Paura

uongiorno Dottori,

Vi contatto in merito a dei problemi che da venerdì a questa parte non
mi danno tregua.

Venerdì mattina, dopo aver dormito tranquillamente, mi sveglio e subito
noto un formicolio accompagnato da pesantezza alle braccia e subito dopo
anche alla parte esterna delle gambe. In preda al panico (erroneamente
ho letto su internet e ho subito pensato alla sclerosi multipla)
contatto un neurologo che il pomeriggio stesso mi riceve, mi effettua
tutti gli accertamenti del caso (verifica dei riflessi, camminata ad
occhi aperti e chiusi, utilizza uno strumento che rilascia vibrazioni e
controllo accurato degli occhi anche utilizzando delle gocce che
dilatano la pupilla). Finita la visita mi comunica che non c'è alcun
segno evidente di malattia e che la mia è solo una forte manifestazione
d'ansia accompagnata dal terrore di avere una malattia e mi consiglia di
iniziare a prendere delle gocce molto blande per calmare il tutto quando
ne sento il bisogno.

Dopo avermi fatto un bel discorso su quale secondo lui è il mio problema
esco e passo il resto del pomeriggio tranquilla e rassicurata fino a che
tutto non riprende domenica pomeriggio fino ad oggi praticamente. Ogni
giorno mi sveglio con un fastidio nuovo, ieri mattina avevo la
sensazione di avere le gambe pesanti, mal di testa e pesantezza agli
occhi accompagnata alcune volte da piccole fitte quando li muovo. Ho
chiamato il mio medico di base che conoscendo la mia situazione mi
rassicura dicendomi che è pura ansia, la sclerosi multipla non c'entra
nulla. Anche qui la sensazione di rassicurazione è durata veramente poco.

Ora chiedo a voi.. La negatività della visita neurologica e la diagnosi
del mio medico possono realmente escludere ciò di cui ho paura? Sto
passando dei giorni angoscianti per via di questo pensiero, ascolto
continuamente il mio corpo e ad ogni minimo dolorino vado in panico e
vorrei avere costantemente il parere di un medico per stare tranquilla.

Come ultima cosa, a gennaio 2018 mi è stata trovata tramite risonanza
magnetica un' ernia cervicale c5/c6 che sto "curando" con dei massaggi.

Attendo un Vs. gentile riscontro e Vi saluto.
[#1]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 6k 330 225
Gentile Paziente,
la sua fenomenologia è caratteristica della condizione di "disturbo d'ansia di malattia" che con grande frequenza si dirige sulle malattie neuro-degenerative. La diagnosi della sclerosi multipla è essenzialmente clinica ed è supportata dalle indagini strumentali, innanzitutto la Risonanza Magnetica con mezzo di contrasto, per individuare la presenza delle lesioni patognomoniche della malattia. E' ovvio che se il neurologo che visita il paziente lumeggia anche minimamente questo sospetto chiede subito l'esecuzione di questo esame. Pertanto, vorrei tranquillizzarla, facendo affidamento sulla correttezza valutativa del Neurologo cui si è rivolta e nel contempo Le suggerisco di leggere questo mio articolo, di cui le accludo il link.
Cordialmente.
https://www.medicitalia.it/news/neurologia/7755-la-paura-delle-malattie-neurodegenerative-fa-male-al-cuore.html

Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore per l'imminente riscontro.
Quindi anche secondo lei se avessi quello che sospetto sarebbe risultato durante la visita neurologica?
Il fastidio agli occhi può essere dovuto da colpi d'aria/aria condizionata o è un sintomo riconducibile alla SM?
Grazie ancora
[#3]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 6k 330 225
si tranquillizzi....
Il coinvolgimento visivo nella sclerosi multipla è ban altra cosa.
Saluti cordiali

Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4]
dopo
Utente
Utente
Buon pomeriggio Dottore,
Ho risentito il neurologo che mi ha visitata e mi ha rassicurata nuovamente dicendomi che non c'è stato alcun sospetto durante la visita che gli abbia fatto pensare alla SM e che qualora ci fosse stato avrebbe provveduto a farmi fare una risonanza.. Speriamo perché ho veramente tanta ansia a riguardo!
Per quanto riguarda gli occhi, ho misurato la febbre e ho 37.5, può essere collegato?

Grazie ancora!
[#5]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 6k 330 225
Cara ragazza,
Una banale congiuntivite è molto lontana dal coinvolgimento visivo legato alla SM. Si goda la sua giovane età senza farsi abbindolare da paure irrazionali.

Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#6]
Dr. Giovanni Ronzani Psicoterapeuta, Medico igienista 312 6
Gentile Utente, da condividere pienamente i suggerimenti del collega, il suo caso sembra incentrarsi unicamente sull'ansia, in questo caso, probabilmente anche somatizzata. Semmai cerchi di capire l'origine, le cause di tali paure.

Cordiali Saluti

dr Giovanni Ronzani

[#7]
dopo
Utente
Utente
Vi ringrazio nuovamente per le celeri risposte e per la Vostra professionalità dimostrata anche a distanza.

Un caro saluto
[#8]
dopo
Utente
Utente
Buonasera Dottori,
Vi disturbo nuovamente... I sintomi non sono molto migliorati, avverto stanchezza e spossatezza e il fastidio all'occhio non è cessato..
Ieri ho visto un altro neurologo che come diagnosi ha riscontrato ansia, come la prima visita effettuata dall'altro medico.. l'esame obbiettivo è stato completamente negativo come l'altro però gli ho chiesto se poteva ugualmente prescrivermi una RMN per tranquillità mia..
Non riesco a tranquillizzarmi, ci penso costantemente.. domani dovrei partire per il mare ma ho il terrore che mi possa accadere qualcosa..
È possibile che durante l'esame obbiettivo non risulti nulla ma in realtà qualcosa ci sia qualcosa?

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test