x

x

Dolore pelvico cronico

👉Scopri come scegliere il miglior lubrificante intimo per le tue esigenze e per il tuo partner

Salve, sono una ragazza di 26 anni. Premetto che non ho mai avuto problemi con il ciclo e non ho mai sofferto di dolori anomali. Da gennaio sono iniziati i miei problemi di dolori pelvici transitori e amenorrea. Nello stesso periodo, dopo un tampone, è emerso che sono affetta da ureaplasma che sto trattando con un lungo ciclo di antibiotici. A causa del peggioramento del dolore pelvico sono andata due volte in pronto soccorso e lì mi sono sottoposta a visita ed ecografia transvaginale, da cui è risultato tutto nella norma, anche se non mi è stato detto nulla sulla presenza di follicoli. Questi dolori ormai sono cronici, coinvolgono la zona lombare, le anche e la regione superiore delle gambe, nelle ultime due settimane sono peggiorati e da ieri la temperatura è 37. La ginecologa che mi visitò a febbraio mi ha detto che la sintomatologia non è collegata all'ureaplasma. Si è limitata all'ecografia transvaginale. Cosa devo fare? I dolori non rispondono neanche al toradol ormai. Grazie.
[#1]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 41,6k 1,3k 255
Il dolore pelvico può essere fisiologico associato all'ovulazione e alla mestruazione e organico a partenza dall'utero, dalle ovaie e in questo caso bisogna ricercare la causa ( endometriosi?) .
altra causa da escludere è una NEVRALGIA DEL PUDENDO dolore nell'area innervata dal nervo pudendo che include i genitali esterni (vulva) l'uretra, l'ano ed il perineo. I sintomi includono dolori vaghi , dolori trafittivi , sensazione di bruciore, di puntura, intorpidimento, formicolio, sensazioni di freddo e di tensione.Il dolore e le parestesie possono estendersi fino all'inguine, alla faccia interna delle cosce, alle natiche e dell'addome.
Una RMN della pelvi potrebbe essere di aiuto
SALUTI

dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio dottore. Due domande: quindi l'endometriosi potrebbe non essere diagnosticabile dalla ecografia transvaginale? E la RMN la deve prescrivere il ginecologo o può farlo il medico di famiglia?
[#3]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 41,6k 1,3k 255
se si tratta di endometriosi a piccoli noduli , difficilmente si evidenzia con l'eco ,la diagnosi in questi casi è laparoscopica (invasiva) e strumentale con RMN .
Radiologi "dedicati" sono in grado di evitare il ricorso alla laparoscopia.
La prescrizione potrebbe farla anche il medico di famiglia.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Va bene dottore, seguirò il suo consiglio. Le confesso che ho molta paura perché ho letto che anche la PID provoca gli stessi sintomi, comportando sterilità. Ho collegato l'amenorrea a questo. Ma per ora, anche se la paura mi sta togliendo la forza di vivere, seguo i consigli di chi ne sa più di me. La ringrazio.

Sai proteggerti dal sole? Partecipa al nostro sondaggio