Coliche improvvise e a tratti diarrea, mi devo preoccupare?

Salve,
devo premettere che provengo da diversi mesi di ansia spinta a causa di cancerofobia e tanatofobia che solo ultimamente sto riuscendo a gestire in maniera leggermente migliore.
Sono altrettanti mesi che ho un problema relativo alla defecazione, in particolare sanguino quando defeco a periodi alterni.
Verso fine maggio questo problema si era amplificato nel senso che spesso usciva tanto sangue color rosso vivo, soprattutto alla detersione, ma che alcune volte colava anche nel gabinetto.
Chiamando il mio medico di base e valutando il problema come il classico problema emorroidario (anche perché alla detersione si sente benino) ha tuttavia voluto prescrivermi degli approfondimenti come emocromo+sideremia, per valutare se questa condizione mi causasse comunque un'anemia.
Il valore dell'MCV relativo proprio a questo è uscito solo leggerissimamente più basso del dovuto (77 contro una forbice di 80-96) a tal punto che il medico si è solamente raccomandato di mangiare ferro sostenendo che sarebbe stato sufficiente e che "ero sano come un pesce".
Ultimamente le cose stavano andando anche bene, neanche sanguinavo più alla defecazione, ma da domenica notte accuso un problema: dopo aver bevuto una birra, qualche ora dopo mi sono arrivate coliche fortissime che mi hanno fatto correre immediatamente al bagno andando a diarrea.
La stessa cosa mi è accaduta martedì dopo aver bevuto dell'acqua a temperature ambiente (ma senza diarrea) e mercoledì dopo aver bevuto tè fresco (diarrea ed è tornato un filino di sangue, quasi impercettibile).
Al che mi sono preso una bustina contenente 50 miliardi di fermenti lattici.
Stamattina mi sono svegliato con il mal di pancia (ma non forte come le altre volte) e lo stimolo di andare al bagno: senza diarrea, ma con pochissimo sangue, ma presente.
Mi è sempre passato immediatamente tutto appena "evacuato", tranne oggi che mi è rimasta una costipazione ed ho perso circa 2kg nel giro di 1 mese senza che stessi seguendo una dieta.
Sono moderatamente preoccupato e non nascondo che senza le analisi del sangue forse sarei veramente in pasto al terrore a questo punto.
Devo preoccuparmi?
Devo richiamare il dottore?
Grazie anticipatamente per la risposta.
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 24,3k 948 12
Verosimilmente solo intestino irritabile e notevole ansia.
Tra i due curerei l'ansia.
Cordiali saluti.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la risposta davvero celere. Per l'ansia sto già facendo qualcosa. Per il resto quindi mi conferma non devo fare nient'altro? Anche una banale terapia di fermenti lattici sarebbe eccessiva?
[#3]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 24,3k 948 12
Ok fermenti lattici.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4]
dopo
Utente
Utente
Perfetto, la ringrazio molto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test