Utente 372XXX
Buongiorno Dottori,
da tre giorni presento un forte raffreddore, iniziato con un mal di gola e condito da una bella sinusite (muco giallastro, sensazione di pressione nei seni paranasali in particolare destri, naso chiuso, lieve mal di testa o sensazione testa pesante) e da tosse grassa per la quale sto prendendo carbocisteina sale di lisina. Ora, fin qui forte raffreddore come decine di altre volte mi è successo. Quello per cui Vi sto importunando è che ho notato lievi/moderate cefalee transitorie, nella zona frontale e/o poco sopra le tempie, che si presentano in occasione di alcuni colpi di tosse o alcune volte soffiando il naso. Non capita sempre quando tossisco, anzi direi che il più delle volte non capita, ma avendo letto dell'esistenza di una cefalea da tosse secondaria, pericolosa, mi sono preoccupato e quindi vorrei chiedere se nel mio caso verosimilmente si tratta solo di un sintomo associato alla sinusite destinato a risolversi col decorso di essa. Aggiungo che prima del raffreddore/sinusite non avvertivo alcuna cefalea durante colpi di tosse volontari (ad esempio per schiarirsi la voce) o soffiando il naso.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

in base alla Sua descrizione, la cefalea sembrerebbe associata al processo infiammatorio in atto, considerato che non ne ha mai sofferto né Le capita ogni volta.
In ogni caso la cefalea da tosse è nella maggioranza dei casi primaria benigna e solo in una percentuale minore secondaria a condizioni organiche cerebrali.
Le ricordo infine che queste sono soltanto delle ipotesi a distanza senza alcuna pretesa diagnostica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 372XXX

Gentile Dottor Ferraloro,
la ringrazio per la solerte risposta. Oggi sto molto meglio e contestualmente la cefalea associata alla tosse è svanita. quasi del tutto.
Grazie,
le auguro un buon weekend

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla, buon fine settimana anche a Lei!

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 372XXX

Dottor Ferraloro,
mi rivolgo ancora a le in quanto è stato molto gentile l'altra volta e per evitare di intasare il sito con un'ulteriore richiesta di consulto, visto che comunque il mio nuovo dubbio è correlato al precedente che posi alla sua attenzione.

Come le scrissi, 10 giorni fa ebbi forte raffreddore con annessa sinusite e leggera bronchite, curata nel giro di una settimana. Passati tutti i sintomi (compreso il mal di testa da tosse per la quale la contattai), mi è però rimasto un forte fastidio alla testa, quotidiano, più o meno persistente nel corso della giornata, dalla sveglia alla sera. Specifico che non si tratta di dolore vero e proprio, anzi, bensì di un senso di pesantezza che opprime fronte, tempie, occhi e zona dei setti paranasali. Talvolta è maggiormente presente a destra, mentre altre volte a sinistra, spesso bilaterale. Come dicevo non è per niente presente dolore vero, tranne in rarissimi casi in cui avverto leggere e passeggere fitte più a lato o nella nuca. Il senso di pesantezza, di oppressione o cerchio aumenta se mi chino in avanti o alzandomi da accucciato. Aggiungo inoltre che soffro di allergia stagionale ai pollini , che si esprime generalmente con rinite da fieno.

Ho dunque pensato che questi miei sintomi potrebbero essere ricollegabili alla sinusite non ancora completamente guarita, ma, anzi, accentuata dell'allegria. Volevo però chiedere se anche secondo lei potrebbe essere così. Ho provato a trattare con acido acetilsalicilico, ma a poco è servito. Comunque, niente di realmente insopportabile, solo fastidio e leggero senso di ovattamento, ma essendo un tipo ansioso, spero comunque in una sua risposta.

Grazie

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'ipotesi dei postumi della sinusite è possibile, così come quello di una cefalea di tipo tensivo anche senza dolore. Ovviamente non si può stabilire a distanza, Le consiglierei di parlarne al medico curante per una valutazione diretta del problema. In ogni caso potrebbe anche risolversi spontaneamente tra qualche giorno.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 372XXX

Gentilissimo Dottor Ferraloro,
innanzitutto grazie per la velocissima risposta.
Aggiungo solo, a quanto scritto prima, che talvolta mi dolgono i denti molari e premolari superiori, in associazione a quella cefalea, chiamiamola così, descritta poc'anzi. Questo solo per completezza di descrizione.

