Utente 299XXX
Salve, per caso in estate ci può essere una maggiore incidenza per chi è predisposto ad incorrere in prostatiti recidivanti durante il periodo estivo? Tra l'altro con quest'afa infernale è davvero dura contrastare la sintomatologia. Inoltre come ho più spesso spiegato su questo sito, il mio primo episodio di prostatite si verificò nei 22anni di età, ora ne ho 28, curata a suo tempo non ebbi ricadute. Fino a quando da un anno e mezzo, per problemi gastrici (ernia iatale), ho cominciato ad assumere quotidianamente pantoprazolo, ed ho notato che con l'inizio di queste cure si ripresentano sempre più spesso prostatiti, per alcuni periodi addirittura una volta al mese. Vorrei comprendere se ci potrebbe essere una correlazione, lessi da qualche parte che gli ipp portano ad un incremento di sovracrescita batterica intestinale, potrebbe essere questa la causa di tale recidività? Perchè a me le prostatiti come sempre ritornano a seguito di problemi intestinali.

[#1]  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
16% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2016
Caro utente,
c'è comprovata correlazione tra problemi gastrointestinali e prostatiti.
L'estate e il caldo in particolare possono favorire una disidratazione e, conseguentemente, urine più concentrate.
La stasi urinaria favorisce le infezioni. E' quindi molto importante bere molto ma soprattutto urinare.
Il flusso urinario è un meccanismo protettivo fisiologico contro le infezioni delle vie genito urinarie.
Spero di essere stato sufficientemente chiaro.
Cordialità
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com