Utente 463XXX
Gentile dottore
Le spiego brevemente la situazione. Il 26 giugno scorso mio papà 69 anni viene operato: prostatectomia radicale e linfoadenectomia pelvica con PSA pre operazione di 11,2. Durante l intervento purtroppo c e stata una complicanza che ha portato al confezionamento di una colostomia temporanea. L urologo che l ha operato ha detto che la prostata era attaccata al retto che si é poi lacerato. Dopo un mese dall intervento abbiamo fatto il primo PSA che era a 0,07. Stessa cosa per i 3 mesi successivi. Dopo 3 mesi e mezzo arriva l esame istologico:1 Adenocarcinoma acinare prostatico score 7 sec. Gleason 3+4 grado gruppo 2, multifocale, interessante entrambi i lobi, intraparenchimale. Presenza di infiltrazione neoplastica perineurale. Non evidenza di angioinvasione. vescicole seminali indenni. parenchima prostatico circostante con focolai di PIN di alto grado. margini di resezione chirurgica indenni. 2 isolati 5 linfonodi esenti da infiltrazione neoplastica. 3 tessuto fibro adiposo esente da infiltr neoplastica. 4 frammenti di tessuto prostatico sede di Adenocarcinoma prostatico score 7 sec. Gleason3+4, gruppo 2, esteso ai bordi dei frammenti su tessuto cauterizzato. 5 non evidenza di infiltrazione neoplastica. pT2c pN0 R1. Da ciò l urologo che ha operato mio papà ha consigliato la radioterapia iniziata a dicembre poiché ad ottobre mio papà ha dovuto fare l intervento di ricanalizzazione. Ha fatto 33 sedute di radioterapia finendo il 6 di febbraio. Dopo un mese dalla fine della radioterapia mio papà fa il psA ed è lo stesso.. 0,07. Oggi a due mesi l ha rifatto nuovamente ed è sempre tale. In più ce una forte carenza di ferritina.. precisamente a 6.70. Non capisco come mai il PSA non scende. Vorrei sapere la sua opinione in merito. la ringrazio vivamente.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il PSA 0,07 ng/ml (quindi pochi centesimi) si può ancora ritenere praticamente azzerato, come vengono d'altronde considerati tutti i valori inferiori a 0,1 ng/ml. In seguito a radioterpai i valori del PSA comunque non scendono subito, anzi talora si assiste addirittura ad un piccolo "rimbalzo" iniziale a valori più elevati, per poi stabilizzarsi dopo almeno 6 mesi, raggiungendo il cosiddetto "nadìr". In questo caso comunque queste considerazioni sono molto vaghe, poiché stiamo parlando di valori già molto bassi in partenza.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 463XXX

Quindi lei ritiene che il fatto che non si azzera completamente non è anomalo? Anche dopo la radioterapia? è relativamente alla ferritina bassa pensa che possa esserci correlazione? Il mio medico curante ha detto che può essere relativo alla ricanaliz effettuata ad ottobre ovvero difficoltà ad assorbire le sostanze nutritive. Mi scuso per le tante domande ma vorrei un po di chiarezza. La ringrazio nuovamente per la disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il PSA in ogni caso non si azzera mai completamente, poiché in minimissima parte è prodotto anche al di fuoi della prostata. E' stato talora riscontrato anche nelle donne!
Il discorso della ferritina e dell'anemia non ha relazioni dirette con la situazione urologica e deve eventualmente essere considerato a parte dallo specialista competente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 463XXX

Ma quindi la radioterapia non era necessaria dato che non si è azzerato completamente? Per la ferritina allora devo rivolgermi all ematologo. La ringrazio per la celeritá delle sue risposte.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La radioterapia è stata effettuata a scopo esclusivamente preventivo, come d'altronde sempre accade in questi casi. Non vi era alcuna certezza assoluta della presenza di cellule tumorali residue.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 463XXX

È stato molto esaustivo. La ringrazio.