Utente
Buongiorno, sto seguendo una cura per epigastralgia (dispepsia ulcera associata a ibs).

Prendo rabeprazolo due volte al giorno e magaldrato al bisogno + VSL3.

Attualmente sono anche in cura psichiatrica per depressione e disturbo d'ansia ma non ho ancora stabilizzato una cura definitiva.

Dovrei prendere Citalopram e Flunox.

Nonostante i farmaci che sto prendendo continuo a stare male tanto da non poter più mangiare per la paura dei dolori o di finire in ospedale.

Cosa posso fare quando sto molto male?

Ho dei forti dolori all'addome superiore e mi sembra di morire.

La dottoressa mi aveva detto che potevo mangiare quello che volevo.

Non é così?

Devo seguire una dieta?

Grazie.

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Vorrei qualche precisazione sul dolore. La sede esatta, eventuali irradiazioni ( dietro, di fianco ) , con cosa passa, se si accentua o si riduce mangiando, ecc. L' ulcera è stata diagnosticata con gastroscopia ? Che cura ha fatto ? I dolori possono provenire dal colon trasverso invece che dallo stomaco ?
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
La sede del dolore é la bocca dello stomaco. Soffro anche di reflusso gastrico. Solitamente il dolore si sposta anche sulla parte sinistra e mi procura tachicardia. Sento come un buco e se mi muovo accusl delle fitte. La diagnosi mi é stata data dopo una visita e colloquio, non ho mai fatto la gastroscopia. Comunque passo dal poter mangiare qualsiasi cosa ad uno di questi episodi e poi per 20 giorni/un mese mi ritrovo a fare una dieta assolutamente minimale che comprende praticamente solo pasta scondita. La sensazione che sento é come quando si ha la febbre alta e lo stomaco tutto scombussolato. Ho avuto anche diversi episodi di diarrea al mattino senza aver mangiato nulla. Come cura oltre al magaldrato e rabeprazolo ho preso anche esomeprazolo e farmaci da scaffale come Geffer e Maalox. Solitamente però risolvo soltanto mettendomi a letto con la shiena appoggiata al cuscino, borsa dell'acqua calda e digiuno assoluto. L'ultima volta il dolore é durato due giorni. Ormai é da un anno che vado avanti così senza avere trovato una soluzione. Ho anche perso diversi chili, alterno momenti di forte fame a stati di inappetenza. Molto spesso mi viena la nausea prima ancora di aver finito di mangiare.

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Come pensavo, è necessario fare una diagnosi differenziale tra un dolore che parte dallo stomaco o non piuttosto da quella parte del colon che è il colon trasverso : dolore che si irradia verso sinistra, episodi di diarrea, inefficienza delle cure ( le migliori ) che riguardano lo stomaco. Ha provato l' effetto di un qualunque prodotto ad azione antispastica sul colon ?
Prof. alberto tittobello

[#4] dopo  
Utente
Per un periodo piuttosto lungo ho usato Debrum. Comunque ho problemi importanti di ansia, mi é stato diagnosticata depressione e disturbo d'ansia e sono seguita da una psichiatra come dicevo sopra. É stato proprio il gastroenterologo a consigliarmi di chiedere un consulto. Penso che l'ansia mi abbia causato i problemi di stomaco e i problemi gastrici mi abbiano causato la depressione. Mi preoccupa il fatto di non potermi alimnetare in modo corretto per periodi così lunghi. Dovrei consultare anche un nutrizionista secondo lei?

[#5]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
No, non deve fare altri consulti. Si faccia prescrivere qualche altro prodotto con azione antispastica sul colon e contro la formazione di aria.
Prof. alberto tittobello