Sono stata con troppi uomini

Non so piu cosa pensare di me, tutta colpa del mio carattere debole; inizio tutto cosi quel giorno in qui persi la verginita a quasi diciannove anni con la persona sbagliata dopo 8 mesi che ci stavo assieme, non ero innammorata di lui ma gli volevo bene, lui mi amava tantissimo, mi trattava da principessa ed era diventata un abitudine stare con lui perche non avevo nessun altro con qui stare, con qui confidarmi, avevo solo lui e nessun altro, solo un amica e basta, una vita molto solitaria direi... io ci tenevo tantissimo a farlo con la persona giusta ma ho sbagliato... quante volte i ragazzi ci provavano con me negli anni passati e io ero contentissima perche dicevo "sono vergine" e finiva la cosi non serviva che combattevo dicendo di "no" perche avendo un carattere debole dopo che una persona insiste piu volte non so piu cosa fare mi trovo in crisi... poi arrivò il secondo ragazzo e mi ricordo la prima notte che andammo a dormire assieme non lo volevo fare ma non sapevo come comportarmi ero spaventata, avevo paura del rifiuto allora gli mentii, e si, dissi che ero vergine ma poi me ne sono pentita perche è brutto mentire su una cosa cosi importante e da allora non lo feci piu, siamo stati assieme per un mese, lo abbiamo fatto, poi abbiamo dovuto lasciarci accausa del mio lavoro mi sono trasferita e da allora non ci siamo piu visti. Poi e arrivato il terzo, questo è un collega che entrando in camera mia ha iniziato a insistere, a toccarmi e io ho ceduto, cosi l'ho fatto senza voglia ne desiderio, mi ha scopata e poi se ne è andato, dopo di che mi sono gettata in bagno a piangere, mi volevo suicidare mi sentivo uno schifo. Dopo quella notte è sorta in me una specie di "masochismo", non credevo piu nell'amore, pensavo che non mi innamorero mai, che gli uomini sono tutti bestie, cosi mii sono fianzata con uno tanto per poi l'ho lasciato, Poi di nuovo altri 2 colleghi ad insistere, a toccarmi(non assieme) e io a farlo senza piacere poi a risentirne, e un altro.... un altra volta mi ricordo che sono finita in una casa con due uomini sconosciuti perche non sapevo come liberarmene, mi ricordo che quella sera tremavo e stavo li immobbile seduta sul divano sapendo cosa mi volevano fare, credevo che mi avrebbero picchiata e violentata. Uno era uscito a comprare da bere mentre l'altro iniziava a toccarmi e provava a spogliarmi mentre io gli tenevo la mano e non lasciavo che mi spogliava, dicevo che non lo volevo fare ma lui continuava con la forza cosi è riuscito a farlo...poi è entrato l'altro (si sono tipo dati "il cambio") e quello di prima è uscito...è successa la stessa scena. Ormai avevo perso le speranze quasi perso pure il valore per il sesso, per me non aveva quasi piu valore. Cosi conobbi un ragazzo che mi piaceva tantissimo e finalmente mi aveva chiesto di uscire, non ci conoscevamo bene ma c'era un feeling incredibile, era bellissimo e mi attraeva sia dentro che fuori, lo vedevo come una persona particolare, diverso dagli altri, mi assomigliava; cosi mi portò a cena, ero la donna piu felice del mondo quella sera, pensavo che forse lui sara quello giusto, la stessa sera lo abbiamo fatto, mi è piaciuto tantissimo per la prima volta ho goduto veramente. Ho quasi iniziato a crederci di nuovo invece dopo una settimana è sparito, e io sono caduta quasi in depressione, giorni che non mangiavo, giorni che mi abbuffavo, giorni in qui avevo difficolta ad addormentarmi, incubi, pianti, alcol per quasi due mesi poi per fortuna ho ritrovato le forze e mi è passato quello stato di "crisi". Poi erano passati cinque mesi da quel giorno e conobbi un altro STESSO feeling e ho pensato che forse era questa la volta buona, avvolte sono troppo ottimista.... lui è fidanzato ma io ho scelto di uscirci comunque... la prima sera non l'ho fatto anche se lui insisteva sono riuscita a difendermi addirittura mi prendava la testa e con la forza voleva che gli facevo un rapporto orale ma non l'ho fatto. Ci sono rimasta male e pensavo che non si fara piu sentire ma in fondo sarebbe stato meglio cosi...invece si, si è fatto sentire e la seconda volta che siamo usciti avevo fortunatamente le mestruazioni, mi ha portata direttamente in un luogo imboscato e poi mentre mi baciava mi diceva" lo hai mai fatto in tre? con quanti sei stata? dici che sei la mia maiala dillo DILLO "sono l tua maiala" dillo!". La mattina al lavoro era dolce, mi accarezzava il viso, mi parlava tranquillo, mi accarezzava il braccio...poi la sera si trasformva, poi la mattina seguente era di nuovo la persona di prima, la persona che avevo conosciuto, dolce con gli occhi grandi e neri, uno sguardo profondo..., era l'opposto di me, io timida e introversa, lui estroverso e sicuro di se, capace di discutere e parlare tanto, a dire tutto quello che pensa, io invece silenziosa e chiusa, mi metteva in soggezione. Odiavo quando mi trattava male, quando per chat mi parlava sempre di sesso, voleva che li mandavo foto nuda di me, ma io ignoravo questa cosa non volevo credere che lui è cosi credevo a un altra realta, pensavo a lui come lo conoscevo a lavoro e basta. Cosi uscimmo di nuovo e l'abbiamo fatto, mi piaceva farlo con lui non avevo alcuna timidezza poi si era preoccupato tanto per me a letto e mi baciava tantissimo. Diceva che usciremo altre volte, tutte le sere e io speravo che un giorno magari tra noi due nascera qualcosa di piu grande e lascera la sua ragazza. Invece è peggiorato, in chat ha iniziato a dirmi che lo voleva fare a tre io lui e mia sorella, mi mandava foto del suo pene e diceva "guardalo è moscio mandami una foto e fammi eccitare" poi " dai vai in bagno fatti una foto alle tette e mandalamela e mi fai contento" "mi ecciti da morire mi piacciono le tue gambe, il tuo c*lo, le tue tette, il tuo fisico perfetto, i tuoi capelli lunghi biondi e occhi azzurri tuttoooo".La mattina seguente lo incontro per strada mi da un passaggio ferma la macchina e subito a toccarmi e prendermi la mano e metterla sul suo pene. Da allora è finita non gli ho piu risposto.
In tutto 12 uomini in 2 anni cosa diro al mio futuro marito o fidanzato?( sperando che lo trovo perche sono fin troppo ottimista) sono una puttana ecco cosa sono...faccio schifo...non voglio mentire su questo conto perche a me piacciono i rapporti sinceri e fedeli, lo so come sara glielo diro e poi dalla gelosia o credendo che sono poco di buono mi lascera...
[#1]
Dr. Fernando Bellizzi Psicologo, Psicoterapeuta 1,1k 37 9
Gentile Utente,

