Utente 507XXX
Salve sono in cura psichiatrica da 1 anno. Diagnosi: schizofrenia paranoide. Non ho mai intrapreso un percorso psicoterapeutico. Ho regolarmente(1 v. al mese) dei colloqui insignificanti, inutili con lo psichiatra. Durante le sedute vorrei scappare da qnt mi sento sotto stress. Sono caduta nella trappola del transfert. Non riesco neppure io a decifrare cosa provo. So solo che da un anno a questa parte penso allo psichiatra notte e giorno. Come se mi avessero fatto un "incantesimo". NON é affatto amore, direi un'infatuazione. Più che altro lui mi mette soggezione (sembra molto convinto del suo ruolo, della sua importanza e della sua posizione). Quando lo vedo sento le farfalle allo stomaco (purtroppo é pure bello), mi trema la voce, sudo freddo, il battito accellera. Sono molto infastidita da queste reazioni che sfuggono al mio controllo, mi sento debole, vulnerabile, senza difese. Non sto affatto bene prima di andare da lui, né durante, né dopo. Provo un forte disagio. Per questi motivi spesso ho posticipato le sedute, una volta non mi sono proprio presentata. Ma mi ha incontrata un mese dopo x caso in ambulatorio (avevo appunt. con l' educatrice) e mi ha rifissato l' appuntamento. Terminata la pausa estiva, mi doveva chiamare, ma ancora nulla. Si sarà dimenticato. A me sta bene. Provo un senso di sollievo all' idea che non lo rivedrò più. Sta di fatto che sono quasi 3 mesi che non ho più contatti con lo psichiatra. Il nocciolo della questione però é che questo 'innamoramento' mi ha innescato una grave dipendenza da cartomanzia(ho speso c.ca 1000euro fino ad ora). Chiedo cosa lui prova x me e cosa succede nella sua vita privata. Ovvio che le ciarlatane di turno sono pagate x dirmi ciò che voglio sentirmi dire.
Non l' ho confessato a nessuno. Mi vergogno troppo. Lui é lo psichiatra del csm pubblico. Non lo posso cambiare. L' altra psichiatra disponibile...udite, udite... É sua moglie...quindi non ho proprio scelta. Aiutatemi. Ho bisogno di disintossicarmi da questa situazione. STAVO MENO PEGGIO prima di conoscere questo signore.
Se guardo a come sto messa ora, provo molta rabbia verso di lui, mi dovrebbe risarcire dei danni che mi sta provocando. Invece non si prenderà alcuna responsabilità. Mi sento ingannata. A volte penso che la categoria psichiatri, psicologi, psicoterapeuti siano una manica di cialtroni che farneticano quanto i cartomanti. Dei manipolatori. Non ne ho affatto stima.

Ma ora me la devo sbrogliare da sola...
Cosa posso fare? Almeno x superare la dipendenza da cartomanti? Sembro una tossica in crisi di astinenza.

Grazie a chi mi dará un consiglio.

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Da quello che racconta appare evidente che la terapia attuale non sembra dare risultati del tutto soddisfacenti, sono presenti dei meccanismi di proiezione che non dovrebbero esserci.
Può succedere che per vari motivi il rapporto medico-paziente diventi esso stesso un problema; la cosa più semplice è cambiare medico, se questo è impossibile nello stesso Centro, spiegandogli le motivazioni, può dare la disponibilità il Centro più vicino,

Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#2] dopo  
Utente 507XXX

Difficilmente potrò rivolgermi altrove.
L' unica speranza che ho, é che ritorni dalla maternità, la dott.ssa che mi seguiva, anche se da molto poco, prima di questo.

Posso farle una domanda che esula un po' dall' argomento?
Le pare corretto che un dirigente medico di psichiatria, vinto il concorso pubblico, faccia subentrare la moglie (che risulta tra l' altro a metá graduatoria)?
Non me ne intendo. Ma non é abuso d' ufficio?

Ora io mi ritrovo a non aver alternative, perché oltre ad essere colleghi, questi due sono coniugi.
Per quanto possano essere dei professionisti qualificati....non stiamo parlando di medici chirurghi, che devono operare e curare una malattia del corpo (e qui non sussisterebbe affatto il problema che sono marito e moglie!), ma si tratta di psichiatri. La loro vita privata si intreccia con quella lavorativa.
C' é qualcosa che non mi quadra.

