Atrofia celebrale

Buonasera.

Mia mamma 80enne da alcuni anni ha iniziato gradatamente a perdere la memoria per gli eventi recenti, questo poi l'ha portata a dimenticare anche nozioni vecchie e a ripetere spesso la stessa cosa appunto perché non la ricorda.

Solo recentemente l'ho convinta ad andare da un neurologo che le ha iniziato a fare dei test grezzi (in attesa di fare quelli ufficiali) ed ha avuto 22/30, non male calcolando la sua perdita di memoria.
Le è stata prescritta una risonanza ma visto che è ckaustrofobica abbiamo scelto di fare la tac da cui si evince:
"Esame tecnicamente limitato dalla presenza di artefatti da movimento.
Sistema ventricolare in asse, modicamente dilatato
Ampi gli spazi sub-aracnoidei della volta e della base in quadro di atrofia.

Non evidenza di zone patologiche di alterata densità cerebrale in atto".

Abbiamo la visita ed i test tra due mesi nel frattempo volevo un vs parere riguardo alla tac.
In base a quanto si evince dalla tac potrà avere una cura quanto meno per rallentare il peggioramento?
Ed inoltre leggo che il cervello è in atrofia quindi puo significare che puo essere Alzheimer?

Gli altri valori delle analisi sono normali (colesterolo etc).
Ha una lieve insufficienza venosa degli arti inferiori.

Grazie
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 74.8k 2.3k 20
Gentile Utente,

il reperto è compatibile con la sintomatologia della Mamma, infatti siamo davanti ad un quadro di atrofia cerebrale che indica sofferenza e perdita di neuroni.
Terapia? Non esiste una terapia risolutiva ma abbiamo diversi farmaci che possono aiutarla.
Solo con questi elementi non si può parlare di Alzheimer la cui diagnosi però è fondamentalmente clinica e confermata poi da esami sofisticati come la PET amiloide.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

L'Alzheimer è una malattia degenerativa che colpisce il cervello in modo progressivo e irreversibile. Scopri sintomi, cause, fattori di rischio e prevenzione.

Leggi tutto