Vorrei capire se il mio è un disturbo psicologico

Buongiorno, vorrei chiedere gentilmente un consulto per capire se questo mio malessere possa essere di natura psicosomatica o meno.

Parto dall'inizio, a dicembre-gennaio io, mia mamma e mio papà prendiamo il Covid, per me è stato un momento che non so nemmeno descrivere, vedere i miei genitori stare male, mia mamma ha perso 6 kg e grazie a dio ora sta benissimo, mio papà tosse e febbre tosse e vomito ed io grazie a dio aiutavo in casa perché loro non potevano per ovvi motivi fare nulla e perchè io stavo bene...Due volte abbiamo dovuto chiamare l'ambulanza per mia mamma quindi sembrava di essere dentro un film piangevo tantissimo il nostro Natale ovviamente non è esistito come il Capodanno e al mattino non volevo alzarmi dal letto e affrontare ma alla fine è andata.

Poco più di un mese dopo inizio ad avere un doloretto altezza stomaco che piano piano, con esami su esami, il doloretto è peggiorato è diventato quasi costante.
Sono stata al pronto soccorso 3 volte, ho fatto eco addome completo per 4 volte - esami feci esami urine esami del sangue specifici per intestino, infine ho fatto gastroscopia ed è risultata ernia iatale e gastrite erosiva.
Sto passando un periodo orribile invidio gli altri che stanno bene.
Proprio questa mattina accusavo molto molto forte questo dolore ed ero in compagnia di mia suocera ed il mio ragazzo che mi hanno detto che se stavo tanto tanto male mi portavano ovviamente al pronto soccorso non so cosa mi sia scattato ma piano piano dopo aver sentito che mi avrebbero portata in ospedale mi sono sentita piano piano meglio... Come coccolata...non so spiegarmi.
Il dolore lo ho e so solo io ciò che passo e che periodo ma potrebbe essere un qualcosa di psicosomatico?
Mi consiglia di andare da uno psicologo?
Sto usando ogni tanto per calmare sti attacchi lo Xanax, purtroppo.

Le racconto un'altro episodio, stavo male male male mi sentivo svenire dolore al fianco, mi mancava il respiro, era sabato e mia mamma ha il numero di cellulare del nostro dottore lo ha chiamato disperata per capire cosa fare ed io ero vicino a lei e sentivo che le diceva mia cara tua figlia (che sarei io) non ha proprio nulla esami fatti sono tutti perfetti! Permetti che con la mia esperienza lei deve avere qualcosa di inconscio e la paura di avere un brutto male che la stanno mangiando viva! Tua figlia non ha nulla.
Avendo sentito queste parole mi è passato il dolore.

Cosa dovrei fare?
Sarò sincera... Ho sempre paura che i dottori sottovalutino il mio dolore e che non si interessino... Sto cosi male da mesi... Chiedo un vostro aiuto
Grazie mille
[#1]
Dr.ssa Licia Contaldi Psicologo 4 1
Prima di tutto visto che dall'ecografia addome risulta oggettivamente ernia iatale che è una cosa fisiologica e gastrite erosiva ti consiglio di andare da un gastroenterologo che ti darà una cura per alleviare i dolori e curare la gastrite erosiva. Al contempo poichè hai riferito di aver passato dei momenti molto difficili a causa della malattia dei tuoi genitori per covid potresti farti aiutare con un percorso psicologico per superare dal punto di vista emotivo lo stress e le paure continue e logoranti che hai vissuto in quel periodo. Cerca di curare entrambe le cose, la tua parte fisiologica e la tua parte emotiva. Non penso che gli psicofarmaci (che vanno sempre presi solo se prescritti da uno specialista Psichiatra per il tempo e le dosi e con periodici controlli da lui effettuati) siano la soluzione di disturbi organici. Per quanto riguarda la tua parte emotiva, hai bisogno di parlare con uno psicologo e non di stordirti con psicofarmaci, perchè stordendoti non si eliminano i dolori dall'inconscio anzi si sedimentano.
Dr.ssa Licia Contaldi
Psicologa Dinamica e Clinica (infanzia, adolescenza, adulti, coppia, famiglia)

Dr.ssa Licia Contaldi
Psicologa Clinica
Brevi Percorsi
liciacontaldi@yahoo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio molto per la risposta Dottoressa... Infatti vorrei iniziare un percorso psicologico che mi aiuti a non vedere sempre il peggio... È un'anno molto difficile per me sia per questo dolore costante che mi tortura sia emotivamente perché ci penso sempre non penso ad altro e questo immagino che aumenti il tutto... Esistono dolori psicosomatici dottoressa? Questo mio dolore al fianco sinistro che mi sveglia la notte, potrebbe essere un disturbo psicologico?
Grazie ancora

Il Covid-19 è la malattia infettiva respiratoria che deriva dal SARS-CoV-2, un nuovo coronavirus scoperto nel 2019: sintomi, cura, prevenzione e complicanze.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test