Utente 475XXX
Gentili Medici Buongiorno,

Il mio problema è abbastanza complesso e cercherò di descriverlo dettagliatamente.
Da diverso tempo sono affetto da difficoltà erettive e di raggiungimento dell'orgasmo.
Premetto:
Dicembre 2009 ho subito un intervento chirurgico di circoncisione. Dicembre 2012 subito intervento di Turp Prostatico reso necessario causa ipertrofia prostatica benigna. Attualmente prendo antidepressivo Cipralex 10mg dopo episodio di pesante esaurimento nervoso inizio 2015. So che questo farmaco ha come effetto collaterale la disfunzione erettile.

Sono felicemente sposato da poco più di un'anno però per avere rapporti sessuali quasi normali con mia moglie sono costretto a ricorrere a farmaci che danno un aiuto concreto, nel caso specifico il Cialis da 5mg, sono però francamente un po' preoccupato perché credo che non sia possibile andare avanti indefinitamente che questo tipo di farmaco. Si aggiunge poi il fatto che il mio pene risulta poco sensibile e non riesco praticamente mai a raggiungere l'orgasmo nonostante un erezione quasi soddisfacente.

Volevo quindi chiederVi cortesemente cosa pensate della mia situazione e se risulta possibile apportare dei miglioramenti significativi.

In attesa di una Vostra gentile Risposta porgo Cordiali Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Salve sappiamo bene quanto gli antidepressivi possono portare dei ritardi dell'orgasmo e dei ritardi Anche importanti nel riflesso eiaculatorio se fosse possibile nel tempo ridurre O meglio ancora annullare il farmaco sicuramente ci sarebbero dei miglioramenti anche nella sfera sessuale tra l'altro è anche chiaro che l'intervento di resezione prostatica porta spesso in maniera irreversibile la retro iaculazione

la parte erettile Invece vede sicuramente partecipare anche una componente psicogena In ogni caso l'uso del farmaco anche per tantissimi anni non crea nessun tipo di problema né fisiologico né tantomeno di assuefazione
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#2] dopo  
Utente 475XXX

Gentile Dott. Militello.
La ringrazio per le precisazioni sopratutto riguardanti l'uso del farmaco (Cialis) che attualmente mi sta dando un aiuto importante. Certo sarebbe bello annullare quanto prima l'antidepressivo, piano piano comunque sto diminuendo il dosaggio.
Non mi è ancora ben chiara però la causa del fatto che il mio pene sia così poco sensibile (forse il fatto che il glande sia permanentemente scoperto per la quasi totalità della superficie) o è sempre causa del Cipralex?
Cordiali Saluti.

[#3] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non è facile da individuare la causa sicuramente il glande scoperto può in parte essere meno sensibile di un glande sempre coperto dal prepuzio.
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.