Utente
Gentili dottori scrivo a voi perché forse spero che qualcosa di buono possa essere detto ad una situazione che oramai rasenta l'assurdo. Vi scrivo raccontandovi quanto segue: a seguito di sangue occulto nelle feci nel 2009 effettuo colonscopia negativa con emergere solo di emorroidi congeste nel canale anale. Ripeto la colon nel 2010 sempre negativa. In seguito ripeto sangue occulto distanziato per tre volte con risultato negativo. Provo a mettermi tranquillo se non che l'anno scorso iniziano con frequenza dolori addominali associati a scariche diarroiche talvolta improvvise e persino incontenibili. Siccome guardavo molto spesso le feci trovo anche parecchie volte tracce di sangue. Faccio varie visite specialistiche ma mi si dice che non mi devo preoccupare: trattasi di colon irritabile e che il sangue e' di origine bassa così come il muco. I dolori e le scariche non passano. Torno a visita e di testa mia decido di fare una rettoscopia dalla quale emerge un polipo nel retto del tipo adenoma tubulare con displasia lieve( questo emerge dalla biopsia sul frammento). Vado da un altro gastroenterologo che mi dice che il polipo non desta preoccupazione ma va asportato. Le mie insistenze mi fanno fare una terza colonscopia a fine novembre 12 ove mi viene asportato il polipo ed effettuate biopsie anche nell'ultima ansa ileale : il risultato bioptico conferma adenoma tubulare con displasia lieve e quadro che può essere compatibile con colite microscopica. A dicembre torno a stare meglio e fare feci un po' più normali. Se non che la situazione a gennaio precipita nuovamente: dolori addominali e diarrea anche di notte ...mi sveglia mi fa andare al bagno quasi sempre per due volte come se non mi svuotassi del tutto e poi allenta. Faccio uso di mesalazina 2400 da non so più quanto tempo: ho associato fermenti di ogni tipo e specie, ho preso tutto il possibile : Vsl 3 4 buste al giorno per oltre un mese, poi di nuovo senza risultati apprezzabili. Ho fatto analisi del sangue di tutte le specie nella norma. Ho fatto ecoaddominali con frequenza semestrale, ho fatto gastroscopia negativa due anni fa. Questa settimana nuova visita specialistica vana. Nonostante la mesalazina e spasmomen psicosomatico da 40 questa notte mi sono svegliato con dolori leggeri e diarrea due scariche. Ho chiamato il gastro che ha detto che i controlli da fare erano stati fatti. Ho chiesto ad un altro medico che mi ha detto che a questo punto il disturbo potrebbe anche non essere intestinale e che potrei fare una tac o una risonanza, solo che questo dottore l ha buttata lì senza conoscere la mia storia clinica. Il mio medico di base dice di non fare più nulla ma io sto male e non so più a chi credere e non so cosa fare, ma non voglio prendere radiazioni inutili. Cosa mi consigliate??? Vi prego aiutatemi

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Se lei dice <<Ho fatto analisi del sangue di tutte le specie nella norma>>,
e lo conferma il gastroenterologo,
il problema dovrebbe essere su base funzionale.

Ha pensato alla componente ansiogena?

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Mi chiedo : se è statA fatta una diagnosi di colite microscopica (che può giustificare la diarrea) quale è stata la terapia ?

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#3] dopo  
Utente
Salve dottori rispondo ad entrambi: ho fatto analisi del sangue nel tempo varie volte e con valori nella norma anche se non ultimissimamente( le ultime risalgono a fine agosto emocromo VES alt gamma gt amilasi fosfatasi ecc..) per quanto riguarda la componente ansiosa e' vero sono ansioso ma non credo possa essere tale da giustificare dolori notturni che mi svegliano nel sonno e mi fanno andare al bagno sempre con feci morbide o diarroiche commiste a muco anche copioso a volte. La terapia che mi hanno dato per la colite microscopica era prima costituita in questo modo: mesalazina 2 da 1200 al mattino: poi me l hanno cambiata con pentacol 800 1 compressa al mattino 1 a pranzo ed una a cena associando con una compressina di clipper da 5mg per dieci giorni ma senza miglioramenti consistenti. Ora dopo l'ultima visita mi hanno dato pentasa da 500 che si scioglie meglio 2 compresse tre volte al giorno senza clipper associando con fermenti lattici sb80 e gastroprotettore che però ancora non ho assunto perché domani avrei la quinta verifica per l'eradicazione Dell hp. Credetemi non so veramente a chi rivolgermi perché oramai della mia provincia ho chiamato e consultato tutti i gastroenterologi endoscopisti più conosciuti ed oggi telefonicamente con entrambi ho avuto come una sensazione di resa. Oggi ho avuto 4 scariche la seconda e quarta meno conistenti ma con muco abbondante. Sembra che ormai non sappiano più come risolvere un problema divenuto cronico. Grazie delle vostre risposte. Se potete dirmi come comportarmi...

[#4]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Traggo da alcuni dei suoi diversi consulti a tal proposito:

https://www.medicitalia.it/consulti/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/297922-tracce-di-sangue-e-problemi-intestinali-vari.html
<<Tutti i medici mi dicono che soffro di colite>> (n.d.r. colon irritabile)

https://www.medicitalia.it/consulti/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/245514-sangue-occulto-nelle-feci-dubbi-e-perplessita.html
<<Le colonscopie complete condotte fino al cieco hanno evidenziato solo la presenza di emorroidi congesti nel canale anale di primo grado; la data dell'ultima colonscopia risale a marzo 2010.(da allora il gastroenterologo mi disse che essendo tutto ok avrei dovuto rifare la colon a 50 anni.)>>

https://www.medicitalia.it/consulti/psichiatria/298596-mal-di-pancia-dolori-vari-e-scariche-diarroiche-improvvise.html
<<Dicono che somatizzo sull'apparato digerente ma e' mai possibile avere tutti qs disturbi? Mi cedono i nervi!>>

Può riportare la diagnosi istobioptica di colite microscopica?
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008

>> La terapia che mi hanno dato per la colite microscopica era prima costituita in questo modo: mesalazina 2 da 1200 al mattino: poi me l hanno cambiata <<

Se di colite microscopica si tratta la terapia dovrá essere a base di budesonide, quindi differente da quella presa fino ad oggi .

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente
Vi riporto come da voi richiesto il referto della colon del 28/11: esame endoscopico eseguito fino ad osservare l'ultima ANSA ileale. A 18 cm dall'ano si rinviene il polipo piatto segnalato in precedenza e previa infiltrazione della base si asporta con ANSA diatermica e si recupera per istologia. Nel sigma inoltre a circa 35 cm e a 45 cm sono presenti due angiodisplasie, visto il quesito clinico di diarrea da colopatia si eseguono biopsie:1)ileo 2)colon per ricerca segni iniziali di IBd. Di seguito ancora il risultato dell esame istologico: materiale in esame: a) polipo del sigma.b) biopsie ileo c) biopsie random colon. NotiZie cliniche: polipo del colon IIA(polipectomia ) ricerca segni di IBd o di colite microscopica. Descrizione materiale in esame: polipo di cm 0.2 in Toto. B)minuti fruscoli: c) 3 frammenti. Diagnosi : 1) adenoma tubulare del grosso intestino con displasia lieve ghiandolare;b) frammenti di mucosa ileale con edema del corion ;c) frammenti di mucosa del grosso intestino con edema ed infiltrato flogistico a ricca componente linfocitaria nel corion e nell epitelio ghiandolare. Il quadro istomorfologico può essere compatibile con colite microscopica . Cosa mi dite al riguardo?? Per il dottor cosentino allora la cura e' sbagliata? La devo sospendere ? Ho letto che la mesalazina nelle controindicazioni da anche diarrea e dolori addominali.... Attendo risposta mille grazie di tutto ad entrambi

[#7]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Posso solo dirle che la terapia prescritta non è adeguata per il trattamento della colte linfocitaria e ovviamente non compete a noi prescrivere farmaci o sospendere trattamenti.


Cordialmente.


