Utente 224XXX
Buona sera gentilissimi Dottori. Arrivo subito al dunque. La mia ragazza utilizza nuvaring da ormai 18 mesi e, apparte qualche eccezione , il ciclo si è presentato sempre in maniera abbondante (anche se massimo per 4 giorni). Prima di spiegarvi vorrei dire che, una situazione simile si presentò quando dovette prendere il Diflucan. Anche in quel caso il ciclo fu scarsissimo , durò 1 solo giorno ed era costituito solo da macchie sull'assorbente. Veniamo alla situazione di oggi. La mia ragazza ha inserito Nuvaring il 1° giorno del ciclo, ha aspettato 3 settimane e l'ha tolto lo stesso giorno alla stessa ora (da 18 mesi è sempre il venerdi). Da una 10ina di giorni ha il basso ventre abbastanza gonfio (anche se lei soffre di stitichezza) e qualche doloretto sul fianco destro e su quello sinistro (ma nulla di cosi forte). Ieri sera (generalmente non ha molti sintomi premestruali anche se poi la situazione cambia di mese in mese) aveva dei crampi che facevano presagire l'arrivo del ciclo e in effetti questa notte c'è stata una perdita di sangue molto molto contenuta (1 chiazzetta di color rosso vivo con diametro di circa 1 cm o qualcosa più). Ha inoltre notato che pulendosi rimanevano sulla carta igienica delle striature di sangue sempre rosso vivo. Per quanto riguarda il test di gravidanza abbiamo voluto aspettare anche perchè sul libretto Nuvaring c'è scritto che può capitare.
Adesso io avrei da porvi dei quesiti :
- E' possibile che ci siano queste variazioni di ciclo (nei 2 mesi precedenti ha avuto cicli molto molto abbondanti) ?
- Possono derivare da una sorta di "abitudine" nei confronti di Nuvaring (tale da ricontattare la ginecologa per eventuale valutazione)?
- Abbiamo fatto bene a non allarmarci e a non prendere il test oppure secondo voi occorre prenderlo?
- Una goccia di sangue o poco più, nel giorno esatto in cui da 18 mesi (apparte 2 mesi che è venuto di giovedì) viene il ciclo può essere considera ciclo?
Grazie mille per le eventuali risposte e grazie in generale per il servizio offerto e per la passione/disponibilità che mettete ogni qualvolta qualcuno presenta un problema. Arrivederci

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Rispondo ale domande:
1.le variazioni della quantità dei flussi mestruali sono legate ad assunzione di farmaci, a variazioni dell'assorbimento degli ormoni dalla mucosa vaginale, da eventuali rimozioni dell'anello (seppur brevi) .
2. la riduzione della quantità dei flussi non deve allarmare , è legata alla quantità di estrogeni e progestinico (etonorgestrel) contenuti nel NUVARING.
3. se non ci sono stati errori nell'uso dell'anello,avete fatto bene!
4. rispondo alla stesso modo , escludendo gli errori , sì nessun problema.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 224XXX

Dottore innanzi tutto grazie mille per la gentilezza e la celerità della risposta. Una cosa però non ho capito. Queste variazioni di quantità del flusso sono normali (cioè in 18 mesi sarà capitato 3 volte di cui 1 sola in concomitanza con l'assunzione del Diflucan) oppure meritano un controllo ginecologico? Generalmente infatti la mia ragazza ha un flusso di 3-4 giorni (gli ultimi 2 mesi è stato un flusso molto abbondante) mentre questo mese il flusso è stato scarso (ieri mattina 1 piccola goccia e stanotte invece un quantitativo modesto ma non certo paragonabile ad una singola goccia) ed ora si è totalmente arrestato. L'unico problema che infatti abbiamo riscontrato con Nuvaring in questi mesi (oltre ad un gonfiore del basso ventre riscontrato questo mese ) è stato solo questo sopra descritto (ovvero un flusso che magari per 3-4 mesi è regolare e 1 mese arriva in minime quantità). Grazie mille per le delucidazioni. Arrivederci

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Dipende dalla interferenza a livello epatico dei farmaci assunti, o dal metabolismo epatico in generale, quindi rientra tutto nella normalità!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI