Utente 500XXX
Buongiorno,
Ho bisogno di un vostro parere riguardo alla mia situazione. Ho 34 anni.
Circa un mese fa ho notato tramite palpazione un cordoncino duro di colore biancastro sul dorso del pene. Questo cordoncino è comparso improvvisamente dalla sera alla mattina. Non ricordo di aver avuto rapporti particolarmente violenti o di aver subito colpi. In ogni caso non ho mai avuto dolori,bruciori o problemi a fare qualsiasi cosa. Ho aspettato un paio di giorni per vedere se si sarebbe sgonfiato. Dopo una settimana mi sono recato dal mio medico di base,sempre senza nessun sintomo. Il mio medico mi dice che potrebbe essere una vena infiammata o trombizzata, di non preoccuparmi e mi prescrive Hirudoid crema 2 volte al giorno e di fare un ecodoppler che prenoto il giorno dopo. Tempo di attesa 45 giorni.
Passano una ventina di giorni ma il cordoncino è sempre presente; così mi reco da un urologo. Gli spiego che non ho alcun tipo di dolore e il mio pene e sempre com'era prima,solo che c'è questo cordoncino duro e che durante l'erezione al tatto si sente di più.
Lui mi visita e toccandomi mi dice che si tratta di una placca da IPP. Il referto dice: "placca al terzo distale del dorso del pene; consiglio Peironemev per 3 mesi. Possibile avere rapporti. Controllo fra 5-6 mesi con ecocolordoppler dinamico."
Mi dice anche di non preoccuparmi che se non funzioneranno le pastiglie si possono fare iniezioni per sciogliere la placca.
Ora io mi sono subito informato e documentato sulla sindrome di Induratio peni plastica e non nascondo di essere abbastanza preoccupato.
Io dopo un mese comunque non ho mai avuto dolori in erezione;il pene non ha subito curvature. Ho solo questa cosa dura che si sente al tatto (sarà un centimetro e mezzo circa di lunghezza)
Andrò sicuramente a fare ecodoppler, ma nel frattempo sono un po' confuso. Oggi ho iniziato a prendere le vitamine E (male che vada male non mi faranno...)
Cosa ne pensate? Grazie a chiunque mi aiuterà.

[#1] dopo  
le iniezioni intplacca sono argomento molto discusso, hanno un discreto funzionamento ed andrebbero fatte subito, per evitare progressioni di malattia, come andrebbe fatto subito un ecodoppler dinamico del pene per valutare le dimensioni reali della placca. Di certo quell' integratore non è granchè.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 500XXX

La ringrazio dottore per la risposta.
Quello che volevo sapere è se di riesce a capire se si tratta di una placca senza aver fatto un eco doppler? Esistono casi di Ipp senza alcun tipo di dolore e curvatura del pene?