Helycobacter pylory

Buongiorno dottori, scrivo per togliermi un dubbio.

Tre anni fa ho cominciato un periodo piuttosto difficile: ho iniziato ad avere dolori all'addome, scariche regolari ma sformate e una sensazione di malessere generale accompagnata a nausea e mal di stomaco.

Poiché nello stesso periodo soffrivo anche di cervicale (x artrosi ingravescente, e pressione tra c6 e c7) , i medici hanno sempre collegato tutto a quello e all'ansia.
Lo stomaco e l'intestino erano sempre disturbati e mi hanno prescritto terapie antireflusso con pantopranzolo.

Avvertivo anche tachicardia e palpitazioni, sentivo il battito a livello di stomaco. Holter ok.
Ho fatto in tre anni diversi esami del sangue e delle urine, ma nonostante avvertissi una forte spossatezza per lunghi periodi, gli esami erano ok.

Sabato ho rifatto le analisi e ancora sangue e urine tutto ok, tranne la presenza nelle feci di helycobacter pylori (era la prima volta che facevo questo esame).
Quello che vorrei chiedere è se sia possibile che io abbia un'infezione in atto già da allora?
E, se sì, può un'infezione del genere avere un andamento altalenante con periodi in cui i sintomi si alleviano (senza però scomparire) per poi risfociare?
Grazie a chi mi vorrà rispondere.
Cordialmente
[#1]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4,6k 219
Non è possibile stabilire da quanto tempo ha l ' Helicobacter. Ora ce l 'ha e bisogna mandarlo via. Si faccia dare dal suo medico lo schema di terapia standard.

Prof. alberto tittobello

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore innanzitutto per avermi risposto così celermente.. immagino che sia impossibile averne la certezza, ma la mia era solo una domanda circa la possibilità che l'helycobacter non curato possa dare alternanza d'intensità dei sintomi in vari periodi.
Il mio medico mi ha prescritto cura antibiotica con amoxicillina, claritromicina e esompranzolo , tutte mattina e sera x 12 GG. Mi dà un parere sulla terapia, perché ho letto che ce ne sono diverse.
Grazie ancora.
[#3]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4,6k 219
Questa è la più efficace.

Prof. alberto tittobello

[#4]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dottore, le scrivo per un aggiornamento: sono 3gg che sto seguendo la terapia che le ho esposto e da subito, dopo aver preso la claritromicina sentivo la bocca molto amara, ma ci facevi poco caso visto che non era un disturbo insopportabile. Stanotte però sono stata male, da circa un'ora dopo aver preso la claritromicina con crampi addominali, solito amaro in bocca, brividi di freddo e mal di stomaco.
Può essere collegato all'antibiotico? Inoltre, mentre finora le mie feci erano sformate, ora faccio più fatica ad andare in bagno.Scusi, ma gli antibiotici non dovrebbero fare l'opposto?
Grazie dottore se mi vorrà rispondere, e, comunque, per il tempo che mi ha dedicato.
[#5]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4,6k 219
No, cerchi di portare a termine il ciclo di terapia, è importante. Dopo, potrà fare un ciclo con uno dei moderni probiotici per ristabilire la flora batterica intestinale.

Prof. alberto tittobello

[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie davvero dottore, non speravo nemmeno che mi rispondesse così presto... Allora mi perdonerà se approfitto della sua cortesia per un ultima domanda... Secondo la sua opinione ed esperienza, i disturbi del tratto digerente, quindi anche l'intestino, possono creare dei disturbi collaterali? Mi spiego meglio:mi capita spesso che alterno giorni di feci sformate a giorni in cui faccio fatica ad andare in bagno, e in quest'ultimo caso sento più forti altri disturbi, come digestione faticosa, spossatezza, nausea e, a volte, sensazione di testa pesante. Il medico mi ha detto che potrei soffrire di IBS, dopo la negatività all'esame di celiachia. Ma può l'intestino irritabile creare tutti questi disagi?
[#7]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4,6k 219
Sì, può farlo. Anzi, è frequente.

Prof. alberto tittobello

[#8]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore, continuerò la cura "sforzandomi".. Speriamo i GG passino in fretta!! Ho visto che esercita a Milano, io abito in Lombardia, quindi se sarà possibile magari le chiederò un consulto di persona. Intanto,se non disturbo, la aggiornerò. Grazie ancora.
[#9]
dopo
Utente
Utente
Buonasera dottore, stringendo i denti ho continuato e terminato i 12 giorni della cura antibiotica ieri mattina. Nonostante però non prenda più gli antibiotici, oggi ho avuto tutto il giorno bruciore di stomaco, nausea e stomaco gonfio: continuo a "digerire", ma fondamentalmente aria, senza sapore acido o altro, il tutto accompagnato da mal di testa. Potrebbe essere una conseguenza della prolungata cura antibiotica? Il medico mi sta facendo continuare il lucen per altri giorni prima di toglierlo del tutto, ma, secondo lei, c'è qualche altro farmaco da banco magari che potrei prendere, almeno per togliere questo forte senso di nausea e pesantezza allo stomaco?
Grazie.
[#10]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4,6k 219
Sì , qualche antiacido " da banco ", come quelli a base di bicarbonato.

Prof. alberto tittobello

[#11]
dopo
Utente
Utente
Va bene, grazie dottore come sempre è stato gentilissimo. Scusi la mia ignoranza, l'anno scorso mi avevano dato l'esoxx One da prendere 3 volte al giorno dopo i pasti principali. Ora, a casa ho il Maalox plus, ma mi sembra che entrambi non contengano bicarbonato come da lei suggeritomi... Posso chiederle quale sia migliore?
Grazie di nuovo.
[#12]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4,6k 219
Vanno bene entrambi.

Prof. alberto tittobello

[#13]
dopo
Utente
Utente
Di nuovo grazie, dottore.
[#14]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4,6k 219
Prego

Prof. alberto tittobello

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio