acne  
Utente 484XXX
Buongiorno dottori,
scrivo in quanto vorrei chiarire alcuni miei dubbi e avere dei pareri esperti a riguardo.
Soffro d'acne da ormai 6 anni (ho 22 anni).
Nell'ultimo anno la mia acne si era abbastanza stabilizzata grazie alla pulizia e attenzione giornaliera al viso.
Ho deciso di iniziare la pillola contraccettiva nel Dicembre 2017. La mia ginecologa mi ha prescritto la pillola Edelsin o Cilest (vivo all'estero) dicendomi che avrebbe sicuramente aiutato la mia pelle. Sono al terzo blister ( 17 giorno di 21) e da un po' di settimane ho visto un peggioramento, es. acne in zone del viso in cui non mai avuto brufoli. La ginecologa in una seconda visita mi ha consigliato di provare la pillola Loette e vedere come si evolve la situazione con questa. Sinceramente non so cosa fare, ho paura di cambiare pillola per un peggioramento ulteriore!
Questa ricaduta non indifferente è dovuta alla pillola che sto assumendo?
Posso aspettarmi un miglioramento o peggioramento il prossimo mese?
Seguo con la pillola Edelsin? O inziare la pillola Loette potrebbe aiutarmi?
Grazie mille in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sicuramente il progestinico contenuto nella sua pillola (EDELSIN non conosco questa pillola , perchè non commercializzata in ITALIA ) non avrà un'azione ANTIANDROGENA come alcune pillole che contengono come progestinico :DROSPIRENONE, ciproterone acetato, clormadinone, dienogest. Tutti questi progestinici hanno attività antiandrogenica.
Si tratta di cambiare clima ormonale della pillola.
questo significa che ogni progestinico di sintesi ha una sua attività biologica e può sviluppare differenze funzionali che spiegano la differente compliance delle donne nei confronti di una stessa pillola.
saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI