accertamenti. Non ho più avuto episodi di tachicardia. Sono in cura con omeprazolo per disturbi di stomaco.. desidero sapere se è opportuno fare altri accertamenti per escludere patologie organiche. Grazie per l'attenzione che vorrà dedicarmi

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

se il medico curante, dopo visita medica, non ha ritenuto di effettuare ulteriori approfondimenti diagnostici penso che possa stare tranquilla, la sintomatologia sembrerebbe di origine ansiosa.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 489XXX

Grazie mille per la sollecita risposta e per il servizio che svolgete. Buon lavoro