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
lei ha le idee molto confuse, la vita privata non si deve intrecciare con quella lavorativa per nessun lavoratore o professionista che sia.
Dovrebbe interessarsi dei suoi problemi che sembrano tanti e cercare il modo di risolverli o quantomeno di migliorarli, può essere più complicato andare da qualche altra parte ma se indispensabile, probabilmente come nel suo caso, si fa chiarendo bene quale sia l'esigenza e le motivazioni.
Non ho mai visto un medico che lavora in un servizio pubblico fare "subentrare" qualcuno a prescindere da un concorso, un incarico, una nomina etc. da parte dell'amministrazione competente,

Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#4] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Concordo col collega, e aggiungo che quanto le succede, pur essendo controproducente per la salute mentale, è normale e naturale, ma non può gestirlo da sola. Ne dovrebbe parlare, anche se farà fatica a farlo, con lo psichiatra. Questo aiuterà lei a distanziarsi dall'infatuazione: parlare, raccontare è già mettersi da un lato, giudicare dall'esterno, e lo psichiatra a comprendere il perchè della sua "non compliance", dell'essere insomma una paziente sfuggente. Poi con l 'educatrice e/o un' eventuale psicoterapeuta privata, meno costosa e più utile di una cartomante, potrà cercare di organizzare meglio la sua vita. Se la sua vita sociale migliorerà non avrà più bisogno di aspettare la visita di controllo al ssm.
Franca Scapellato

[#5] dopo  
Utente 507XXX

Grazie per le vostre risposte e dei consigli.
Ma io non avrò più dei colloqui con quello psichiatra. Aspetterò che ritorni dalla maternità la mia dott.ssa 'ufficiale', nel frattempo sospendo i controlli.
Per quanto riguarda l' organizzazione del resto della mia vita, direi di aver superato alla grande un lungo periodo (10 anni) di buio totale. Credo di essermelo proprio lasciato alle spalle.
Merito dell' aiuto concreto dell' educatrice che mi segue diciamo negli aspetti più pratici.
Sono ben inserita in un contesto lavorativo molto positivo, in cui c' é molto spirito di squadra; per la prima volta nella mia vita mi sto appassionando a quello che faccio.
Mi sento rinata. Spero che questa fase duri a lungo. Vorrei chiudere questo capitolo negativo della mia vita e vorrei chiudere con la psichiatria.

[#6] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Bene per la ripresa della sua vita, ma se assume farmaci i controlli sono indispensabili, e non può sospenderli di sua iniziativa, perché per qualche tempo può anche sentirsi meglio, però i sintomi poi tornano.
Chi ha una patologia (e la schizofrenia paranoide lo è) non sceglie di essere malato o sano, esattamente come chi soffre di pressione alta o di diabete.
Può aiutarsi, e anche molto, a migliorare perché i farmaci non risolvono tutto, ma occorrono anche le terapie giuste e il monitoraggio regolare.
Franca Scapellato

[#7] dopo  
Utente 507XXX

Sì assumo dei farmaci. D' accordo dott.ssa seguirò il suo consiglio. Riprenderò a fare i controlli. Mi era stato detto che sarei stata richiamata dal medico stesso dopo la pausa estiva. A settembre inoltrato però, non si é ancora fatto sentire nessuno.

Devo ringraziarvi intanto per le vostre risposte.

Aver scritto ed esposto a qualcuno ciò che mi tenevo dentro, mi ha fatto giá stare meglio.

[#8] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Se non si fa vivo lui, chiami il servizio di salute mentale, il dottor x ha detto che mi avrebbe richiamato, che fine ha fatto? (beh, magari in modo più gentile, ma il senso è quello). Così l'infermiere glielo riferisce. Non è corteggiamento, ma una richiesta di prestazione sanitaria cui ha diritto.
Franca Scapellato

[#9] dopo  
Utente 507XXX

Dott.ssa lei ha centrato il bersaglio. Ha parlato di 'corteggiamento'
É proprio x quello che non voglio avere contatti con lui.
Non so perché ..sono convinta che lo psichiatra in questione sia un narcisista.
Un tipo che fa questo mestiere per carriera, per essere importante e avere un ruolo di successo ecc....insomma non per vera vocazione. Credo che lui cerchi gratificazioni, attenzioni, ammirazione da me.... Non voglio dargli questa soddisfazione.

Ricordo che in più di una seduta mi ha fatto dei complimenti sul mio cambio di look.. (X carità è stato professionale, mi ha detto che mi trovava bene, con i capelli diversi, il trucco marcato ecc...)
E poi sorridendo mi ha chiesto....stai corteggiando qualcuno?
In quel momento ho capito che lui probabilmente mi ha 'sgamato'.
É da lì che ho iniziato ad essere una paziente sfuggente, con scarsa compliance.
Oltretutto ricordo che in una seduta, mentre parlavo di come grazie all' educatrice, io abbia potuto intraprendere questo nuovo percorso lavorativo, che mi ha fatto rinascere....... Mi ha detto che se prima di iniziare questa avventura non fossi stata bene (sottinteso 'grazie a lui') non avrei concluso nulla...insomma mi é sembrato volesse marcare il fatto che il merito fosse suo. Ma non sono affatto d' accordo.

La prego di comprendere che il mio 'no contact' con questo signore, é una forma di protezione verso me stessa.

[#10] dopo  
Utente 507XXX

Ah sí, ricordo altri particolari..... Chiedo un suo parere...
In un colloquio (anzi in molti incontri) mi ha fatto domande sulla mia situazione sentimentale.... Ricordo di avergli raccontato che per 9 anni (ora sono 31enne) io abbia avuto una lunga fase in cui mi volevo fare suora (sarò modesta, esteticamente non ne ho l' aspetto), la sua reazione alquanto indelicata, fu quella di chiedermi se fossi lesbica e se non mi piacessero gli uomini 'COME LUI'? Ha proprio detto così.
Altro particolare...secondo me un tentativo di seduzione.... Al primo incontro mi ha detto sorridendo: "mi fai morire" nel senso che gli stavo simpatica.
É normale che uno psichiatra ti riveli particolari della sua vita personale? Tipo " anch' io come te ho avuto 31anni (ora ne ha 33) ed ero come te (cioé chiuso, timido ecc..).
E poi soprattutto nelle ultime sedute mi ha fatto molte domande sulla mia vita sentimentale, se esco con qlk ragazzo, se mi piace qualcuno nell' ambiente lavorativo. Io gli ho sempre risposto che sì, sono interessata a qualcuno (x non fargli capire che é lui il mio chiodo fisso) ma non sono predisposta ad avere una relazione e che mi basta la soddisfazione che mi dà il lavoro.

Sono io che traviso tutto??
In ogni caso.... Forse é frutto di una proiezione...ma io in questo signore ci vedo il ritratto del classico narcisista perverso. Sento solo il bisogno di stargli alla larga...

[#11] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Si informi di quando presumibilmente tornerà la psichiatra in maternità. Intanto continui ad assumere le terapie, e se il rientro della dottoressa in questione tardasse oltre i due mesi le consiglio vivamente un supporto privato da parte di una psichiatra, perché da quanto racconta è ancora troppo coinvolta sentimentalmente, ogni parola, gesto o comportamento dello psichiatra in questione viene visto da lei in senso romantico, e non va bene.
L'educatrice che le è di aiuto e supporto naturalmente continuerà a frequentarla.
Franca Scapellato

[#12] dopo  
Utente 507XXX

Ok io continuo con la terapia farmacologica.
In passato ho chiesto più di una volta all' educatrice quando tornerà la psichiatra dalla maternitá (lo é da marzo 2017 quindi credo che rientrerá tra qlk mese) e mi ha sempre risposto di non preoccuparmi, che sarò comunque seguita dal medico... La prossima volta che la sentirò tenterò di confidarmi con lei, ovviamente non le dirò tutto ciò che ho rivelato a voi. Le accennerò soltanto il fatto che con lo psichiatra non mi sento a mio agio, avrei bisogno di un rapporto di fiducia e. NEUTRO.
Temo però che se le dirò così, lei mi mandi da quell' altra psichiatra, la moglie.....
Quindi meglio a questo punto che non dica nulla....


Grazie dott.ssa!!

