x

x

Stabilizzatore dell'umore

Buongiorno,

Sono un 34enne, da sempre ho disturbi dell'umore, in quanto tendo a subire sbalzi dell'umore senza un profilo stabile. Ho una tendenza all'euforia, al "daydreaming" , una punta di DOC e problemi d'attenzione, alternata a periodi di profonda tristezza (che presumo sfocino in una leggera depressione) non necessariamente dovuti da eventi particolarmente negativi, periodi di grande energia fisica alternati a periodi di stanchezza e demotivazione nei quali vegeto per settimane.

Sono stato in terapia psicoterapia cognitivo-comportamentale per un breve periodo, come conseguenza di attacchi ansiosi dovuti alla fine di un rapporto amoroso. Non e' servita a fermare gli attacchi di profonda tristezza e sconforto ma ha aiutato a capire che ho una componente ansiosa nella mia personalita'. Inoltre data il mio problema di concentrazione/attenzione non mi permette di mettere in pratica tecniche di rilassamento tipiche di questo tipo di terapia.
Quando sono particolarmente ansioso/euforico/agitato prendo 250microgrammi di Clonazepam-Rivotril per mantenere la calma, una media di 1-2 a settimana, dipende dai periodi. Massimo 4 a settimana.
Ho avuto anche sporadici episodi di autolesionismo con tagli alle braccia e al busto. Particolarmente all'apice di momenti di rabbia contro me stesso, seguiti da momenti di depressione. Tuttavia non ritengo d'essere particolarmente depresso (...).

Ho poi effettuato sedute di psicoterapia-psicodinamica per circa 6 mesi 2 anni fa, dove ho pensato d'aver risolto dei problemi ma in verita' sono al punto di partenza.
Ho provato inibitori della serotonina come Zoloft e naturali come St.John Wort (Iperico o erba di san Giovanni) e 5-idrossitriptofano ma ho avuto effetti collaterali insopportabili e nient'altro. Quindi presumo non sia un problema di serotonina.
Ho anche provato Remeron con pessimi risultati.

Insomma non capisco da che parte guardarmi, se sia una depressione, un DOC, un disturbo bipolare o altro.
Capisco che non possa trovare una "diagnosi" online ma un consiglio, uno spunto, sulla mia situazione.

Grazie per l'attenzione.


[#1]
Dr. Matteo Preve Psichiatra, Medico delle dipendenze, Psicoterapeuta, Farmacologo 411 10 18
Gentile utente,
La valutazione del suo quadro clinico deve essere effettuata tenendo in considerazione i vari aspetti clinici che lei ha riportato e cercare nel migliore modo possibile di stabilizzare la sintomatologia. Esistono vari tipi di farmaci che possono contribuire ad un miglioramento sintomatologico e ad una buona stabilizzazione. Si faccia consigliare dal suo specialista di riferimento, anche perché la base della terapia é la corretta diagnosi.
Cordiali saluti.

Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva