Utente cancellato
buon sabato sera,
Chiedo delucidazioni riguardo il mio trattamento.
Ad aprile di quest'anno ho iniziato a soffrire di ansia generalizzata, mi faceva paura tutto, da uscire con gli amici a stare a casa da sola, a stare in macchina e cose così.
Mi sono subito rivolta ad una psicoterapeuta e il problema andava via via risolvendosi nei mesi, ero pro-positiva, molto ottimista su ogni minimo miglioramento, avendo una remissione quasi totale dei sintomi ansiosi. Ero tornata quasi quella di prima.
Poi ad ottobre, ho iniziato un netto peggioramento. Ritornava ansia su tutto, non riuscivo però a vedere nessun miglioramento, crisi di pianto isteriche, la notte mi addormentavo subito e mi risvegliavo dopo 4 ore e non riuscivo a riaddormentarmi in preda all'ansia, avevo perso motivazione e ho perso lentamente interesse a tutto, non volevo fare più nulla, nonostante io continuassi a farlo perché DOVEVO farlo. Mi sono laureata a fine ottobre e non ho provato neanche un po' della gioia che mi aspettavo di provare.
Mi sentivo diversa, stanca, senza speranze... e il non dormire mi ha ucciso. Così oltre alla terapia mi sono affidata ad uno psichiatra che ha valutato la mia situazione e mi ha fatto iniziare una cura inizialmente per una settimana con il valium, per capire la dose adatta e poi con lo Zoloft. Ho preso per 12 giorni zoloft 50mg e poi ho alzato a 75 per altri 12 giorni per poi portarlo a 100, dose dallo psichiatra indicata come "adatta probabilmente a me"
Io ho iniziato la cura e già dopo 12 giorni di zoloft mi sono sentita un po' meglio, umore migliorato, più spensierata. Poi aumentando il dosaggio ho accusato i primi giorni un netto peggioramento e poi di nuovo, ora che sto al 6 giorni di Zoloft a 75mg mi sento meglio, ma ho delle domande da chiedervi:

- E' normale avere un peggioramento ad aumento dosaggio? E come si contano ora i giorni per vedere l'efficacia, dalla prima assunzione di Zoloft o dall'aumento dose?

- Inoltre, io ho paura a rimanere da sola, ho paura della solitudine e di rimanere tanto con i miei pensieri, mi provoca tanta ansia questa cosa, ma l'anno prossimo dovrei trasferirmi per esigenze lavorative in un'altra città, quindi mi sto domando, voi che siete esperti, tra un anno, sarò in grado di potermi trasferire, nel senso, se il farmaco fa effetto e la psicoterapia anche, e ovviamente so che lo devo assumere per un tempo prolungato, dico, visto che prima ero veramente felicissima e piena di voglia di trasferirmi, potrò ritrovare ancora questa voglia di costruirmi un futuro? Perché ora a pensarci mi viene solo tantissima paura.

grazie mille per le eventuali risposte, buon sabato sera e buona domenica

Marzia

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La cura è corretta per tipo di medicinale e per dose, con una puntualizzazione. La dose è "adatta per Lei" nel senso che è la dose normale, non è che in base a caratteristiche particolari il medico può aver stabilito che sia 100 anziché 75 o 125. Si tratta di dosi che vanno da tot a tot statisticamente se si vuole ottenere una risposta.
La risposta si rende evidente dopo 2-4 settimane. Iniziando con un aument graduale anziché subito con dose piena si può ritardare un po', ma in realtà più o meno i tempi rimangono quelli, magari più spostati verso il mese.
Non mi porrei domande, per adesso attenderei la tempistica utile a verificare se e fino a che punto le è utile, dopo di che se si migliora dopo un mese, il miglioramento può proseguire e completarsi nei mesi seguenti.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
513058

dal 2019
Grazie per la celere risposta,
Visto che ho detto al mio psicoterapeuta che sono ossessionata nel cercare sempre rassicurazioni su questo sito, in quanto voglio capire bene, lui mi ha spiegato che questo è il classico atteggiamento dell'ansioso e se mi faceva stare meglio, porre domande chiare per le mie risposte e poi cercare giorno dopo giorno di contare fino a 20 prima di fare una nuova ricerca. Quindi le pongo altri dubbi e poi smetterò

Gli effetti dello Zoloft sono graduali? Perché da aumento dose è passata una settimana e dall'inizio assunzione 3, ed io mi sento meglio, ma non al top, ho ancora dei momenti di down, momenti di ansia e momenti di disperazione. Quindi, i miglioramenti saranno graduali? Ogni giorno mi sentirò meglio oppure dopo un mese dovrei avere l'effetto "massimale" nel senso "okay sono migliorato, e questo è il massimo che posso raggiungere"

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, non funziona così. Non si tratta di essere chiari, questo è parte del problema, non si è mai troppo chiari e si insiste all'infinito.
Contare fino a 20 per fare una nuova ricerca non funziona, conta e poi lo fa.
Poiché chi ha ossessioni non può trattenersi dal chiedere, l'unico modo di evitare di alimentare la domanda è di trattare la domanda come se fosse una domanda qualsiasi.

Si tratta di domande generiche, dalla risposta ovvia o inutile sostanzialmente. Le cure si regolano in corso d'opera, non c'è motivo di stabilire cosa si farà al tempo x.

La cosa importante è che il farmaco sia adatto e dato a dose media efficace, e se non funziona eventualmente a dose anche maggiore, vedrete insieme col medico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it