Utente 509XXX
Buongiorno gentili Dottori,
lo scorso 20/10 sono andato a trovare in puglia un'amica che conosco da pochi mesi, con la quale poi ho trascorso la notte. Questa amica ha comunque una vita sessuale attiva e, da quanto ne so, abbastanza promiscua. Abbiamo avuto più rapporti sessuali di tipo vaginale (protetti con preservativo) e rapporti orali attivi e passivi non protetti.
Durante la notte non ho notato nulla, mentre la mattina seguente, alla luce del sole, ho notato che la ragazza presentava sul tronco (e mi è sembrato esclusivamente lì) numerose lesioni (a sua detta non le provocavano fastidi) che, al mio occhio assolutamente incompetente, potrebbero essere compatibili con sintomi da sifilide secondaria (forma tondeggiante/ovale, contorni netti, dimensioni simili a una lenticchia o poco meno).
Affrontando in quel momento la situazione, lei mi confermava che i sintomi le si erano presentati da circa una settimana, ma non ci aveva dato troppo peso. Mi diceva anche di non avere alcuna lesione o alterazione nel cavo orale e, guardando attentamente piante dei piedi e palmi delle mani erano integri (ma magari per questo è presto). Inoltre, dietro mia specifica domanda, mi raccontava che aveva avuto, tra l'altro, alcuni rapporti sessuali completi e non protetti (in periodi differenti e con due persone diverse), indicando quali probabili periodi lo scorso aprile e lo scorso giugno. Le ho suggerito vivamente e, in questi giorni ho insistito telefonicamente, affinché si facesse visitare da uno specialista dermatologo, cercando di farle comprendere l'importanza senza allarmarla.
Purtroppo, pur avendomi rassicurato su questo, ad oggi, quest'amica non ha contattato alcuno specialista e, considerato che, a suo dire, la situazione sul tronco è in "miglioramento" (?) comincio a dubitare se e quando effettivamente si sottoporrà ad una visita specialistica.

Non voglio allarmarmi inutilmente, ma la situazione comunque mi da abbastanza apprensione. Da quello che riesco a comprendere non credo di aver rischiato circa possibili contagi da hiv (mi potete confortare su questo?), ma nell'eventualità, anche semplicemente con abbracci e baci sul corpo (se non per il contatto tra le mucose orali e il glande e/o mucose vaginali) il rischio di un contagio per la sifilide penso possa essere abbastanza concreto. Fatto tutto questo preambolo che ritengo utile (se non lo è mi scuserete), la mia richiesta è la seguente: cosa devo fare? devo attendere l'eventuale comparsa di qualche lesione? attendere un periodo affinché gli esami possano dirimere ogni dubbio? posso invece agire (con qualche esame specifico) o con una visita specialistica o con non so che altro per abbreviare i tempi di possibile intervento?
In definitiva, aiutatemi a capire quale sia la migliore strategia data la mia situazione.
Ringrazio anticipatamente chi vorrà aiutarmi indirizzandomi al meglio, considerando che anche l'aspetto psicologico dell'attesa comincia ad avere un suo peso. Grazie ancora

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

deve sicuramente effettuare una visita Venereologica per l'esclusione di tutte le malattie sessualmente trasmissibili.

Da qui non posso aggiungere altro oltre a confermarle che il rischio MST esiste rispetto al caso clinico e a prescindere dalle lesioni che descrive e che da qui non possono essere diagnosticate.

saluti!
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 509XXX

Gent.le dott. Laino la ringrazio per il suo intervento che, purtroppo, mi pone ulteriori dubbi e domande che desidererei fugare. In primo luogo, considerato il caso, il rischio di contagio specificatamente per hiv devo considerarlo non basso/nullo?
La mia seconda domanda è questa: quando sottopormi ad una visita specialistica (devo tener conto di eventuali periodi di incubazione o è corretto effettuarla il più presto possibile in considerazione che sono passati pochi giorni dal rapporto?)
Ultima domanda: nel frattempo, devo astenermi dall’attività sessuale?

Ringrazio della disponibilità e dei chiarimenti che vorrà darmi.

[#3] dopo  
Utente 509XXX

Grazie

[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Prego!

Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it