Grazie ancora per la risposta, è stato gentilissimo!

Cordiali saluti

[#7] dopo  
Utente 372XXX

Buongiorno Dottor Ferraloro,
Le scrivo innanzitutto per comunicarLe che, come aveva previsto Lei, i sintomi che Le avevo descritto sono cessati in un paio di giorni. Ora va tutto bene.

Poi Le vorrei porre ancora una domanda: da anni (non me ne ero mai preoccupato prima, ma ora è un periodo che sono un po' ansioso e così mi prendono talvolta un po' di paranoie), mi capita che eseguendo un piccolo sforzo (come "andare di corpo" oppure tirando un grido forte e secco) avverta una leggere fitta trafittiva al capo, sopra, quasi sempre localizzata nello stesso punto, che si risolve da sola nel giro di pochi secondi, lasciando, solo talvolta e raramente, un leggero senso di indolenzimento che comunque anch'esso svanisce in poco tempo. Non mi causa comunque mai un dolore forte, ma molto leggero. Oppure in altre occasioni mi capita che incominci ad avvertire una senso di aumentata pressione intracranica, che non mi causa altro se non un fastidio che si risolve cambiando posizione (sovente accade da sdraiato). Oppure dopo un periodo di starnuti prolungati (come le dicevo soffro di allergia stagionale), capita che avverta un po' di cefalea (oppure durante lo starnuto stesso). O ancora, leggere fitte portando un peso. Non includo in tutti questi sintomi le classiche emicranie, che mi sono sempre venute, anche raramente e trattate talvolta con antinfiammatori e subito risolte e le quali non mi destano comunque preoccupazione. Ora, quello che Le vorrei chiedere è se tutti questi sintomi, singolarmente o nella loro totalità, possano sottendere a qualcosa che debba essere indagato oppure posso stare tranquillo. Come detto sono anni che li avverto e non mi hanno mai dato nessun'altro fastidio oltre a quelli descritti. Scusandomi per essermi dilungato, la ringrazio e Le auguro una buona giornata.

[#8] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è possibile che in seguito a sforzi si crei una tensione muscolare epicranica, cioè dei muscoli presenti sulla superficie ossea della testa, che danno origine a questi piccoli disturbi.
Ovviamente è solo un'ipotesi a distanza senza nessuna pretesa di veridicità.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#9] dopo  
Utente 372XXX

Grazie, grazie davvero Dottor Ferraloro. Quindi, mi perdoni, esclude che tali sintomi siano spia di seri problemi neurologici? Poi per il resto mi rivolgerò al curante, come giustamente suggerisce sempre Lei. Grazie mille

[#10] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

apparentemente non sembrerebbe un sintomo indicativo di malattie neurologiche, considerato anche che ne soffre da diversi anni, ma a distanza non si può escludere nulla per cui un approfondimento diagnostico presso il medico curante è senz'altro indicato.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente 372XXX

grazie mille, buona Domenica

[#12] dopo  
Utente 372XXX

Gentilissimo Dottor Ferraloro,
mi perdoni se la importuno ancora. Poco fa ero davanti al pc a svolgere alcune attività, solo che ero seduto non esattamente in maniera consona, ossia mi trovavo con la schiena leggermente orizzontale, le natiche sul bordo della sedia e la nuca appoggiata alla parte superiore dello schienale della sedia. Ho iniziato ad avvertire una sensazione di forte pressione alla testa, ma non il comune "cerchio" che da sensazione di pressione esterna, bensì sentivo crescere la pressione dall'interno, come accade, ad esempio, durante un eccesso d'ira.. Ora, in realtà non è la prima volta che mi accade, nelle medesime condizioni di postura, ma così forte non mi era mai successo. Inoltre ho accusato alcune brevissime fitte in zone differenti del cranio, contestualmente al senso di pressione. Nel momento in cui le sto scrivendo tutta la sintomatologia descritta è quasi totalmente regredita, ma mi farebbe comunque piacere un suo parere, se vorrà. Certo, giustamente sottolinea sempre i limiti e la non pretesa di veridicità di un consulto a distanza, ma mi basterebbe sapere che non è nulla di grave. Poi nel caso provvederò a visite di persona.
Grazie e mi perdoni ancora per l'ennesimo disturbo (l'avrà capito, sono un soggetto un po' ansioso).

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la sintomatologia riferita sembrerebbe causata da problemi posturali, questa sarebbe una spiegazione possibile, consideri pure che un singolo sintomo non può essere pienamente valutato a distanza.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 372XXX

Sì, ma ne rendo conto e me ne scuso. L'ansia mi fa porre domande talvolta prive di senso. E' un periodo un po' così, pieno davvero di stress.

Comunque al di la delle ansie, quella sinusite di cui le avevo parlato non mi è ancora del tutto passata o, perlomeno, ho avuto una bella ricaduta. Stamattina mi sono svegliato con tutta la narice destra e i seni paranasali destri completamente otturati. E annessa lieve cefalea da tutto il giorno. Non che sia nulla di insopportabile, ma considerando che non posso andare avanti a prendere acetil cisteina per mesi, avrebbe per caso qualche altro principio attivo da consigliarmi?

Comunque grazie di tutto, Lei è davvero gentile.

Buona serata

[#15] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

come da linee guida del sito, non si possono consigliare farmaci a distanza, ne parli col Suo medico curante o con l'otorino.
Stia comunque sereno.

Buon primo maggio
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente 372XXX

Ah, credevo non si potessero consigliare nomi commerciali, ma dei principi attivi sì. Mi scusi ancora allora.

Buon Primo Maggio anche a Lei!

[#17] dopo  
Utente 372XXX

Gentilissimo Dottor Ferraloro,
una improvvisa sensazione di calore al lato destro della testa, che per meglio descrivergliela potrei dirle che è stato come se qualcuno mi versasse del liquido molto caldo dalla sommità del capo e che via via colava all'interno, durata pochi secondi (forse nemmeno 10) e senza altre sintomatologie, a cosa potrebbe essere dovuta? Non intendo la classica sensazione di calore alla cute della testa, ma proprio come se ci fosse qualcosa di caldo e mobile all'interno. Ero seduto davanti al pc e forse, ma non ne sono sicuro, prima di questa sensazione ho avvertito una leggera extrasistole (ne soffro da anni, indagate e risultate benigne). Chiedo perché al contrario delle altre cefalee che le descrissi tempo fa, questa non mi era mai capitata.

Grazie e mi perdoni l'ennesimo disturbo che le arreco.

[#18] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il sintomo che descrive non è un tipico sintomo neurologico, per cui, considerata anche la brevissima durata, non sarebbe da escludere un'origine psicosomatica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#19] dopo  
Utente 372XXX

Grazie mille,
gentilissimo come sempre.
Buon weekend

[#20] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla, buon fine settimana anche a Lei!
Dr. Antonio Ferraloro

[#21] dopo  
Utente 372XXX

Gentilissimo Dottor Ferraloro,
Le scrivo per chiederle una cosa che nulla c'entra con quanto chiesto in precedenza. Stamane, sono rimasto chiuso in un vecchio ascensore. Essendo stato però al piano, ho forzato la porta per poter uscire. Nel farlo ho toccato, con pollice ed indice della mano sinistra, la serratura dell'ascensore e ho preso la scossa. Li per li, oltre al classico lieve senso di stordimento non ho avuto altri sintomi. Dopo poco ho iniziato ad avvertire leggera parestesia al mignolo della medesima mano. Ho già parlato col mio medico curante, il quale mi ha tranquillizzato. Se i sintomi al mignolo dovessero persistere, naturalmente lo ricontatterò. Quello che vorrei chiedere a lei, Dottore, è questo: potrebbe tale scossa aver causato un qualche danno ad organi interni, ad esempio al sistema di conduzione elettrico del cuore oppure all'encefalo? Mi perdoni per l'ennesimo disturbo da soggetto ansioso quale sono, grazie mille

[#22] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

stia tranquillo, non ha procurato alcun danno ad organi interni.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro

[#23] dopo  
Utente 372XXX

Grazie mille,
buona settimana