Utente 505XXX
buonasera
Vi scrivo riguardo un problema mi affligge da 3 settimane.
Ho 32 anni faccio una vita sana e sportiva e sono una persona che si tiene molto riguardo stile di vita ed alimentazione. Lavoro a turni e ho sempre avuto qualche problema a conciliare la vita quotidiana con un adeguato sonno. Sono una persona ansiosa di base. Per sopperire a questo problema, che a volte può essere molto invalidande, il mio medico mi prescrisse del lexotan da prendere al bisogno (10 gocce). Nel frattempo mi imbattei anche in articoli e studi riguardanti l impiego della cannabis medica la quale veniva proposta in molte patologie in cui rientrava la mia ansia/insonnia. Essendo stato sempre abbastanza preoccupato riguardo l impiego di un ansiolito sintetico decisi di provare con la cannabis medica che mi coltivai in casa.
Per 2 anni mi sono curato con quest ultima senza problemi sia vaporizzandola che usandola in tisane. Tre settimane fa decisi di smettere perchè non ne sentivo più il bisogno. Purtroppo devo dire ho sperimentato nei giorni seguenti tutti i sintomi di astinenza: ansia, mal di testa, insonnia ed inappetenza. Ora a 3 settimane di distanza sto meglio ma il disturbo ansiogeno persiste a momenti. Certi giorni mi sento normale ed altri mi sento nervoso con la mente annebbiata. Vorrei chiedervi se può essere possibile sperimentare ancora i sintomi a 20 giorni dalla cessazione. Purtroppo essendo già ansioso di mio tendo ad esacerbare una crisi d'ansia quando quest ultima si presenta e questo mi sta creando abbastanza disagio. Vorrei chiedervi qualche linea guida da seguire, se portare pazienza ed aspettare o se meglio intraprendere un qualche percorso. Ringrazio anticipatamente saluti

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Sarebbe meglio che si faccia visitare da uno psichiatra per valutare un trattamento adeguato ed efficace per i suoi disturbi.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 505XXX

buogiorno la ringrazio del consiglio.
Quest'ultimo dettato dal fatto che secondo la sua esperienza risulta difficile se non improbabile uscirne da soli?

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
[#4] dopo  
Utente 505XXX

buongiorno, mi ricollego a questa discussione di un mese fa aggiornandola sul fatto che ho dovuto richiedere un consulto presso psicologo della mia città fissato per il 18 di questo mese. Prima ero passato a far due chiacchere al Serd per capire come muovermi. Sono 54 giorni che ho smesso ma gli episodi ansiosi e di distaccamento non sono passati. Magari diminuiti ma sempre presenti. Al serd mi han detto ci vogliono dai 3 ai 4 mesi e che per ora non serviva appoggiarsi subito a loro ma di optare per uno psicologo e casomai ritornare da loro col mese prossimo.
La mia vera preoccuoazione ora è che possa restare cosi permanentemente nonostante appunto mi abbiano detto il tempo passato è ancora troppo poco.
Potreste aggiungere un vostro parere riguardo a quanto sopra? putroppo sto veramente vivendo male la cosa e sicuramente la sto ingigantendo ma non riesco a far altrimenti. Grazie ancora