Utente 588XXX
Buongiorno, volevo chiedervi avendo preso il diclofenac da 100 per la prima volta per due giorni, il secondo giorno, di notte mi sono alzato con un malore di tensione toracica e cranica per cui sono andato al pronto soccorso dove non mi hanno riscontrato niente e naturalmente sospeso il diclofenac. Dopo due notti mi alzo la notte con vertigine oggettiva forte che peggiorava al movimento della testa ed ' sopraggiunto anche acufene. Dopo un mese circa il vestibologo mi diagnostica deficit neuvascolare cocleovestibolare consigliandomi RMC con contrasto. Ora vorrei chiedervi il deficit neurovascolare puo' essere stato la conseguenza di una sofferenza del microcircolo nell'orecchio dovuto al diclofenac? Visto che ho letto in giro che e' anche ototossico e porta rischi cardiovascolari?. Secondo voi il danno è riparabile?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Il diclofenac penso sia uno dei FANS piu' usati al mondo e sicuramente in Italia e non penso proprio che i sintomi da lei riferiti siano attribuibili a questo farmaco.

Esegua la RM

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 588XXX

La ringrazio per la celere risposta. Ma mi deve scusare ancora, non le ho precisato che avevo preso già la settimana precedente il Diclofenac e al primo giorno sono stato strano pur continuando a lavorare, il secondo giorno lo stesso e l'ho sospeso. La settimana successiva l'ho ripreso il primo giorno e sono stato di nuovo strano come confuso, il secondo giorno, (lo prendevo la sera) ho avuto quell'attacco di tensione al petto e alla testa che mi ha portato in pronto soccorso. Ora anche se è un medicinale usatissimo, non puo' avermi fatto male come puo' succedere a chiunque? Preciso che ho sempre preso oki ma quel farmaco mai. Anche alla luce degli esami del sangue che sono nella norma ed all'elettrocardiogramma.
Grazie per la pazienza.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Si tranquillizzi nessun danno.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza