Utente
Buongiorno, mi chiamo Giorgia e ho 31 anni.
Negli ultimi 3 anni ho subito 3 conizzazioni e l'ultima, effettuata il corrente mese, è risultata ancora positiva per AIS. Esito: Frammenti superficiali e staccati di endocervive con displasia ghiandolare di grado severo borderline con l'adenocarcinoma, Immunoistologicamente la cellularità atipica esprime P16, (Cosa significa? il fatto che non abbiamo segnato anche Ki67 e P53 fa ben sperare?)
L'oncologo che mi ha operato mi ha messo di fronte alla scelta tra una 4° conizzazione (ultimo tentativo) o un'isterectomia, decisione che devo prendere a breve. Purtroppo però mi hanno anche detto che ormai il collo dell'utero è piuttosto scarso e che quindi un'eventuale gravidanza è molto a rischio. Io sono attualmente inserita nella lista di urgenza in una clinica dell'infertilità che appena possibile inizierebbe immediatamente la fecondazione artificiale.
Il mio quesito è: quante probabilità ho di riuscire ad avere un bambino? Considerando le possibilità di aborto prematuro e di nascita pre-termine, sarebbe un miracolo o è ancora possibile? Vale la pena continuare con un altro cono oppure a questo punto è più ragionevole l'isterectomia e mi devo rassegnare? Grazie per la Vostra attenzione.

[#1]  
Dr. Ario Joghtapour

48% attività
20% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
MONTEVARCHI (AR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Cara Giorgia, sei molto giovane, non si può trattare un argomento cosìcomplesso qui, io ti consiglieri di rivolgerti a un centro di Ginecologia Oncologica con eventuale rilettura della vetrina , Qui bisogna valutare due aspetti, il primo è aspetto conservativa vista l'età giovanile, il secondo il rischio di eventuale invasione. in bocca al lupo
Dr Ario Joghtapour Spec in Ginecologia Ostetricia Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Master Univers Medicina Materno-Fetale -Chirurgia Robotica

[#2] dopo  
Utente
Innanzi tutto grazie Dottore per la risposta.
Io sono seguita da 2 anni nel centro di prevenzione di Ferrara, e recentemente mi hanno inviato ad Aviano, nel centro oncologico, dove farò anche il prossimo intervento. Quindi da un punto di vista di "cura" dell'AIS mi stanno seguendo molto bene. Tuttavia, per me sarebbe importante capire, nel caso il 4° cono risulti negativo, se una successiva gravidanza è ancora possibile. Mi dicono che è ancora possibile, ma molto difficile. Nessuno mi da una percentuale di riuscita, di aborto tardivo o parto prematuro. Non capisco se sto sperando in un miracolo oppure se in questa situazione è un sogno ancora possibile. La ringrazio molto.

[#3]  
Dr. Ario Joghtapour

48% attività
20% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
MONTEVARCHI (AR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
..........Tuttavia, per me sarebbe importante capire, nel caso il 4° cono risulti negativo, se una successiva gravidanza è ancora possibile.

R: Vorrebbe dire la prosecuzione è vero?

........Nessuno mi da una percentuale di riuscita, di aborto tardivo o parto prematuro. Non capisco se sto sperando in un miracolo oppure se in questa situazione è un sogno ancora possibile.
R: purtroppo non è possibile dare una percentuale, naturalmente in un eventualmente gravidanza va seguita diversamente e con terapia progestinica e altro. cordialmente
Dr Ario Joghtapour Spec in Ginecologia Ostetricia Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Master Univers Medicina Materno-Fetale -Chirurgia Robotica

[#4] dopo  
Utente
Ancora una volta la ringrazio.
L'oncologo mi concede un'ultimo tentativo di conizzazione, per vedere se riusciamo a estirparlo e se dovesse risultare negativo anche al controllo a 3 mesi, mi aprirebbero una breve finestra per tentare una fecondazione assistita (tutte le analisi sono già state fatte e la clinica aspetta solo il via dell'oncologo). Avrei ancora la speranza di poter avere un bambino prima di dover fare l'inevitabile isterectomia. Sicuramente sarebbe considerata una gravidanza ad alto rischio, e sarei seguita non solo per i controlli per l'ais ma anche per riuscire a "reggere" il bambino. Mi hanno parlato anche del cerchiaggio. Ma mentre alcuni medici parlano di questo percorso come un miracolo, altri lo ritengono ancora possibile, senza però trascurare di farmi presente le eventuali "disgrazie". Non riesco a capire se sia ragionevole intraprendere questo percorso oppure se mi sto accanendo. Cerco solo un'indicazione, in base alla Vostra esperienza medica che vi vede a volte di fronte a casi difficili simili al mio.
So di chiedere molto, e capisco la Sua risposta. Apprezzo moltissimo anche solo che mi abbia risposto e la ringrazio molto.

[#5]  
Dr. Ario Joghtapour

48% attività
20% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
MONTEVARCHI (AR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Cara Giorgia che sia un percorso molto difficile lo sappiamo tutti, ma voler provare ad avere una gravidanza anche questo per una nullipara che è l'ultimo e l'unico occasione è sacrosanto. Mi ricordo una pz che si era rivolta a me per interruzione della gravidanza motivando che avendo perso già 4 gravidanza per incontinenza cervicale non poteva più sopportare questo dolore, ma per fortuna ha cambiato idea poi ci siamo riusciti ad arrivare oltre 32 settimane. Io penso che provare ad avere una gravidanza sia legittima, naturalmente consapevole di tutti i rischi elevati, aborto, rottura premature delle membrane, parto prematuro molto precoce, parto prematuro, ecc, importante è essere consapevoli che strada si sta percorrendo, per quanto riguarda eventuale cerchiaggio questo sarà valutato dai colleghi che ti seguiranno, penso che sia una scelta opportuna e necessaria, ci sarebbe anche questo pessario, leggi articolo che ho scritto

Pessario cervicale per la prevenzione del parto pretermine
https://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/2014-pessario-cervicale-per-la-prevenzione-del-parto-pretermine.html
comunque fammi sapere gli sviluppi. cordialmente
Dr Ario Joghtapour Spec in Ginecologia Ostetricia Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Master Univers Medicina Materno-Fetale -Chirurgia Robotica

[#6] dopo  
Utente
Grazie mille Dottore,

mi rincuora leggere le Sue parole. Mi hanno detto che un'ecografia potrebbe comunque darmi un'idea di quanto mi sarà rimasto del collo dopo il 4° cono e quindi avere un'idea più concreta della mia incontinenza cervicale.
Rimane comunque il terrore all'idea che un'eventuale bimbo possa sopravvivere ma riportare danni per il resto della sua vita...
Tuttavia credo che procederò col 4° cono, come ultimo tentativo, consapevole del fatto che sarà difficile riuscire a estirpare l'AIS.
Almeno però potrò sapere di aver tentato tutto il possibile prima di rassegnarmi.
La ringrazio ancora una volta per la Sua pazienza e gentilezza. La terrò informata sull'esito dell'intervento.
Grazie ancora, cordiali saluti.

[#7]  
Dr. Ario Joghtapour

48% attività
20% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
MONTEVARCHI (AR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
In bocca lupo, questo articolo ti potrebbe essere utile. cordialmente
Il trattamento conservativo dell’adenocarcinomain situ della cervice
http://www.colposcopiaitaliana.it/rivista2_19-21.pdf
Dr Ario Joghtapour Spec in Ginecologia Ostetricia Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Master Univers Medicina Materno-Fetale -Chirurgia Robotica

[#8] dopo  
Utente
Gent.mo Dottore,

finalmente ho in mano l'esito del 4°cono.

Cono di portio - Cervicite cronica e acuta con coilocitosi anche microcondilomatosa e displasia leve dell'epitelio esocervicale. Microfocale metaplasia pavimentosa con atipie dell'epitelio della giunzione. L'apice del cono è indenne.

Curettage canale cervicale - Frammentini, per lo più superficiali, di endocervice con iperplasia ghiandolare.

Considerato che sospettavano un ais, direi che è un buon esito. Sbaglio?
Nonostante il mio percorso, visto che l'ais è recidivato già una volta e che sono a rischio, potrei ritagliarmi qualche mese per tentare una gravidanza alla clinica della fertilità (esami già eseguiti e sono in cima alla lista delle urgenze nella clinica di Lugo)?

Inoltre, se possibile, vorrei chiederLe un altro parere: questo esito del cono di portio potrebbe giustificare il fatto che continuino a pensare alla presenza dell'ais, nell'esame istologico? Il precedente curettage effettuato sul cono ora asportato dava come esito:Displasia di grado severo borderline con l'adenocarcinoma. Era una lettura errata? Non può regredire a CIN 1 in 2-3 mesi, giusto? Come mai allora era positivo?

La ringrazio nuovamente per la Sua disponibilità,
cordiali saluti.

[#9]  
Dr. Ario Joghtapour

48% attività
20% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
MONTEVARCHI (AR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
....Considerato che sospettavano un ais, direi che è un buon esito. Sbaglio?
Nonostante il mio percorso, visto che l'ais è recidivato già una volta e che sono a rischio, potrei ritagliarmi qualche mese per tentare una gravidanza alla clinica della fertilità (esami già eseguiti e sono in cima alla lista delle urgenze nella clinica di Lugo)?

R: al più presto direi

..........L'apice del cono è indenne.
R: non capisco se intende tutti i margini indenne o no.

saluti
Dr Ario Joghtapour Spec in Ginecologia Ostetricia Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Master Univers Medicina Materno-Fetale -Chirurgia Robotica