Stomaco gonfio, pesantezza torace sx e formicolio schiena

Buongiorno,
sono quì a chiedere una Vs opinione sul problema che da un paio di mesi mi affligge.
Il tutto iniziò a febbraio, quando dopo aver pranzato ed essermi disteso sentii 3 "pugnalate" in rapida successione sotto lo sterno. Iniziai a sudare e a sentirmi debolissimo e preoccupatissimo mi recai al pronto soccorso. Durante il percorso casa/pronto soccorso il malessere si attenuo notevolmente fino a quasi sparire.
Arrivato li, per ogni evenienza, mi fecero un elettrocardiogramma il quale non rilevò alcun problema (ripetuto anche un mese dopo in uno studio risultò ancora tutto ok)
Da quel giorno in poi però continuai ad avere disturbi di vario genere, ovvero un senso di pesantezza al petto(parte alta sinistra), pesantezza spalla e braccio sinistro e un formicolio sotto la scapola sinistra (come se fosse addormentata una parte di muscolo) ed un gonfiore di stomaco (mentre la pancia è piatta)
Oltre a tutto ebbi fenomeni di erruttazione più o meno persistenti (c'è da dire che da sempre rutto abbastanza spesso) durante i quali, anche a distanza di ore "sento" il sapore dell'ultima cosa mangiata.
Mi rivolsi al mio medico curante all'incirca 1 mese e mezzo fa, il quale ipotizzò che il mio malessere sia dovuto ad un reflusso gastroesofageo. Mi prescrisse pertanto dei medicinali, ovvero una pillola da prendere la mattina (della quale purtroppo non ricordo il nome, ma restava comunque un antiacido ed inibitore della pompa protonica) e del riopan gel.
Durante tutto il trattamento (ovvero fino a ieri) non ho notato un netto miglioramento, in quanto i disturbi si sono presentati di continuo (pesantezza lato sx, stomaco gonfio con pancia piatta e formicolio schiena). A volte addirittura sento come un tuffo al cuore ed i disturbi sono più frequenti nelle ore dopo i pasti e soprattutto la mattina dopo colazione.
Il tutto sinceramente mi spaventa non poco.
Chiedo a voi gentilmente di darmi al Vs opinione, fermo restando che tornerò dal mio medico curante il prima possibile.
Vi ringrazio per la considerazione e anticipatamente Vi ringrazio per eventuali consigli e/o opinioni.
Buona giornata.
Fino a ieri ho seguito la cura ma i disturbi si sono sempre presentati senza
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 66,3k 2,1k 87
Non ricorda quale terapia e dose ha effettuato per i sintomi da reflusso e i disturbi gastrici ?

I sintomi sono compatibili con una difficoltà di svuotamento gastrico e conseguente reflusso. I sintomi da "tuffo al cuore", come li definisce, potrebbero essere delle extrasistole che possono essere conseguenza della distensione gastrica che porta ad innalzamento del diaframma e stimolo diretto sul cuore. In tali casi possono esser utoli deiprocinetici (farmaci che aiutano lo svuotamento gastrico) e del simeticone dopo i pasti (per ridurra l'ara nello stomaco).

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]
Dr. Roberto Rossi Gastroenterologo, Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo d'urgenza 7,6k 205 7
Potrebbe trattarsi effettivamente di sintomi legati al reflusso o gastritici. Se i fastidi pero non migliorano sarà necessaria una gastroscopia.

Dr. Roberto Rossi

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa