Utente
Buonasera,
scrivo perché ho eseguito il Breath Test al Lattosio ed è risultato "malassorbimento" con questi dati:

30' - 4
60' - 3
90' - 3
120' - 31
150' - 36
180' - 29
210' - 22
240' - 17

Sono quattro mesi che ho eliminato dalla dieta il Lattosio, ma nonostante questo puntualmente ho dei dolori all'intestino e anche problemi di disfagia, che ultimamente sono frequenti. Questi episodi sono sempre dopo i pasti principali, spesso sono costretta a mangiare fuori casa e quindi a volte prendo gli enzimi, altre volte invece porto il cibo da casa e quindi evito di prenderli.
Cerco di stare attenta, ma sembra che anche la minima quantità di lattosio mi dia fastidio ancora dopo tutti questi mesi senza assumerlo in grandi quantità.
non capisco se è davvero il lattosio a darmi ancora tutti questi problemi oppure se ciò è riconducibile ad altro?

Attendo vs notizie.
Vi ringrazio.
Saluti.


[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Lei parla di problemi di "disfagia" che sicuramente non è da ricondurre al lattosio. Puô descrivere meglio la sintomatologia ?

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Si buon giorno Dr. Cosentino, la ringrazio per il suo interessamento.
In pratica quando mangio piccole quantità di lattosio sento come dei crampi in zona intestino, se per sbaglio invece mangio dei pasti che contengono latte o mozzarella devo correre a casa xke a volte non riesco nemmeno ad alzarmi dalla sedia per i crampi o perché magari devo andare in bagno diretta.
Questo mi ha portato a comprare prodotti che han la dicitura "senza lattosio" perchè mangio spesso fuori e mi preparo dei panini o robe veloci di questo tipo.

Spesso mi capita di stare seduta (in macchina, treno, università) e avvertire subito dopo 5/10 min che finisco il pasto (qualsiasi momento della giornata, non uno in particolare) una sensazione di bruciore, pizzichio e restringimento della gola, e si produce tantissima saliva, diciamo che ci convivo da un bel pò, ma l'ho sempre sottovalutata, dando la colpa al lattosio, perché a volte i sintomi dell'intolleranza si uniscno a questi.
Comunque non ho bruciori di stomaco, non ho problemi di stipsi o diarrea, nemmeno di nausee o giramenti. Ho crampi all'intestino (a sinistra), bruciori, e questa cosa alla gola quasi un giorno si e uno no, dopo 4 mesi di dieta priva di lattosio.

Inoltre ho notato che spesso quando mi trovo fuori x mangiare in alcuni posti avverto questa sensazione strana alla gola, che mi da l'illusione di non respirare e di far fatica a deglutire. Ieri ad esempio mi è capitato subito dopo il pranzo in università. L'altra mattina dopo colazione in treno. Spesso capita quando sono seduta. Non so se ci sia una connessione, spero di essermi spiegata meglio.
Saluti.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Ovviamente per il lattosio deve rispettare una dieta "ferrea", mentre il disturbo alla gola potrebbe essere dato da un reflusso gastroesofageo.


Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Per dieta ferrea cosa s'intende?
Ho girato diversi negozi e ho trovato marche "senza lattosio", prodotti senza glutine e anche "senza lattosio"... Non mangio nessun formaggio, nessun tipo di latte e yogurt, nessun surgelato (ne a casa, ne fuori), salumi solo senza lattosio e nessun legume inscatolato o polveri o succhi di frutta. I dolci solo quelli dei celiaci senza lattosio... quando mi capita di mangiare fuori prendo sempre gli enzimi...
Mi sembra di stare a dieta ferrea, ma magari sbaglio qualcosa...

Per quanto riguarda la gola invece mi è venuto in mente che ho avuto questo problema la prima volta un anno fa prendendo i fermenti lattici... ho provato a curarlo come reflusso, ma non è passato. Si ripresenta. Non ho l'Helicobacter perché è venuto esito negativo.

Ieri stavo male e sono andata al pronto soccorso, mi han fatto il Cortisone, mi han prescritto una gastroscopia e un'ecografia all'addome... elettrocardiogramma nella norma. Più che altro sono andata perché quando mi capita sto molto male e comunque capita di continuo e non ho un medico di riferimento che capisce... questo problema mi condiziona le giornate e non riesco a concentrarmi su quello che devo fare, mi sta molto demoralizzando.
Secondo lei devo fare quegli esami di accertamento?

Grazie. Saluti.






[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Ok. Vedo che sta osservando una dieta corretta. Per il disturbo alla gola è bene approfondire con gastroscopia e successivamente effettuare un ciclo adeguato con IPP.

Cordialmemte

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno Dott. Cosentino
Le scrivo perché ho provato a curare il reflusso, ma non ha dato buon esito la cura.
Mi han prescritto la gastroscopia con biopsia che riporta:

A) (3frammenti duodenali) frammenti non perfettamente orientati di mucosa duodenale in cui si osservano: architettura ghiandolare conservata (rapporto villo/cripta 3/1) e lieve incremento della quota linfoplasmacellulare della tonaca propria in assenza di significativa iperplasia delle cripte, linfociti T intraepiteliali: 7 linfociti CD3 +/100 cellule epiteliali.

B) (3frammenti esofago) minima esofagite acuta aspecifica

Non ho idea di cosa significhi, mi han solo detto che non c'è nulla.
Secondo lei?
La ringrazio, distinti saluti

[#7]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Dovrebbe però riportarmi la descrizione della gastroscopia per comprendere il risultato istologico.

A dopo.


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#8] dopo  
Utente
Mi scusi per l'attesa, ma non avevo l'esito sottomano.
Comunque nella sezione referto trovo scritto:

ESOFAGOGASTRODUODENOSCOPIA
Esofago: regolare per calibro e decorso,mucosa normale,cardias regolare
Stomaco: mucosa normale, pareti elastiche e distensibili, pliche regolari,piloro pervio.
Duodeno: bulbo e seconda porzione indenni
Esame NORMALE.

Questo e' l'esito della gastroscopia, segue poi l'esito delle biopsie che le avevo scritto in precedenza.
Saluti.

[#9]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Tutto regolare, gastroscopia ed istologia.

Buona domenica.

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#10] dopo  
Utente
Grazie mille, non avevo visto la risposta!!
Volevo informarla che ho fatto anche le IgE Specifiche Lattosio (prescritte dal medico curante) e mi hanno analizzato le voci:

Latte 0.02
Caseina 0.01
Alfa - LattoAlbumina 0
Beta - LattoGlobulina 0

IgE specifiche > di 0.1 kU/L indicano presenza di sensibilizzazione.
Quindi in teoria risulta negativo. Anche i Prick Test erano infatti negativi.

Ho fatto anche gli esami per la Tiroide, anche lì niente di rilevante.
Il problema però c'è ancora, continuo a mettere su peso nonostante l'attività sportiva e la dieta e anche il senso di fastidio alla gola spesso ritorna (senza bruciori di stomaco). Spesso ho ancora male in zona intestino o alla schiena, nonostante ho abolito il lattosio. Questa cosa mi sembra strana, anche perché conosco altri soggetti intolleranti che riescono a tollerare quantità di lattosio superiori alle mie (io nemmeno il Grana riesco a mangiare), ma non stanno male.
A volte la reazione è quasi istantanea, la prima volta che ho avuto ad esempio fastidio alla gola è stato con un fermento lattico prescritto dal medico curante e poi anche mangiando prodotti con meno dello 0.01% di lattosio. Da qui infatti ho fatto gli accertamenti che le ho scritto (Gastroscopia, IgE Specifiche, Prick Test, Tiroide).

La ringrazio per le sue risposte. Lei cosa ne pensa?
Distinti saluti.

[#11]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Ha provato ad assume l'enzima lattasi (disponibile in farmacia in compresse) prima dei pasti con lattosio ?

Saluti

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#12] dopo  
Utente
Si le uso da mesi, ma a volte non funzionano... tipo in vacanza le ho usate, perché mangiavo spesso fuori e non sapevo come cucinavano all'estero, ma sono tornata che stavo peggio di prima. Non capisco se prenderle troppo spesso sia dannoso o se invece è l'intolleranza in se' che continua a darmi questi problemi...

[#13]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Altre problematiche, tipo ipersensibilitá al glutine (Gluten Sensitivity) ?

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#14] dopo  
Utente
Ma ne ho sentito parlare qui su Medicitalia, perché non conoscevo questa problematica. Feci tempo fa il test e l'esame per la Celiachia, per escludere ogni eventualità, e risultò:

Ab - Anti-Gliadina
IgG 2.8 (<20)
IgA 3.9 (<20)

Ab - Anti-Endomisio
IgA <1:10 (assenti)
IgG <1:10 (assenti)

Ab Anti-Transglutaminasi
IgA < 0.2 (assenti)
IgG < 3.0 (assenti)

SIEROPROTEINE (Elettroforesi):
Albumina 57.3
Alfa1 4.1
Alfa 2 9.3
Beta 1 6.2
Beta 2 6.1
Gamma 17.0
Albumina/Glubuline 1.34
Proteine Totali Siero 6.9 (6.2 - 8.2)

HLA DQ

DQ2:
DQA1*05 (catena Alfa) ASSENTE
DQB1*02 (catena Beta) ASSENTE

DQ8:
DQA1*03 (catena Alfa) PRESENTE
DQB1*0302 (catena Beta) ASSENTE


Chiesi tempo fa se nella pasta, pane e carboidrati c'è lattosio, perché tantissime volte li mangio e non sto bene, magari potrebbe essere questo il problema, dato che tutti mi dicono che sono privi di lattosio e sono l'unica tra le persone intolleranti che conosco ad avere problemi con questi cibi. Gli specialisti che ho consultato qui in zona non conoscono la "sensivity", come la si può diagnosticare?

[#15]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
La diagnosi si puô fare solo se i sintomi scompaiono eliminando gli alimenti con glutine... Non ci sono purtroppo esami per la diagnosi.

Saluti



Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#16] dopo  
Utente
Ho già provato ad eliminarlo per 3 mesi e in quei mesi ho perso 10 kg. Poi ho ripreso a mangiare carboidrati perché ero convinta di non esser celiaca e ho ripreso tutto il peso. Può essere un segnale?
Spesso mi capita che mi s'infiamma l'intestino proprio dopo che mangio la pasta o il pane. Sono anche andata al pronto soccorso per questo motivo, ma mi han prescritto la gastroscopia, non mi han detto nulla della celiachia o gluten sensivity.
Comunque se so di stare meglio senza, vuol dire che devo mangiare come i celiaci e anche continuare ad eliminare lattosio. giusto?

[#17]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008


>>. Comunque se so di stare meglio senza, vuol dire che devo mangiare come i celiaci e anche continuare ad eliminare lattosio. giusto? <<

E' proprio così.


Saluti

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#18] dopo  
Utente
Buonasera dottore,
ho effettuato una visita di controllo e il gastroenterologo mi ha detto che ho il colon irritabile oltre all'intolleranza al lattosio. Mi ha dato da prendere elgasin prima dei pasti e movicol alla sera, per un mese. Ho iniziato la cura e sembra andare meglio, mangio il glutine tranquillamente perché lui esclude una gluten sensitivity.

Le scrivo perché sono andata dal nefrologo per un altro problema, ho scoperto casualmente che anche il medico soffriva di intolleranza al lattosio, ma non per carenza enzimatica, per parassitosi da Giardia. Ecco quindi che mi sorge nuovamente il dubbio, dato che mi ha consigliato di fare l'esame delle feci per valutare questa possibilità.

Lei cosa ne pensa?
Saluti.

[#19]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Quella del medico é un'intolleranza transitoria:


https://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/1025-intolleranza-al-lattosio.html

Saluti

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#20] dopo  
Utente
Quindi e' inutile fare il test delle feci nel mio caso?
Nel mio caso va avanti da 3 anni e adesso va un po' meglio con le cure.
Ho sempre avuto questi problemi, ma non come negli ultimi anni.
Il mio e' un deficit primario?
La ringrazio, molto gentile.
Saluti.

[#21]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Credo sia un deficit primario.

Saluti

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it