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#8] dopo  
Utente
Dottor Cosentino la ringrazio e allora che terapia consiglierebbe? Potrei chiedere al medico di cambiaria? Ma secondo lei può essere che l'assunZione di mesalazina per lungo tempo mi stia causando problemi invece di benefici? In tutta franchezza non riesco a capire come mai nessuno qua giù mi abbia detto che la cura non è quella giusta. Potrei parlarne con il mio gastroenterologo in maniera generica naturalmente. Grazie

[#9]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Parlare con il suo gastroenterologo credo che sia la cosa più opportuna.

Cordiali saluti

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#10] dopo  
Utente
Mi scusi dottore farò certamente come mi ha detto ma per il resto da quanto scritto dai referti di colonscopia e istologico cosa mi dice al riguardo ? Grazie

[#11] dopo  
Utente
Gentile dottore ho parlato con il gastroenterologo al quale è sorto un dubbio:egli mi ha detto che sarebbe il caso di provare a fare una gastroscopia con biopsie duodenali per capire se ( se non ho capito male perché a dire il vero non è che abbia capito molto ) possa essere una specie di celiaco non manifesto o una cosa del genere sarebbe a dire non un celiaco vero e proprio perché ho fatto gli esami del sangue. Per quanto riguarda la terapia invece mi ha detto che prendere il clipper o il farmaco che lei ha menzionato e' più o meno la stessa cosa. Lei cosa ne pensa di tutto questo ?? Grazie

[#12]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Io direi di sentire un secondo gastroenterologo.


Cordialmente


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#13] dopo  
Utente
Salve dottor cosentino mi scusi se la disturbo ancora ma sono riuscito a capire cos'è che vuole fare il medico con me anche se non tramite lui perché non è stato lui a dirmelo. In pratica mi ha prescritto una gastro con biopsie duodenali, delle analisi delle urine 5h sulle 24 ore non ricordo bene come si scrive, la serotonina e un altro esame del sangue ma da quanto ho capito per la sindrome da carcinoide del tenue. Sono veramente preoccupato sopratutto perché poi non è stato lui a spiegarmene il motivo. Non so cosa pensare. I sintomi che presento vale a dire due tre scariche e dolori addominali come scritti in precedenza possono fare pensare ad un tumore nel tenue?

[#14] dopo  
Utente
Buonasera dottori siccome non ho avuto risposta ho cercato di capire che tipo di analisi mi ha prescritto il gastroenterologo : cromogranina, serotonina e analisi delle urine cioè acido idrossindolacetico oltre che una nuova gastroscopia con biopsie duodenali da eseguire. Il mio gastroenterologo precedente ha detto che posso fare queste analisi e se voglio anche una risonanza del tenue ma non sarebbe necessario al mio caso. Vedo molta confusione e sono anche indagini abbastanza costose. Lo so che voi non potete fare molto per dirimere i miei dubbi ma il fatto che io vada spesso a diarrea (ma non più di 4-5 scariche a volte 2 o 3) ed i miei dolori addominali a volte notturni possono fare presumere ad una grave patologia del tenue??? Sono veramente sconsolato oltre che preoccupato da quanto ho letto questi valori sarebbero pressoché attendibili se fossero alterati, infine occorre fare particolare attenzione a bevande e cibi prima dell'esame? Io non sono una persona che beve molta acqua, dovrei bere di più ?

[#15]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentilissimo, attenda con tranquillità gli accertamenti. Non vedo motivi di allarme.

A risentirci.


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#16]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Non vedo motivi di preoccupazione e torno a riproporle l'ipotesi che alla base dei suoi disturbi vi siano componenti funzionali più che organiche.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#17] dopo  
Utente
Gentilissimi dottori questa mattina sono stato da un altro gastroenterologo per chiedere un altro parere. Il medico mi ha detto di prendere budesodine 400 mg tre volte al di per 15 giorni per poi passare a 2 per altri 15 giorni e vedere come va. Gli ho anche prospettato i miei timori su un eventuale problema al tenue visto che il medico precedente mi ha scritto quel tipo di esami, ma mi ha detto che essendoci un quadro clinico di colite microscopica bisognerebbe provare a curarla( al che non comprendo allora l'assunZione per quasi un anno di mesalazina). Vorrei chiedervi gentilmente se e quali sono i sintomi di carcinoide al tenue e come sarebbe opportuno procedere. I miei problemi non vanno via. Ricordo che l'anno scorso durante il periodo estivo e sino al periodo pre colonscopia avevo scariche diarroiche improvvise acquose talvolta violente. Questo non mi permetteva di vivere in serenità quando mi spostavo. Poi questo disturbo e' andato via diciamo attorno a dicembre e sino a metà gennaio sono stato discretamente. Poi di nuovo problemi: mi succede di svegliarmi nel cuore della notte e dover andare in bagno per un paio di volte prima di avere un po' di sollievo. In attesa di una vostra risposta vi ringrazio ancora di cuore ...