nel ringraziarLa per la condivisione di questo Suo scorcio di vita rispondo all'unica domanda che pone e cioè:
> In tutto 12 uomini in 2 anni cosa diro al mio futuro marito o fidanzato?

Dipende dal marito\fidanzato.
Non per tutti la verginità è un valore, non per tutti l'esperienza è un segnale negativo.
E non è detto che conosca il Suo passato. Certo, se frequenta uomini che tra di loro si conoscono, è possibile che parlando tra di loro, Lei diventi sia l'oggetto dei loro desideri, sia la realizzazione.

Vuole rifarsi una vita? La chirurgia plastica la può aiutare anche a ridarLe una parvenza di verginità ricostruendo l'imene.

Poi se i 12 uomini siano errori del passato o esperienze per il futuro, dipende in gran parte da Lei e da come elabora la Sua esperienza di vita. Uno psicologo può aiutarLa nel processo di elaborazione.

Oppure può semplicemente lasciarsi il passato alle spalle ed imparare a dire di no. Se proprio non sa dire di no, allora prenda il controllo della situazione sessuale: alcuni maschi scappano quando a dettare le regole è la donna.

Dr. Fernando Bellizzi
Albo Psicologi Lazio matr. 10492
http://www.ericksoniano.it/medicitalia/

[#2]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 316 668
Gentile Utente,
discorso moralistico e conti matematici a parte, credo che lei non sappia dire di "no"

Se le fa piacere può stare con tutti gli uomini che crede, ma la scelta deve esedre libera e spontanea e dovrebbe seguire la dimensione del piacere, non la dimensione dell'obbligatorietà…

Se cede a questi uomini per sentirsi bella, sedutttiva, viva e piacente….per nutrire la sua autostima, forse vacillante, il retrogusto sarà amaro e sgradevole…il dopo sarò più un peso,che un piacere …

Il futuro marito o fidanzato, non dovrà affatto essere un giudice o assolverla per i peccati vissuti…

Da quanto leggo, soprattutto dalla novizia di particolari, lei desidera l'assoluzione e la catarsi data dal racconto, più che la comprensione delle pieghe psichiche e sessuali, che stanno alla base delle sue scelte o " meglio non scelte"

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio