Utente 495XXX
Buona sera a tutti,

Sono un ragazzo di 30 anni e sono  ormai da quasi 3 mesi alle prese con una serie di problemi urologici. Provo a riassumere:

- FINE MARZO/APRILE: fastidio/solletico uretrale,rossore testicolare  e formicolio testicolare. Lieve rossore in fase di erezione nel corpo del pene (nella parte tra il glande e la pelle retratta) . Leggero bruciore ad urinare. Al pronto soccorso,l'urologo, ha diagnosticato una lieve iperemia testicolare ed un' infiammazione alle vie urinarie.
Prescritti: levofloxacina per 5 gg e peaprostil per 15gg. Scomparso il bruciore durante la minzione ma nessun miglioramento significativo per il resto.

-MAGGIO: Consultato un Secondo urologo.
 Eseguiti: uricoltura, spermiocoltura, tampone uretrale ed ecografia testicolare con tutti esisti negativi.
Dall' esame digito rettale la prostata è risultata leggermente congesta. Mi è stata prescritta una cura per 30 giorni con il farmaco Saba.

La cura è terminata pochi giorni fa. Ho rilevato la scomparsa dei fastidi uretrali. Nessun fastidio o problemi  ad urinare. Non ho invece riscontrato grossi  miglioramenti per il rossore testicolare e per il rossore al pene. Ho inoltre notato una leggera perdita di erezione. Non a raggiungerla ma a mantenere l'erezione massima.

Inoltre, "soffro" da sempre di una produzione abbondante di liquido pre eiaculatorio in fase di forte eccitazione (anche senza la presenza di un partner). Da quando sono alle prese con questi problemi, mi sembra che il fenomeno sia aumentato. Arrivo ad avere perdite di liquido pre eiaculatorio anche al minimo pensiero sessuale e nelle prime fasi di eccitazione. Ho sempre attribuito questo fenomeno alla sfera emotiva e non l ho mai considerato un possibile problema. Non so se questa cosa possa incidere e se esista un modo per attenuarlo.

Oggi ho aggiornato l l'urologo, secondo lui è tutto riconducibile a questa infiammazione della prostata. è in via di guarigione e mi ha consigliato di continuare con il saba per un altro mese.

Vorrei solo avere anche un vostro parere e sapere se secondo voi sono seguito bene.( per quello che si possa intuire dal mio quadro clinico senza una visita diretta).

Grazie sin da ora per una cortese risposta.

Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

segua le indicazioni ricevute dal suo urologo, le strategie per cercare di risolvere il suo complesso clinico sono condivisibili.

Nel frattempo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli, pubblicati sempre sul nostro sito, visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1784-prostatiti-croniche-attuali-considerazioni-diagnostiche-terapeutiche.html

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html

https://www.medicitalia.it/salute/prostata .

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 495XXX

Buongiorno dottore
La ringrazio per la risposta.
In effetti lo specialista che mi segue mi dà buone impressioni e mi trovo bene.
Era solo per avere una duplice conferma.

Il fatto di non avere più fastidi o dolori mi lascia molto più tranquillo.
Mi preoccupa solo un po' la questione del liquido pre eiaculatorio, ma avendo sempre avuto questo "disagio" e per quanto ho capito(Anche informandomi su articoli qui pubblicati ) per questo "problema" c'è poco da fare.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006