[#18]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Non comprendo chi e perchè le abbia suggerito questo sospetto,
voglio comunque dirle che il sospetto diagnostico viene posto riscontrando un aumento dell'escrezione urinaria di acido 5-idrossindolacetico (5-HIAA).

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#19] dopo  
Utente
Si dottore e sono proprio queste le analisi che mi hanno prescritto. Vorrei spiegarmi meglio: il mio problema e' che molto spesso ho dolori addominali e vado a diarrea. Sino a qualche mese fa mi capitavano situazioni di incontenibilita' in cui faticavo molto per trattenermi: mi sorgeva il bisogno ed era impellente. Ne parlavo con i medici (gastroenterologi) e loro uniformemente mi rispondevano sempre colon irritabile... Poi questo fastidio e' scemato in concomitanza con la mia terza colonscopia. Per circa un mesetto abbondante sembrava tutto essere andato a posto... Poi ho ricominciato ad andare a diarrea avere dolori e a volte svegliarmi di notte per poi andare in bagno sempre con feci diarroiche. Le scariche non sono molte durante il giorno ma uno dei medici che ho contattato non riesce a spiegarsi perché la mesalazina assieme al clipper non faccia effetto e allora mi ha detto senza spiegarmi di fare queste analisi che a parere degli altri medici in realtà non sarebbero al mio caso. Mi chiederà perché magari ho consultato tutti questi specialisti e le risponderò che è in ragione del fatto che nessuno di loro mi ha diciamo sistemato. Vorrò essere anche più chiaro: nonostante 5 visite fatte in un anno quando mi permetto di chiamare il medico per dirgli che le cose non vanno bene egli mi aggredisce telefonicamente e non mi da ascolto. La scorsa estate mi ha fatto assumere per 40 giorni 4 buste di Vsl come cura(s'immagini quanto ho speso) .. Ho provato di tutto e non riesco a capire perché non riesco ad andare in bagno come tutte le persone normali perché nessuno mi parla di alimentazione da tenere in considerazione perché nessun medico non sapeva altro che dirmi colon irritabile. Ora dopo tre anni di macelli mi propongono dubbi sul tenue e senza dirmelo esplicitamente? Quali sono i sintomi che spingono a fare queste indagini? Mi perdoni dottore ma io oramai non ci sto capendo più nulla... In ultima istanza ieri ho consultato un altro gastro che mi ha dato una cura per la colite con farmaci che non ho mai preso e che secondo lui è più appropriata e allora mi chiedo perché un anno di mesalazina inutile?

[#20]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Penso che fra tutti debba scegliere quello che le dà più sicurezza,
personalmente riterrei più probabile, come ho già scritto, per una sindrome funzionale (colon irritabile).


Cordiali Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#21] dopo  
Utente
Egregio dottori ma quali sono i sintomi che possono far pensare ad un carcinoide del tenue oppure ad un problema pancreatico? Grazie

[#22]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentile utente,

questa sua richiesta va oltre il semplice consulto a cui siamo disponibili a rispondere. Deve comprendere che una diagnosi emerge sempre da una visita diretta, clinica e di valutazione degli accertamenti effettuati dal paziente. Indicare quali possano essere i sintomi di una patologia non solo non è possibile, ma è fuorviante ed a rischio per tutti gli utenti che leggono i nostri consulti.

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#23] dopo  
Utente
Ok molte grazie lo stesso!