[#13] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Lei come libera cittadina ha diritto a scegliere da chi farsi curare, quindi si può informare se c'è un professionista privato nella sua zona disponibile a supportarla per qualche mese, non di nascosto, ma coordinandosi col servizio pubblico. Non è una cosa strana, e non è tenuta a dare chissà quali spiegazioni.
Se il suo problema fosse cardiologico oppure ortopedico non si porrebbe neppure la questione, che è la stessa: se il rapporto di fiducia esiste, la cura va avanti, se ci sono interferenze la cura si incaglia.
Franca Scapellato

[#14] dopo  
Utente 507XXX

Ok, farò come mi ha detto, mi rivolgerò ad un privato per questo lasso di tempo. Tutti i soldi che ho buttato in cartomanti, in effetti potevo spenderlo per curarmi da un altro professionista... Ma non avevo la luciditá di fare una scelta così ragionevole.

La ringrazio dott.ssa

[#15] dopo  
Utente 507XXX

Dott.ssa......per curiosità....mi sono sempre trattenuta dal farlo in questo anno di tempo...sono appena andata a cercare il profilo facebook dello psichiatra.... É pubblico. Ma é normale??

Mi risulta allegramente andato in ferie quando l educatrice e lui stesso mi avevano detto che era di turno, di guardia in ospedale e non poteva ricevere su appuntamento.



Dott.ssa sto sorridendo adesso, perché guardando il suo profilo mi sono accorta che ho veramente idealizzato una persona che in realtà non esiste.

Sono un po' sconvolta, ma allo stesso tempo felice, perché non mi piace ciò che ho visto. Credo di essere proprio incompatibile con uno così

Sento una sorta di liberazione mista a vomito (soprattutto per le sue idee politiche che sbandiera su tutti i post)

[#16] dopo  
Utente 507XXX

Scrivo un ultimo pensiero......poi ho davvero chiuso e andrò a farmi seguire da un altro specialista.


So che non dovevo farlo, ma spulciare il suo profilo facebook mi ha fatto ridimensionare l' idea che avevo di lui....se prima x me era un essere "divino" adesso l' ho visto in tutta la sua "normalità" e vedendo le foto mi accorgo che non é poi chissá quale bellezza stratosferica. É indubbiamente un bel ragazzo. Ma non ci trovo più quel fascino...
Capisco quanto la mia mente abbia navigato di fantasia.
Non sono neppure gelosa delle numerosissime foto romantiche con la sua adorata mogliettina sbandierate al vento (ecco come facevano gli altri pazienti a sapere che erano sposati).... Mi sembra di vedere quel programma fintissimo della De Filippi "uomini&donne"

Se prima provavo un senso di attrazione e soggezione adesso lo psichiatra mi fa addirittura un po' pena....mi sembra un esaltato. Si crede addirittura un'eccellenza del sud che va ad arricchire il nord (io sono in veneto)...
Per non parlare di tutti i post sulla politica sinistroide.

Dott.ssa ha presente quei personaggi dello spettacolo denominati "radical chic". Quei filantropi che predicano tante belle cose, ma poi si guardano bene dal tenersi spocchiosamente lontani da certe miserie umane?

Ecco lui é uguale. Crede di essere un po' "alternativo" dalla parte dei disadattati, dei malati di mente, dei giovani dei centri sociali ecc.....

Ma glielo posso garantire. Non é così. É veramente patetico e anche un po' ridicolo
Credo che il mio transfert sia finito. Questa é una buona notizia

[#17] dopo  
Utente 507XXX

Un' ultimissima cosa.....

L educatrice.... Quando mi ha annullato l appuntamento dopo la pausa estiva dicendomi che il medico era di turno o di guardia all ospedale quindi non poteva ricevermi.....mentre (guardando il suo profilo facebook) il signore aveva prolungato evidentemente le sue ferie al sud........
Beh. Non dico di essermi sentita tradita.....ma di certo mi guarderò bene dal confidarmi con lei.
Non mi fido più.


Ok ho finito. Non scriverò più.

Ringrazio immensamente la dott.ssa per le sue risposte, i suoi consigli e il suo interessamento.

[#18] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Sta descrivendo il dis-innamoramento, il distacco. Cerchi di non esagerare dall'altra parte, anzi di superare questa cosa pensandoci meno possibile. E' un master di vita, chi l'ha passato non ci casca più. Tanti auguri.
Franca Scapellato