Utente 416XXX
Buonasera,
ieri ho effettuato una visita ginecologica dopo vari anni che non effettuavo un controllo.
Premetto che assumo la pillola Lybella dal 2009 che mi era stata prescritta sia per la dismenorrea
e anche perché presentavo l'ovaio policistico.
Con l'assunzione della pillola i dolori sono notevolmente diminuiti.
Nella visita di ieri è emerso una formazione cistica di circa 2cm nell'ovaio sinistro con setti avascolari,
porto con disepitelizzazione periOUE.
Mi chiedo come sia possibile che nonostante la pillola assunta con costanza in tutti questi anni ci sia
queste cisti.
Il dottore mi ha detto di smettere di assumere la pillola per tre mesi e di effettuare una nuova ecografia passati i tre mesi.
Sospendendo la pillola la situazione non può peggiorare?

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Quando sono presenti queste formazioni cistiche , anche con assunzione di estroprogestinici (pillola, anello e cerotto ) quasi sempre si tratta di cisti paraovariche (benigne) definite residui embrionari o "cisti idatidee del Morgagni " .
Si tengono sotto controllo periodicamente , non ha un razionale scientifico sospendere la pillola .
Questo è il mio parere personale , al massimo potrebbe essere corretto eseguire il dosaggio dei markers.
L'osservazione sulla presenza di cisti durante l'assunzione di pillola è corretta !
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 416XXX

Buongiorno Dr. Blasi,

la ringrazio per la celere risposta.
Dunque può considerarsi normale la presenza di una ciste in concomitanza dell'assunzione della pillola.
Per questo mese ho deciso di continuare ad assumere la pillola, dato che quando non l'assumevo avevo dei forti dolori.
Il ginecologo mi ha aveva consigliato di sospenderla per tre mesi per effettuare una nuova ecografia e "vedere meglio" le ovaie.

La ringrazio ancora per la sua disponibilità.